• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

Ilaria Biondi, autrice di "In canti di versi"

Ilaria Biondi



Ilaria Biondi nasce a Parma nel 1974. Dopo gli studi liceali, si laurea in Lingue e Letterature Straniere presso l’Università di Bologna. Durante il Dottorato di Ricerca in Letterature Comparate vive per lunghi periodi in Francia, dove approfondisce la conoscenza della lingua francese. Si occupa di traduzione letteraria e critica della traduzione, di letteratura francese e belga (in lingua francese) e letteratura tedesca dell’Ottocento. È appassionata di letteratura fantastica, science-fiction, letteratura al femminile, letteratura di viaggio, letteratura per l’infanzia e poesia. Collabora con riviste letterarie (Quaderni di Synapsis, Quaderni del CeSLiC, Comunicare Letteratura, Ottocento, Experience, Palazzo Sanvitale, Leggere Donna, Pagine Giovani, Progetto Babele, Future Shock) e portali culturali con articoli e recensioni.
Nel 2011 pubblica il volume Raymond Radiguet. Giovinezza perduta, eterna giovinezza per i tipi di Delta Editrice.
Scrive componimenti poetici e occasionalmente partecipa a readings di poesia. Ama lavorare con i bambini e organizza periodicamente letture animate, corsi e laboratori. È lettrice volontaria presso l’Ospedale dei Bambini della sua città.


Recensore, redattrice






In canti di versi


segnalazione-libro-in-canti-di-versi
Editore:  Il Papavero
Genere: Poesia
EAN 9788898987542

Costo Cartaceo: 6,65 €
Ibs




Ilaria è innamorata del tempo lungo dei giardini, delle montagne, delle rocce, delle valli che cantano ai raggi del sole. Di quel tempo irreversibile, compagno fedele del silenzio, scaturito dall’ascolto del sé.
La sua poetica è nutrita da parole talvolta caricate oltre il loro tradizionale significato, ammiccano inoltre al rapporto privilegiato con il suono. Musicalità e ritmo infatti concorrono a regalare passaggi vibratili che stimolano l’immaginazione visiva sia che si tratti di sguardi su panorami estesi che su certe inquadrature ravvicinate.





I MIEI ARTICOLI




LETTO E RECENSITO




About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...