• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • I libri dei nostri collaboratori

  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

Emanuele Zanardini, autore di "La guerra è finita, andate in pace" e "Mi sento un uomo in viaggio (d'amore)"

Emanuele Zanardini


Sono nato nella provincia lombarda, una notte d'estate del '76.
Ho scavallato l'età della scuola senza infamia e senza lode... e ancora sto “immaginando” cosa farò “da grande”.
Ho toccato il suolo dei cinque continenti, ho visto il mondo, senza avere la pretesa di averlo capito. Eppure in ogni luogo ho trovato una storia. E ho deciso di raccontarle!
Non ricordo quando iniziai a scrivere la prima volta, ma una data è rimasta indelebile nella mia mente: 20 dicembre 1992. Allora scrissi la prima poesia di una lunga serie.
Ho scritto anche un racconto per bambini: "Pagliaccetto e l'oceano", autopubblicato.
Poi sono passato a qualcosa di più “forte”, pur non abbandonando il primo amore. Questo è il primo tentativo di entrare nel giro.


Redattore | Recensore






La guerra è finita, andate in pace


Editore: bookabook
Genere: Romanzo storico
ISBN: 978-8899557416

Ebook: 5,00 €
Amazon

Cartaceo: 13,60 €
Amazon

“La guerra si combatteva anche tenendo fede alle promesse, qualunque esse fossero. E pregando che un giorno potesse finire. Tirando su i figli, spiegando loro che niente giustificava una guerra.”
Una guerra dietro di sé lascia macerie, ferite, vinti e vincitori, ma non solo. Tra i colpi di mortaio, gli sfollati, gli alimenti razionati e l'attesa di chi dovrebbe tornare dal fronte, donne e uomini non perdono l'abitudine di scoprirsi e amare. Così un amore dirompente, come una detonazione, scoperchia, scava, stravolge. E alla fine nulla davvero può essere come prima.
I protagonisti di questi racconti sono avidi di vita, di speranza. Di amore. Un fuggiasco attende la donna amata, in riva a un lago. Un bambino domanda alla madre, chi sono i buoni e chi i cattivi. E suo padre? Una moglie, in attesa del marito, ospita in casa sua un pilota francese.
La guerra non li colpisce direttamente, ma entra dentro di loro, che trepidano per la sorte dei propri cari impegnati al fronte. Nell’attesa della donna amata. Nella resistenza strenua contro l’invasore. E non si lasciano sopraffare, ma lottano per liberarsi, per guadagnare un futuro migliore.


Mi sento un uomo in viaggio (d'amore)


Editore: SelfPublished
Genere: Poesia
ASIN: B0085SG1E8

Ebook: 2,99 €
Amazon




Un viaggio d'amore, iniziato come dono. La vita. Un amore avuto e donato, a volte preteso o negato, tenero o violento, per una persona o per un luogo, ma sempre in cammino. Verso il futuro.








LE MIE RECENSIONI




I MIEI ARTICOLI


About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!