• Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

Intervista al lit-blogger: un caffè con Alessandra

Oggi, contrariamente a quanto preannunciato, abbiamo il piacere di farvi conoscere Alessandra che ci parlerà del suo blog L'angolino di Ale.

Ciao e benvenuta nella nostra rubrica. Raccontaci qualcosa di te: oltre ad essere una blogger, chi è Alessandra nella vita di tutti i giorni? A proposito, congratulazioni! Nel tuo blog hai raccontato che presto diventerai mamma! ^_^
Ciao a tutti! Oltre ad essere una book blogger, Alessandra è una viaggiatrice. Amo viaggiare e conoscere nuove culture e nuove lingue. Non sempre questo è possibile e allora mi affido ai libri, i quali mi permettono di viaggiare stando comodamente seduta a casa (o sul treno…dato che sono una pendolare)! Lavoro in ambito turistico e questo mi permette di occuparmi di altri viaggiatori, come me. Ebbene sì, tra qualche mese diventerò anche mamma e spero di riuscire a trasmettere a mio figlio la passione per la lettura e la curiosità nei confronti del mondo.

Come e quando è nata l’idea di aprire un lit-blog? In base a cosa hai scelto la grafica, essenziale ma d’effetto, pulita o ordinata? E il nome? Mi fa pensare ad un luogo intimo, sicuro, in cui fare quattro chiacchiere con un’amica…
L’idea del blog è nata, come spesso accade, quasi per caso. Avevo voglia di condividere i miei pensieri e le mie impressioni di lettura con altri, così ho deciso di intraprendere questa strada sul web. Il nome del blog nasce dalla mia indole di “consigliera”, nel senso che spesso mi dicono che offro dei validi consigli (sul lavoro, in famiglia, ecc.), come una sorta di “rubrica editoriale” nella quale c’è chi necessita di un suggerimento e chi, dall’altra parte, offre il proprio supporto. Il mio angolino nasce così: dalla voglia di creare un luogo sicuro nel quale scambiarsi opinioni e consigli (di lettura, di viaggio, di vita). In merito alla grafica, sebbene io non sia del settore, cerco di lavorarci su per ottenere un aspetto il più possibile ordinato. Non posso invitare gli amici-lettori nel mio angolino e poi fargli trovare tutto sotto sopra, no?



Cosa credi debba avere un lit-blog per distinguersi dalla massa? È sufficiente che gli ideatori/amministratori siano appassionati di libri? E L’angolino di Ale cos’ha di diverso, secondo te perché piace?
Ormai di lit-blog ne abbiamo a sufficienza per occupare tutta la blogosfera. Per distinguersi credo si debba sempre personalizzare il proprio lavoro; renderlo diverso dagli altri. Creare dei propri contenuti e rielaborare delle informazioni in modo personale credo sia sempre fondamentale. La passione che il blogger ci mette nel proprio spazio è il motore trainante di tutto. Non saprei dirti in che modo L’angolino di Ale sia diverso rispetto ad altri e quale sia la sua marcia in più, lascio giudicare voi! Sono sempre alla ricerca di consigli e suggerimenti per migliorarmi.


Il tuo è senza dubbio uno dei lit-blog più seguiti, con oltre tremila follower. Inoltre collabori con numerose case editrici. In che cosa consiste questa collaborazione e com’è nata? Pensi che i siti letterari possano influenzare davvero le scelte dei lettori? O ritieni che un lit-blog debba essere indipendente e personale?
In genere seleziono con cura i contenuti da proporre sul mio blog. Talvolta collaboro con autori o case editrici, le quali mi inviano anteprime ed informazioni sulle ultime novità in ambito letterario. Dato che il mio lavoro sul blog è del tutto libero da vincoli, decido personalmente cosa proporre a mia volta ai miei lettori e cosa, invece, ritengo opportuno “scartare”. Penso che un sito letterario ben fatto e con una firma riconoscibile possa dare quella garanzia necessaria affinché il lettore possa fidarsi e, magari, decidere di seguire i consigli che vengono offerti.

Qual è il target di pubblico cui ti rivolgi e che generi letterari prediligono? E tu, hai preferenze personali sui tipi di libri che presenti e recensisci?
La lettura è un bene ed un valore comune, per questo non mi rivolgo ad un target specifico ma desidero condividere le mie letture con tutti: lettori-forti, lettori di passaggio, neo-lettori, lettori junior e senior, lettori scettici e così via. Per questo motivo spazio molto tra vari generi letterari. Io stessa amo molto cambiare ed alternare vari tipi di lettura: dal classico al chick-lit, dalla narrativa contemporanea al fantasy, passando per un thriller ed un romance.

Non credo sia facile organizzare un blog che parli di libri, perché bisogna trovare e creare i giusti spazi per approfondire svariati argomenti: le recensioni, le presentazioni degli autori, le anteprime, le rubriche, gli editoriali e via dicendo. Come ti programmi? Quali sono le maggiori difficoltà che incontri nella gestione?
Gestire un blog o un sito letterario non è per nulla semplice. Ci vuole molto tempo per preparare fotografie, banner, contenuti, ecc. Riuscire a coniugare questo lavoro con i propri impegni quotidiani non è sempre facile. Io cerco di darmi delle scadenze, programmando i post che desidero pubblicare e tenendo un calendario editoriale che mi permetta di organizzarmi al meglio. La maggior difficoltà di gestione sta nel riuscire a ritagliarsi del tempo da dedicare esclusivamente al blog, senza distrazioni.

Nel tuo blog non sono presenti eventi come challenge, giveaway o gruppi di lettura. Come mai questa scelta controcorrente?
Come dicevo poco fa, il tempo è tiranno e, dando priorità alle recensioni ed anteprime, non riuscirei a dedicarmi anche ad altre attività come challenge e gruppi di lettura. Sono dell’idea che se una cosa va fatta, debba essere sempre fatta bene. Meglio dedicarsi a poche attività ma che siano ben curate. Ciò non toglie che, di tanto in tanto, partecipo a qualche blog tour o eventi che ritengo meritevoli.

In L’angolino di Ale ci sono degli appuntamenti fissi, delle rubriche che gestisci con cadenza settimanale?

Le mie rubriche non hanno una vera e propria cadenza settimanale. Anche se cerco di pubblicare ogni settimana almeno una recensione ed una panoramica sulle novità letterarie (quella che io chiamo “Books overview”).



In L’angolino di Ale c’è spazio soprattutto per le recensioni, come funziona? Scegli tu i libri da leggere in base ai tuoi gusti personali o ti vengono inviati dagli autori o dalle case editrici? Ti è mai capitato che un autore si sia lamentato per una recensione negativa? Come ti regoli in questo caso?

Nel mio angolino prediligo gli articoli relativi alle recensioni. Autori ed editori mi propongono molte letture ma io faccio sempre una cernita di quello che, secondo me, merita di essere discusso sul blog. Mi è capitato solo una volta di ricevere le lamentele di un’autrice non soddisfatta della mia recensione. Il libro in questione non meritava molti elogi ed io ho sinceramente espresso la mia opinione sul romanzo in questione (sempre con assoluto rispetto ed educazione, cercando di essere il più oggettiva possibile e fornendo sempre le giuste motivazioni). Trovo che gli autori di questo tipo abbiano ancora molta strada da fare: se sei un esordiente dovresti sempre fare tesoro dei suggerimenti o critiche, sempre che queste ultime siano costruttive naturalmente. Devo dire che con il tempo sto diventando sempre più esigente e selettiva e spero che questo possa giovare al mio spazio sul web.

Ci sono blogger che hanno fatto “il grande passo” arrivando a collaborare con giornali nazionali ed editori o pubblicando libri. Data la tua abilità nello scrivere, hai mai pensato di pubblicare un libro o di proporti per qualche testata giornalistica?
Credo che questo sia un po’ il sogno di tutti i blogger ed aspiranti scrittori! Sarebbe davvero un sogno che si realizza, quello di poter collaborare con qualche testata giornalistica oppure poter pubblicare qualcosa di mio. Per il momento porto avanti questo lavoro con costanza e passione, mettendocela tutta e provando a migliorare sempre, tutti i giorni. Se poi in futuro questa passione potrà essere messa a frutto attraverso altri canali, che ben venga!


Nuovi progetti per il futuro. Come credi sarà L’angolino di Ale nel giro di un anno? Pensi sia necessario un restyling frequente, per stare al passo coi tempi e dimostrare un continuo upgrade dei contenuti, o è meglio restare fedeli al format originario per dare continuità ed essere facilmente riconoscibili dai lettori?
Conto di migliorare sempre di più il mio angolino. Sono una persona che ama molto il cambiamento in positivo, non amo le situazioni troppo statiche. Amo la stabilità purché sia un continuo evolversi di idee e progetti utili al miglioramento continuo. Le novità ed i programmi per il futuro sono ciò che ci mantengono in vita!

La domanda che non ti ha mai fatto nessuno: fatti LA domanda e datti la risposta!
Mi faccio la domanda che mi pongo tutti i giorni: “Sei soddisfatta della tua vita?” La risposta sarebbe molto articolata ma la riassumerò con un: “certo che sì! Ci vuole tanto impegno per ottenere ciò che si desidera. Ma mettendocela tutta, possiamo sempre arrivare alla nostra meta”

Volere è potere, quindi!
Grazie per essere stata con noi, a nome de “Gli scrittori della porta accanto” ti faccio tanti in bocca al lupo per i tuoi progetti futuri.
Grazie a voi ed un saluto a tutti i lettori ed al gentilissimo staff de “Gli scrittori della porta accanto”. Buon lavoro anche a voi e…crepi il lupo! ;-)




Interviste ai protagonisti della blogosfera letteraria. 
Se hai un lit-blog, un sito o una pagina FB che parla di libri, contattaci Contattaci per un'intervista personalizzata. 





Stefania Bergo
Non ho mai avuto i piedi per terra e non sono mai stata cauta. Sono istintiva, impulsiva, passionale, testarda, sensibile. Scrivo libri, insegno, progetto ospedali e creo siti web. Mia figlia è tutto il mio mondo. Adoro viaggiare, ne ho bisogno. Potrei definirmi una zingara felice. Il mio secondo amore è l'Africa, quella che ho avuto la fortuna di conoscere e di cui racconto nel mio libro.
Con la mia valigia gialla, 0111Edizioni.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

1 commenti:

  1. Grazie Alessandra! Accetterò volentieri le tue critiche perché dalle critiche si impara, dagli elogi no. Un abbraccio, a presto

    RispondiElimina

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!


Novità editoriali

LIBRERIA GLI SCRITTORI DELLA PORTA ACCANTO