• Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "Dall'inferno si ritorna" di Christiana Ruggeri, recensione di Stefania Bergo


Dall’inferno si ritorna, di Christiana Ruggeri, Giunti, 2015. “Acqua fredda nel cuore, ecco cosa sentivo quando mi parlavano della mamma e io non me l'aspettavo”.

Leggere questo libro è proprio come passeggiare in un girone dantesco. Anzi, molto peggio, perché quanto descritto non è esercizio narrativo, pura visione. È realtà.
Bérénice, detta Bibi, prima di quell’orrenda mattina, è una bambina tutsi come tante. Il papà è morto combattendo in Uganda per il fronte patriottico ruandese e lei vive con la mamma, un fratellino piccolo e la zia, madre di altri due bambini. Il nonno le ha lasciate qualche anno prima, dopo aver infuso nei nipoti molta più conoscenza dei libri di scuola.
Ma quella mattina, tutto il mondo di Bibi viene annientato. I diavoli venuti dall’inferno, come lei identifica gli hutu, entrano in casa, appena dopo colazione, e si accaniscono contro le donne, disperate nel tentativo vano di proteggere i loro figli, massacrando brutalmente l’intera famiglia. Anche i bambini.
La descrizione che Christiana Ruggeri ne fa è tutt'altro che giornalistica, come spesso ho sperato. La crudeltà è descritta con tale trasporto passionale che schizza dalla pagina come il sangue dai corpi martoriati. È impossibile restare impassibili. Soprattutto se si è madri. Soprattutto se si ha una bambina di cinque anni...
Momenti di spietata lucidità alternati ad altri di misericordiosa incoscienza, traghettano Bibi nei primi giorni della sua vita da sopravvissuta. Una sopravvivenza che a tratti appare come una fortuna, mentre per la maggior parte del tempo è solo una condanna, intrisa di sensi di colpa e rabbia per non essere stata "schiacciata come uno scarafaggio", "lavorata", come erano soliti dire gli hutu parlando dei tutsi. Perchè lei ora è una bambina di cinque anni che deve imparare a badare a se stessa, che giustifica la crudeltà raccontandosi che Dio se ne sia andato dal Rwanda, lasciando il male imperversare senza potersi opporre.

Sulla sua strada, Bibi incontra miracolosamente persone che si occupano di lei, traghettandola in salvo a scapito della loro stessa vita. 

Dal Rwanda scappa in direzione dello Zaire assieme alla sua mamma numero tre, i suoi improvvisati fratelli e quasi un milione e mezzo di profughi rwandesi.
S’intromette di nuovo il fato, accompagnandola oltre confine, dove si abbandona alla nuova solitudine, in attesa. Di vivere. Di morire. Tutt’intorno, l’irrazionalità di uno scenario apocalittico di sfollati, epidemie, donne violate e infanzia perduta. Ma anche affetto, dedizione, speranza, nelle mani e nelle parole di associazioni non governative straniere e locali che aiutano quella parte d'Africa a risollevare la testa ferita.
Nello Zaire, Bibi ritrova Dio e si dà una spiegazione sulla sua fuga dal Rwanda. Lui era lì ad aspettare i profughi, i sopravvissuti, quelli chiamati a fare i conti con l’orrore per il resto della loro vita. Lì, torna lentamente alla normalità e finalmente può parlare e piangere la sua famiglia, senza più fingere.
Il programma dei governi di Zaire e Rwanda è però quello di riportare i profughi a quello che rimane del loro paese, alla ricerca, spesso infruttuosa, di superstiti. Ma il Rwanda è ora abitato da spettri reali e corpi vuoti, come sperare di poter ritrovare qualche volto amato? Eppure, al sicuro delle mura di un orfanotrofio, confortata da suor Celeste, la sua mamma numero cinque, Bibi cresce nel fisico e nello spirito, trovando la sua strada: diventerà un medico, come quelli che ha conosciuto nella sua breve ma già così impietosamente intensa esistenza.
Quando preghi, lascia Dio in Ruanda e non portarlo da voi in Italia. Abbiamo ancora tanto bisogno di lui, laggiù. Anche se sono passati oltre vent'anni, sai, sono sempre preoccupata che si sposti in un altro paese e ritornino i mostri...

La storia di Bibi è diventata un libro grazie a Christiana Ruggeri, che ha raccolto i racconti di Bérénice, ormai adulta, giunta in Italia per studiare e diventare medico. 

Grazie all'associazione Progetto Rwanda Onlus, cui metà dei proventi della vendita dell'opera sono destinati. La giornalista ha saputo condensare la tragedia di Bibi, fondendola con il dramma dell'ultimo genocidio del XX secolo, in un libro che si legge col fiato sospeso, sperando fino all'ultimo in un finale che non potrà mai essere lieto, date le premesse, ma almeno giusto. La sua abilità sta nell'aver fuso lo stile giornalistico, in cui gli avvenimenti vengono riportati, senza dare giudizi, ad una narrazione passionale, mai fredda, da cui trapelano le emozioni che Bibi deve averle trasmesso raccontandole la sua vita. La paura. Gli insopportabili sensi di colpa, la rabbia soffocata, l'incoscienza infantile, il dolore devastante per la perdita della mamma, la nostalgia di una vita e di uno stato dell'anima che non torneranno mai più. La paura. Questo libro è intriso di paura, la sensazione dominante di chi sopravvive col corpo ma non con lo spirito, di chi ha visto ed è condannato a ricordare, di chi non sa più di cosa o chi fidarsi e tutto diventa terrore allo stato puro, che ti fa tremare come una foglia, gridare per indicibili incubi, urinare senza controllo ascoltando un proclama alla radio.
Eppure, per volere del fato (che Bibi identifica come la mano protettrice della mamma morta e degli angeli) o dell'astuzia e della forza personali, si può tornare anche dall'inferno.
Invece è la forza delle donne che ha risollevato il Ruanda, che mi ha aiutato, fatto sopravvivere e infine ispirato. Le sopravvissute, abusate, mutilate, annientate prima nel fisico e poi nell'animo, hanno saputo andare oltre al proprio dolore individuale, di mogli violate, di madri a cui hanno strappato i figli, di donne a cui è stata prosciugata ogni goccia di dignità.


Dall'inferno si ritorna

Un racconto toccante. Un punto di vista inedito su uno dei peggiori massacri dei nostri tempi.
Il 7 aprile del 1994 in Ruanda ha inizio uno dei massacri più atroci della storia: il genocidio perpetrato dagli hutu contro i tutsi e gli hutu moderati. L'ultimo genocidio del XX secolo. In 101 giorni vengono assassinate un milione di persone, c'è un omicidio ogni dieci secondi, le violenze sono inenarrabili.
Il 13 aprile 1994 un gruppo armato hutu entra in casa di Bibi, a Kigali. Quando, molte ore dopo, Bibi si sveglia, non ricorda cosa è successo: ha solo il desiderio di bere succo d'ananas e avverte un odore pungente nella stanza. Ha il braccio destro dilaniato, l'addome perforato dai proiettili, lesioni alla nuca e a un orecchio causate dai calci. Nella stanza i cadaveri della mamma, del fratellino, della zia e dei cuginetti.
Bibi è sopravvissuta. Oggi vive a Roma ed è una giovane studentessa di medicina. Questa è la storia del suo viaggio infernale fino allo Zaire, insieme a un milione e duecentomila profughi in fuga da morte e desolazione. E del ritorno al suo paese, tra inaspettati gesti di coraggio e sorprendenti atti di solidarietà, con l'inatteso lieto fine di un sogno realizzato in Italia.

di Christiana RuggeriGiunti Editore  | Narrativa non fiction
ISBN 978-8809805798 | cartaceo 12,67€  | ebook 8,99€  Acquista



Stefania Bergo
Non ho mai avuto i piedi per terra e non sono mai stata cauta. Sono istintiva, impulsiva, passionale, testarda, sensibile. Scrivo libri, insegno, progetto ospedali e creo siti web. Mia figlia è tutto il mio mondo. Adoro viaggiare, ne ho bisogno. Potrei definirmi una zingara felice. Il mio secondo amore è l'Africa, quella che ho avuto la fortuna di conoscere e di cui racconto nel mio libro.
Con la mia valigia gialla, 0111Edizioni.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

1 commenti:

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!


Novità editoriali

LIBRERIA GLI SCRITTORI DELLA PORTA ACCANTO