• Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[#professionelettore] L'editoriale di Stefania Bergo: #ioleggoperchè, cos'è cambiato per Ugo?



Il 23 aprile è stata la giornata mondiale del libro e del diritto d'autore e a qualcuno è venuta l'idea di legare a quest'evento un bell'hashtag, #ioleggoperché, per sensibilizzare i NON lettori, far loro cambiare idea, tentare di avvicinarli alla lettura convincendoli, a suon di libri di dieci autori noti regalati sia porta a porta che online, che leggere sia bello. Anche noi, nel nostro piccolo, abbiamo aderito all'iniziativa coi nostri libri e creato una bacheca personale con le nostre motivazioni: perché leggiamo?

Veniamo ora ai nostri nuovi lettori (se ci sono stati).
Ugo ha sedici anni e legge sì e no un libro l'anno, se si escludono quelli di scuola. È stato avvicinato da un messaggero di cultura mentre stava andando a farsi un aperitivo con gli amici. Ha ricevuto in regalo un libro di Pennac e ci ha pure fatto bella figura, presentandosi all'happy hour con il volume sottobraccio, manco fosse un ragazzo di via Panisperna. Salvo poi tornare a casa e vendersi il capolavoro su ebay.
Forse, sebbene le intenzioni fossero delle migliori, il modo in cui è stata condotta la sensibilizzazione non è stato del tutto efficace. Analizzandola ora, dopo un mese, sufficiente a fare un bilancio col senno di poi, lucido, e non con quello travolto dal delirio della conversione dell'infedele, la nobile campagna #ioleggoperché aveva un difetto di fondo: era una crociata portata avanti da credenti (nei libri), tutti intenti a convertire i miscredenti, gli eretici che non svengono annusando un libro, ma pensano semplicemente che puzzi d'inchiostro.
Forse, avremmo dovuto semplicemente metterci in ascolto e cercare di capire perché gli altri non leggano (come abbiamo tentato di fare su questo blog, senza però risposta, ahimé...), e non gridare a gran voce perché noi invece lo facciamo. Regalare un libro per invogliare a leggere ha senso solo se il problema è il suo costo, perché non tutti se lo possono permettere. Ma se Ugo non legge perchè non gli piace o perchè non è mai stato abituato a farlo, allora non mi sorprende che abbia venduto il libro ricevuto in regalo senza nemmeno dargli una possibilità. 1:0 per Ugo, messaggero sconfitto. Che occasione sprecata...
Magari, a far leggere Ugo, recidivo, avrebbe dovuto pensare la sua insegnante, che lo conosce e poteva trovare per lui un autore mirato, che sapeva avrebbe catturato la sua attenzione invogliandolo ad andare oltre la prefazione. 1:0 per la professoressa Cavicchioni e nuovo lettore annoverato tra i redenti (ammesso sia obbligatorio redimersi). Perché Ugo, in realtà, NON legge perchè nessuno gli ha mai fatto amare la lettura, sempre propinata come un dovere, mai come un piacere. E ancora una volta, il regalo inaspettato di Pennac è stato interpretato come l'ennesimo obbligo.

Ma magari, se il sistema ha fallito con Ugo non è detto l'abbia fatto anche con Matilde e Giacomo, che da un mese a questa si sono innamorati del fruscio delle pagine e si sono chiesti perché non abbiano mai letto prima con così tanta passione.
Dopo un mese dall'evento, quindi, cos'è cambiato? I messaggeri hanno avuto la loro meritata soddisfazione attraverso un feedback dai lettori? Le librerie hanno aumentato il volume delle vendite? Gli store online hanno effettivamente constatato un aumentato numero di accessi? Il bookcrossing ha iniziato a spopolare tra i giovani? I siti letterari sono stati presi d'assalto per consigli di lettura e informazioni?



Stefania Bergo
Non ho mai avuto i piedi per terra e non sono mai stata cauta. Sono istintiva, impulsiva, passionale, testarda, sensibile. Scrivo libri, insegno, progetto ospedali e creo siti web. Mia figlia è tutto il mio mondo. Adoro viaggiare, ne ho bisogno. Potrei definirmi una zingara felice. Il mio secondo amore è l'Africa, quella che ho avuto la fortuna di conoscere e di cui racconto nel mio libro.
Con la mia valigia gialla, 0111Edizioni.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!


Novità editoriali

LIBRERIA GLI SCRITTORI DELLA PORTA ACCANTO