• Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

Recensione autori emergenti "Una stella nella polvere"

AUTORE: Carl Mood
EDITORE: Lettere Animate | Acquista
GENERE: Western Fantasy
ASIN:  B00PKIAVDS

Futuro. Un uomo cavalca al passo nel deserto, lungo un’antica autostrada transcontinentale. L’uomo indossa un cappello e una camicia ingiallita, una bandana e una mantiglia dello stesso tono che ha la luce sopra la sua testa. Porta stivali consumati ai piedi, e pantaloni a cui sole, pioggia e vento hanno confuso il colore al punto da renderlo indecifrabile. Ai suoi fianchi pesa una coppia di pistole in fondine di cuoio bollito, alla schiena un fucile, e sul petto una bandoliera piena a metà di proiettili, che mandano bagliori pazzi mentre il cavallo ciondola un passo dopo l’altro.
L’uomo è uno sceriffo e ha attraversato il deserto perché la sua vita, e i suoi obblighi, finiscono dall’altra parte: c’è un bandito a cui l’uomo deve portare la giustizia che in quel momento riposa nei tamburi delle sue pistole, e prendere il suo scalpo per offrirlo al giuramento di un tempo passato. Questa è la sua storia, lo è stata per l’arco intero della sua esistenza, ma lo sarà ancora per poco.
Perché c’è qualcos’altro ancora, oltre l’estrema linea dell’orizzonte, oltre le dune, le nuvole, le città e il mare che verranno, qualcosa che è nei suoi sogni e nei suoi desideri da quando la caccia è iniziata. Una fine, finalmente? Scuoterebbe la testa l’uomo, se io, o voi, gliene parlaste così. Scuoterebbe la testa e sorriderebbe, forse. Magari ricorderebbe come si fa, e sorriderebbe prima di arrotolare, senza abbassare lo sguardo ai suoi stessi movimenti, una sigaretta per voi e una per sé.
Una fine? Un inizio piuttosto. E il dovere che gli rimane, se pure lo ha tenuto avvinto per anni a quel sentiero, al confronto è futile come la sabbia che il vento solleva intorno a lui.

RECENSIONE

“Una stella nella polvere” è ambientato in un lontano futuro post-apocalittico dove, in un mondo in pieno decadimento, coesistono esseri umani, mutanti, e organismi cibernetici, ultima testimonianza di un alto livello tecnologico raggiunto “prima che il mondo andasse avanti”. Lo scenario ha connotazioni tipicamente “western” ed è collocato in un territorio che dovrebbe corrispondere agli attuali Stati Uniti. E in questo scenario che incontriamo Chase Bowman, il protagonista, uno sceriffo impegnato alla ricerca del suo ultimo fuorilegge.
Ho letto con grande piacere questo romanzo di Cal Mood, anche perché sembra che l’autore l’abbia scritto apposta per soddisfare le mie preferenze letterarie.
Già dalle prime pagine mi sono ritrovato immerso in un’atmosfera che mi era familiare, poi l’utilizzo di alcuni termini ed espressioni (“Ka”, “erba diavola”, “la mia parola in pegno” e tante altre), mi hanno confermato quello che già dall’inizio mi era parso evidente: la fonte di ispirazione dell’autore è
la saga de “La Torre Nera” di Stephen King, la mia serie preferita.
Nella prima parte del libro, Chase Bowman mi è sembrato troppo Roland di Gilead alla ricerca della sua Torre, poi quando la storia entra nel vivo – non vi entra nel presente della narrazione ma attraverso i flashback del protagonista – si apre un mondo nuovo e inedito con cui l’autore, grazie a uno stile narrativo originale e coraggioso, coinvolge il lettore e lo attira dentro la storia con la stessa
forza gravitazionale di una stella di neutroni.
Il lessico utilizzato è crudo, spietato ma questo è sicuramente il sistema più adatto per raccontare questo fantasy così particolare. In realtà, l’accezione “fantasy” utilizzata per questo romanzo è una semplificazione, perché questa storia, dove si fondono elementi fantasy con lo sci-fi e l’horror, ha tutte le carte in regola per essere etichettata come di genere “new weird”.

Personalmente, avrei reso più personale l’opera evitando di utilizzare lo stesso glossario del “Medio Mondo” di King ma, evidentemente, l’autore avrà avuto le sue ragioni, anche perché con il suo scritto dimostra di avere una straordinaria fantasia e una considerevole proprietà di linguaggio. A parte questo, che dire: talento puro!




Elia Spinelli
Elia Spinelli è nato nel 1967 e vive a Buonabitacolo (SA) con la moglie e i suoi due figli. Si occupa di consulenza nel settore dei serramenti.
“Il Riparatore" è il suo romanzo d'esordio.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!


Novità editoriali

LIBRERIA GLI SCRITTORI DELLA PORTA ACCANTO