• Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

Recensione autori emergenti "Non sono nato e mi sento molto bene"

AUTORE: Angelo Gavagnin
EDITORE: Ilmiolibro Selfpublished | Vai alla scheda del libro
GENERE: Mainstream
ISBN:  9788891085276




Non siamo obbligati a mettere al mondo dei figli, il pianeta è già allo stremo e ci chide attenzione. Visto che l'Umanità non è così intelligente come crede di essere, forse l'unico modo per riuscire a stare bene, tutti, è essere un numero che il pianeta riesca a sopportare e supportare. Daltronde chi non è nato non soffre certo per questo, anzi,penso proprio, che stia meglio di noi.

RECENSIONE


Questo piccolo saggio in forma narrativa di Angelo Gavagnin qualche anno fa poteva essere definito controcorrente. Adesso non possiamo più esserne così sicuri.
La domanda che l’autore si pone all’inizio e al quale cerca di dare una risposta ci accompagnerà per tutta la narrazione: abbiamo veramente bisogno di mettere al mondo altri figli in una terra già sovraccarica di esseri umani?
Partendo da questo assunto l’autore ci guida in un viaggio, visto con gli occhi di padre di una figlia femmina, attraverso le contraddizioni, le ipocrisie e i vizi dell’umanità contemporanea. Gavagnin tocca i vari aspetti e le diverse età della vita del nato e di chi consapevolmente o meno l’ha messo a mondo. In realtà, l’autore, usando come un moderno Virgilio la voce narrante del padre, abbraccia tutto lo spettro della vita dei nostri giorni, dal sistema educativo alla cultura cattolica praticante, passando attraverso i nuovi sistemi d’informazione (o disinformazione) di massa come le televisioni, la scuola multietnica, l’avanzare della tecnologia che invece di migliorare la nostra vita ha portato impoverimento e disoccupazione. Non mancano incursioni nella politica, in Babbo Natale, la profezia dei Maya, il lavoro e le vacanze al mare. Tutto questo mentre vediamo il protagonista passare da una vita spensierata prima del lieto evento, come l’appartenenza al movimento anarchico e un iniziatico viaggio in India che lascerà tracce indelebili nella sua vita, alle responsabilità e angosce che il suo nuovo ruolo comporta. Ed ecco allora che dopo asili nido, supermercati, attività sportive di moda, inizia a prendere corpo la necessità di un altro viaggio catartico in più riprese percorrendo la via di San Francesco, ma con uno spirito laico e critico che lo porterà a pensare alla fine della sua esistenza terrena, non come qualcosa di pauroso e terribile, ma a un evento che lo condurrà a reincarnarsi in un’altra identità e alla quale si dovrà preparare adeguatamente.
Questo saggio- racconto di Gavagnin si legge piacevolmente ma non con leggerezza perché ci pone di fronte a riflessioni serie e importanti. La narrazione scorre critica, aspra nei confronti della società, ma anche divertente e ironica ed è destinato a un lettore con una buona apertura mentale e immune da preconcetti radicati e obsoleti. Potete anche non essere d’accordo con lui, ma questa è l’umanità attuale.



Franco Mieli
Da ragazzo scrivevo nel giornalino della scuola. Da circa 4 anni ho deciso di riprendere la scrittura. Ho pubblicato due due racconti noir, editi da Montecovello Edizioni, “Lupi nella nebbia” e “Zanne”, e il thriller “Ombre Pagane” uscito a marzo 2015.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!


Novità editoriali

LIBRERIA GLI SCRITTORI DELLA PORTA ACCANTO