• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

Segnalazione autori emergenti "Soundtrack: Love"


Segnalazioni autori emergenti
SOUNDTRACK: LOVE 
di Jessica Franchini 
Lettere Animate 
Young Adult | Romance | Thriller
ISBN  9788868825034 
ebook 1,99€ | Amazon - Bookrepublic 



Sara Minelli ha un sogno: sfondare nel mondo della musica con le Black Cat, il gruppo rock fondato con le sue amiche, partecipando al Brand New Contest, una gara tra band che assicura al vincitore un contratto discografico. "It's a long way to the top if you wanna rock'n'roll" come cantano gli AC/DC e Sara incontra diversi ostacoli lungo la sua strada, a partire dalla famiglia conservatrice e benestante, che non vede di buon occhio la sua passione per la musica perchè considerata "cosa inutile"; ci sono poi le Miss Mononeurone, un gruppo di compagne di scuola che la deridono per questa sua passione e soprattutto il professore Mariani, insegnante di matematica nell'istituto tecnico in cui studia, che la considera indisciplinata e poco incline allo studio. A peggiorare le cose, c'è Francesco Lorenzi, soprannominato Prinz dal gruppo di teppisti di cui fa parte. Odio, amore, speranza e sogni sono gli ingredienti di questo incontro, due note apparentemente lontane ma che producono in realtà lo stesso suono. Ogni capitolo fa riferimento a una canzone, il cui testo riflette il contenuto del capitolo stesso e tutti insieme formano una colonna sonora, “Soundtrack”.

{
Correvo perchè avevo bisogno di capire”. E’ nell’incipit del capitolo 18, il sottofondo di “Map of the Problematique” dei Muse, che Prinz si interroga su ciò che gli sta capitando. Il suo atteggiamento nei confronti di Sara è cambiato, ha pure disobbedito a Nero, il capo della banda di teppisti a cui appartiene, per difendere la ragazza. Scivola come un’ombra nella notte, nero come la sua moto, nero come l’animo che ha sempre mostrato a tutti tranne che a lei, nero come l’asfalto che sta percorrendo senza una meta.
“Soundtrack: Love” non è solo una storia: è un pezzo di vita adolescenziale, dove i sogni e le speranze si fondono con le scelte e le difficoltà che la vita ci mette davanti tutti i giorni. E’ una colonna sonora, dove ogni canzone accompagna un momento differente della vita dei protagonisti, Sara e Prinz, facendo da sottofondo alle loro emozioni.

intervista a Jessica Franchini, BitBot
}

L'AUTORE
Mi chiamo Jessica Franchini, sono di Ferrara ma abito in un piccolo paese della provincia, per scelta d’amore (mio marito è di lì). Faccio parte del Gruppo Scrittori Ferrarese, amo leggere romanzi storici, biografie, horror, passando dalla letteratura per ragazzi a quella per adulti; di un libro mi intriga la trama, prima ancora del genere.
Passato da cantante, presente da Account Manager nelle Risorse Umane, futuro da… beh, i sogni nel cassetto sono tanti, vediamo quale si realizza per primo!
​​“​Soundtrack: Love​” è il mio​ primo romanzo​; il titolo si riferisce a una saga, formata da tre volumi e la particolarità dell’intera vicenda è che ogni capitolo ha il titolo di una canzone a cui il testo del capitolo si ispira.​


Contattaci per segnalare il tuo libro.  

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...