• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

Anteprima: Claudio Paganini racconta la Trilogia Wiccan




TRILOGIA WICCAN 
di Claudio Paganini  | Facebook 
0111Edizioni 
Fantasy 

WICCAN - Libro primo
ISBN 978-88-6307-767-4
ebook 5,99€ | Acquista  
cartaceo 15,00€ | Acquista 

Era un rigido inverno quello del 1680, quando mia madre Mary mise al mondo un piccolo esserino tutto rosso e paffuto che avrebbe poi chiamato Sara: io, tutta strilli e pianti, avida di latte e di attenzioni, misero premio dopo così tante sofferenze.
Nulla di speciale nella storia di Wenham, piccolo borgo immerso nel verde dei boschi e della campagna, a poche miglia da Salem, nella contea di Essex, il 2 febbraio dell’anno del Signore 1680.
Una bimba speciale, baciata dalla Dea, condannata da un’antica profezia a essere il fulcro vitale nell'eterna lotta tra il Bene e il Male, tra la Luce e le Tenebre in un contesto crudele di persecuzione e di morte che fecero di Salem e del suo tribunale un esempio indelebile di spietata ferocia.

NEMICO NELL'OMBRA - Libro secondo 
ISBN 978-88-6307-896-1 
ebook 4,49€ | Acquista   
cartaceo 14,50€ | Acquista  

Sono passati alcuni anni da quando Sara, la piccola wicca di Salem, ha aperto per la prima volta i suoi occhi innocenti su un mondo dilaniato dall'eterna lotta tra la Luce e le Tenebre, nell'anno del Signore 1680, anni spesi ad acquisire tutte quelle capacità magiche che faranno di lei, suo malgrado, la paladina del Bene, lo strumento di un'antica profezia che regola da tempi immemorabili l'equilibrio cosmico tra la Luce e le Tenebre. il Caos avanza, inesorabile, corrompendo gli animi della gente semplice della contea, trasformando le paure e le superstizioni in odio e sete di vendetta. E mentre Salem affronta il periodo più buio e terribile della sua storia, Sara e la sua famiglia sono minacciati dagli adepti del Male che scatenano su di loro ogni sorta di maleficio. Ma le forze del bene sono altrettanto potenti e imprevedibili e guideranno la piccola wicca attraverso il sentiero della salvezza e dell'apprendimento in modo da prepararla allo scontro finale, che si preannuncia terribile e imminente.


Raccontaci qualcosa di te: chi è Claudio Paganini nella vita di tutti i giorni?
Innanzi tutto buongiorno e grazie per l’opportunità che mi offrite per farmi conoscere al vostro pubblico.
Claudio Paganini, nella vita di tutti i giorni è una guardia particolare giurata che vive a Chiavari, una cittadina rivierasca del levante ligure in provincia di Genova. Sposato con Orietta da 30 anni e padre di due figli ultra maggiorenni Alessio e Danilo, ha la passione per la scrittura che coltiva nel suo tempo libero insieme alla passione per la natura e le passeggiate all’aria aperta, possibilmente in collina. Una vita come tante altre suddivisa tra gli impegni di lavoro e quelli familiari ma con la possibilità di poterne vivere altre del tutto speciali ogni qualvolta si siede davanti alla tastiera del suo computer e le sue dita volano sulle lettere creando personaggi e ambientazioni che lo portano lontano, anima e corpo.

Sei un autore molto prolifico, hai scritto un sacco di romanzi e racconti. Ce ne fai un cenno?
Volentieri. Ho iniziato a scrivere quasi per gioco, per vedere se potevo riuscirci, quasi una sfida con me stesso; leggevo molto, specialmente libri fantasy e di fantascienza e provare a scrivere mi sembrava una logica conseguenza a quella mia passione. A 18 anni ho iniziato la stesura del mio “sogno nel cassetto”, un romanzo di fantascienza sui viaggi nel tempo dal titolo “Quarta Dimensione: avventura ai confini del tempo” rigorosamente a mano su un grosso quaderno. Ci sono voluti anni prima di riuscire a digitalizzarlo e dopo varie revisioni e correzioni l’ho sepolto in un cassetto per paura del giudizio altrui. Con il tempo e dietro le insistenze di amici fidati a cui lo avevo fatto leggere, nel 2006 ho provato a sottoporlo ad alcune piccole case editrici e nel 2007 la Gammarò edizioni lo ha pubblicato con mia somma gioia e soddisfazione. Grazie a questa iniezione di fiducia ho sottoposto i lavori che nel frattempo avevo ultimato ad altre realtà editoriali rigorosamente free e così nel 2012 la mia attuale casa editrice, la 0111 Edizioni ha pubblicato “Pandemia” un thriller – catastrofico scritto in prima persona e in tempo reale, un modo di scrivere estremamente difficoltoso frutto di una scommessa con me stesso, nel tentativo di fare sempre cose diverse, sempre più difficili. Nel 2013 la 0111 Edizioni raccoglie una serie di miei racconti brevi sul mondo del paranormale pubblicandoli in una raccolta dal titolo emblematico di “11 piccole ombre” mentre altre 5 piccole ombre vengono offerte in scarico gratuito su tutti i maggiori bookstore a scopo promozionale. Intanto la mia passione inarrestabile produce altri romanzi; a fine 2013 esce “I Custodi del Destino”, un romanzo fantasy che all’origine doveva essere un racconto breve ma, com’era già successo per “Pandemia”, ha cominciato a vivere di vita propria. È un fantasy contemporaneo ambientato su un’isola deserta molto particolare. Nella mia continua ricerca di nuove sfide scrivo nel frattempo alcuni racconti brevi pubblicati singolarmente, tra cui un Noir per adulti dal titolo emblematico “Il bacio di Vlad” e un altro leggermente irriverente sulla caduta di Lucifero vista dalla parte del perdente dal titolo “La verità dei vinti”. Ma non potevo non cimentarmi in quell’aspetto del fantasy che sempre mi ha affascinato: la magia. Nasce così l’idea della trilogia Wiccan, un fantasy storico che ha come sfondo Salem e la triste quanto famosa persecuzione delle streghe del 1692, un racconto che ha preso vigore e risvolti inaspettati proprio durante la fase di stesura tanto che da semplice romanzo è finito con il diventare una vera e propria trilogia sulla magia delle streghe wicca.

Veniamo alla Trilogia Wiccan, di cui sono usciti il primo e il secondo capitolo, dal titolo, rispettivamente “Wiccan, primo libro” e “Nemico nell’ombra”. Il prossimo libro uscirà nel 2016. Com’è nata l’idea? E, soprattutto, è già nata come trilogia o l’appetito viene scrivendo?
La trilogia Wiccan nasce dal desiderio di esplorare un argomento che non avevo ancora affrontato ma che mi ha da sempre affascinato e incuriosito: il mondo della magia. Prendendo spunto da una vicenda tanto nota quanto tragica accaduta realmente a Salem nella contea di Essex nello Stato del Massachusetts nell’anno del Signore 1692 ho raccontato la vita di Sara, una bimba figlia di coloni puritani, erede delle conoscenze della madre, una strega wicca fuggita dalle persecuzioni dell’inquisizione e destinata ad essere il fulcro di una antica profezia sulla guerra tra il Bene e il Male.

È indubbiamente una serie fantasy. Ci racconti di che cosa parla?
Tutta la trilogia narra la vita di Sara, dalla sua nascita avvenuta a Wenham, un piccolo villaggio a poche miglia da Salem in una notte piovosa del 1680 a come, fin da bambina, il potere della Dea Madre, Gea, si manifesta in lei con grande gioia e stupore della mamma, anch’essa un’adepta di questo culto antico. Un’antica profezia annunciava l’avvento di un’epoca oscura in cui la Luce e le Tenebre si sarebbero nuovamente affrontate e la nascita di un prescelto che sarebbe stato il campione del Bene in questo epico scontro. Nessuno però era preparato al fatto che gli Dei scegliessero proprio quella giovane come loro rappresentante né del fatto che le stesse divinità scendessero in campo per aiutare Sara nel suo difficile compito.
In un contesto storico difficile come quello delle colonie americane della fine del diciassettesimo secolo, tutti i poteri magici conosciuti entrano in gioco per dare sostegno e aiuto alla piccola wicca; dagli shamani delle tribù pellerossa agli stregoni celtici arrivati insieme ai padri pellegrini in quelle terre lontane, fino a personaggi che operano al limite tra la Luce e le Tenebre con una magia Oscura che potrebbe fare la differenza tra la quasi sicura sconfitta e l’improbabile vittoria. Sara dovrà affrontare pericoli e delusioni fino alla fuga e allo scontro finale contro un nemico troppo potente e spietato per lei.

Qual è il target a cui ti rivolgi? Che tipo di lettori ambisci a conquistare?
Il target del lettori di libri fantasy è estremamente ampio e variegato e coinvolge persone di ogni età. I miei lettori hanno un’età media di trent’anni con punte davvero promettenti nella generazione post adolescenziale. È questa la fascia di lettori che mi piacerebbe avvicinare, persone molto critiche e con gusti ben definiti nonostante la giovane età, capaci di dare un giudizio a mio parere costruttivo e di grande importanza.

Quanto ti ha coinvolto intimamente la stesura di questi romanzi? C’è qualcosa di autobiografico?
L’impatto emotivo che ho nello scrivere i miei romanzi è enorme; io vivo letteralmente le storie che elaboro tanto da perdermi in esse, da estraniarmi completamente dal mondo che mi circonda per immergermi in quello fantastico che sto pensando di scrivere. Inevitabilmente questo porta a lasciare traccia di me nei personaggi, aspetti o qualità che le persone che mi conoscono bene riescono a cogliere nel carattere o negli aspetti più particolari dei protagonisti dei miei libri e questo, oltre a sorprendermi ogni volta, mi fa sicuramente piacere.

Per scrivere questi libri hai dovuto svolgere delle ricerche?
Dietro a ogni libro, a ogni storia che ho raccontato, c’è un lavoro di ricerca lungo e scrupoloso; lo scopo è proprio quello di rendere il romanzo il più credibile e reale possibile, di far credere al lettore che quello che sta leggendo non è fantasia ma realtà. Le ambientazioni, i riferimenti storici, perfino gli aspetti delle malattie e dei sintomi ad esse legati devono essere precisi e veritieri; chi legge deve avere l’opportunità di essere trasportato all’interno della storia, di viverne ogni aspetto, dal più lieto al più triste, dal più gioioso al più pauroso senza accorgersi di essere dall’altra parte della pagina e non all’interno di essa. Se si riesce a fare ciò, si ha la gioia e la soddisfazione di aver trasmesso ad altri tutte le meravigliose sensazioni che si ha provato nello scrivere quella storia.

C’è qualche messaggio particolare che speri di comunicare attraverso questi romanzi?
Io scrivo principalmente per il piacere che provo nell’esplorare dimensioni altrimenti precluse; vorrei che tutti quelli a cui piace leggere riuscissero a “vivere” quello che leggono con la stessa intensità con cui io vivo quello che “scrivo”. Il messaggio che spero di trasmettere ai miei lettori è che esiste un universo che pulsa di meravigliosa bellezza appena al di là delle normali percezioni, di quella sottile soglia che separa la realtà dalla fantasia. Attraversare quell’effimero confine è così semplice quanto, a volte, complicato: basta aprire le pagine di un libro e cominciare a leggere le prime righe.

Nel terzo capitolo ci sarà una conclusione o ci dobbiamo attendere episodi successivi?
Il terzo capitolo, che spero verrà pubblicato a metà 2016, chiuderà il ciclo di Sara, la piccola wicca di Salem, con una conclusione al cardiopalma. Il finale, come spesso mi accade, è arrivato come un fulmine a ciel sereno pochi capitoli prima della fine naturale del libro dando un’impronta decisamente drammatica e ricca di pathos che mi ha veramente soddisfatto. Ma vista l’affinità emotiva con questo personaggio, voglio anticipare che ritroveremo Sara in un altro libro che sto attualmente scrivendo insieme ai protagonisti di un altro romanzo precedente, “I Custodi del Destino”. Questo la dice lunga sull’affetto che mi lega ai personaggi dei miei libri.

Grazie per essere stato con noi, Claudio. In bocca al lupo per i tuoi progetti futuri!
Grazie a voi per l’intervista e un caloroso abbraccio a tutti i vostri lettori.


Se hai un libro in uscita o vuoi presentarlo nel nostro Caffè Letterario, Contattaci



di Elena Genero Santoro
Ama viaggiare e conoscere persone che vivono in altri Paesi. Lettrice feroce e onnivora, scrive da quando aveva quattordici anni.
Perché ne sono innamorata, Montag
L’occasione di una vita, ebook Lettere Animate
Un errore di gioventù, 0111 Edizioni
Gli Angeli del Bar di Fronte, 0111 Edizioni.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...