• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

Anteprima Giulia Mastrantoni racconta "One Little Girl - From Italy to Canada"


ONE LITTLE GIRL
FROM ITALY TO CANADA 
di Giulia Mastrantoni | Twitter - Instagram - G+ - Youtube - FB
Selfpublished 
Short Novel (Inglese)
ASIN B013O2A1I6 
ebook 1,82€ | Amazon  

That’s the story of an italian girl dreaming of Canada. Her adventure starts when she discovers Avril Lavigne. At the age of thirteen she decides that it is time for her to look for a dream and to stick to it. When she falls for Avril she suddenly decides that she is going to become a great musician and that she will learn how to write her own songs. While doing some research about her idol, she discovers she is from Napanee. She has no idea where this city is, so she looks at her globe. When she starts singing lessons she discovers how hard having a dream is. She is determined to do her best but she lives in a small italian city, so she will have to struggle a lot to find the possibilities she is looking for. A series of funny episodes - the first time she ever cooked spaghetti, or the first time her cousin had gelato -, fill her life. The italian flavor meets teenage dreams. The identity of the girl is kept secret until the end of her story, so she is always named as “she”. The book “has not been proofread” by choice, but the reader will find out the reason at the end of the story.


Raccontaci qualcosa di te: chi è Giulia Mastrantoni nella vita di tutti i giorni? Una studentessa di lingue, e poi?
Mi chiamo Giulia Mastrantoni; ho 22 anni, una laurea in Lingue e tanta voglia di vivere. Sono stata così fortunata da incontrare la redazione del Messaggero Veneto Scuola quattro anni fa e ho iniziato a farne parte; poi sono arrivate le collaborazioni con Sconfinare e SugarPulp, i vari festival di cinema e le bellissima esperienza in radio come speaker. Ho recentemente ricevuto molte soddisfazioni letterarie, come il premio Napoli Cultural Classic per la Narrativa Giovani e la pubblicazione della mia prima antologia di racconti, “Misteri di una notte d’estate” con la Edizioni Montag, in versione cartacea. Poi ho deciso di pubblicare il mio primo eBook in inglese, “One Little Girl – From Italy to Canada”, che è uscito in concomitanza con il mio trasferimento in Canada per motivi di studio.

Questa non è la prima opera che pubblichi, vero?
In effetti, no. Vari miei racconti sono stati pubblicati su SugarPulp ("Scott è un cane blu", "Il primo sparo", "Preconcetti universali", "Baciami oppure") e altri fanno parte di antologie di concorsi artistico-letterari ("I denti di Dracula" per il Napoli Cultural Classic, "Un gelato a Milano" e "Una tesi sulla Terra" per Noi, gli Extraterresti e l'Universo, "Halloween con le lasagne" per Halloween all'italiana 2014).
Quando è arrivata la proposta di contratto per "Misteri di una notte d'estate", sono stata felicissima!

Veniamo all’opera “One Little Girl - From Italy to Canada”, una short story. Com’è nata l’idea?
Sono arrivata qualche settimana fa in Canada, per motivi di studio. Ma la cosa era nell'aria già da più di un anno, il che mi ha dato tempo e modo di "sentirmi ispirata". Ne è uscita fuori una storia che sa molto di favola; è ambientata tra la mia città natale, Frosinone, nel Lazio, e il Canada. Credo che l'eBook sia nato soprattutto dalla voglia di "riderci su".

Ci racconti di che cosa parla? A quale genere appartiene? E, soprattutto, in che lingua è scritto e perché questa scelta?
Parla di una bambina, di cui si scoprirà l'identità solo alla fine del romanzo. Non sa bene cosa vuole fare da grande, ma sa che è arrivata l'ora di scegliere un sogno e mettersi ad inseguirlo. Tra tutte le opzioni che esistono al mondo, sceglie quella che, negli anni in cui ero teenager io, andava decisamente di moda: decide di voler fare la rockstar. Il suo idolo è Avril Lavigne, una cantante canadese che per lei è perfetta. E allora decide che vuole andare a duettare con lei in Canada.
Non credo che sia realmente riconducibile a un genere, ma ha molto della favola. Ho deciso di scriverlo in inglese perché... si scopre alla fine del romanzo.

{
She woke up one morning and tried to pull the covers off, and it was then, in the middle of such an ordinary action, that she realized she truly needed a goal in her life: she was thirteen and was about to finish middle school. It was time for her to pick up one dream among the ocean of wasted dreams and score some points at the life game. If she were to dream, she would dream big. She was too young to know that life is pretty complicated, but still, she was too young not to be determined, so I guess she deserved a try. She used to listen to no music, but ta-dah!, music festivals on TV did the trick and made her fall in love with a couple of young singers. She would spend hours looking on the net for her favourite songs, and then she bought the compilation of the festival. It was that day that she listened for the first time to Losing Grip. She had not caught that song while watching the festival on TV, but what a pleasant surprise!, it was part of the compilation and it stuck her. That day she both grabbed a dream and an idol: being a singer and Avril Lavigne. What a bargain!
}

Qual è il target a cui ti rivolgi? Che tipo di lettori ambisci a conquistare?
Mi rivolgo a chiunque abbia voglia di sognare per un paio d'ore. La bimba di cui parlo prende la vita in modo leggero e autoironico, ci fa vivere con un po' di "serietà" in meno. A volte fa bene prendersi un po' meno sul serio, no?
Non la vedo come una conquista, ma più come una condivisione di storie. Ho sempre pensato che quella che per me è una piccola fiaba, può essere la storia della vita di qualcuno. Chissà che non gli faccia piacere leggerla e sapere che qualcuno nel mondo ha scritto cose così simili a quelle che sono accadute proprio a lui/lei!

Quanto ti ha coinvolto intimamente la stesura di questo racconto? C’è qualcosa di autobiografico?
L'ambientazione è estremamente familiare. Non ci sono reali descrizioni di Frosinone, ma l'ambiente è quello; chi ha vissuto lì per un po', può capire di cosa parlo. Si tratta sempre di una storia a metà tra l'Italia e il Canada, quindi l'accento è posto sulle differenze tra le due culture. Non in modo didattico né didascalico, solo... in modo naturale.

Per scrivere questa short story hai dovuto svolgere delle ricerche?
No, si è praticamente scritta da sé. Scegliere città che conoscevo significava un po' giocare in casa. E anche la musica che viene citata è... beh, decisamente scolpita nel mio cuore.

C’è qualche messaggio particolare che speri di comunicare attraverso questo racconto?
Positività. La vita è imprevedibile è unica, vale la pena di inseguire i propri sogni e c'è sempre una nuova meraviglia dietro l'angolo. Non per un qualche principio di ottimismo generalizzato, ma perché se non si decide consapevolmente di non perdersi mai d'animo, allora non ha senso provare a fare nulla; bisogna vivere e inseguire i propri sogni sempre nell'ottica di non mollare mai, sapendo che, qualunque cosa accada, bisogna rialzarsi immediatamente in piedi.

Il finale chi l’ha deciso? Tu o i tuoi personaggi?
In parte la lingua. Ma non posso spoilerare troppo... però è un finale molto... diverso dal solito.

Nel futuro è previsto il tuo primo romanzo in versione ebook. Ci anticipi qualcosa? E in che lingua sarà?
Sì! Questa volta in italiano e per la Panesi Edizioni. Si tratterà di un romanzo "erotico", ma in realtà non è un aggettivo tanto appropriato. Credo sia più un romanzo di formazione. Insegna a rialzarsi dopo una storia finita male e "spiega" come va il mondo di certi uomini. Non di tutti, fortunatamente. Il titolo provvisorio è "La storia di noi due", ma ancora non sappiamo se resterà quello... non vedo l'ora che venga pubblicato!

Grazie per essere stata con noi, Giulia, e in bocca al lupo per il tuo prossimo romanzo.
Grazie a te per le bellissime domande e per la bella opportunità e complimenti per questo bel blog, sempre interessante!




Se hai un libro in uscita o vuoi presentarlo nel nostro Caffè Letterario, Contattaci






di Elena Genero Santoro
Ama viaggiare e conoscere persone che vivono in altri Paesi. Lettrice feroce e onnivora, scrive da quando aveva quattordici anni.
Perché ne sono innamorata, Montag
L’occasione di una vita, ebook Lettere Animate
Un errore di gioventù, 0111 Edizioni
Gli Angeli del Bar di Fronte, 0111 Edizioni.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...