• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[FotografiA] L'editoriale di Stefania Bergo: "Advanced style", sorrisi e sana eccentricità nelle foto di Ari Seth Cohen


Nella moda, e forse in generale, la tendenza è quella di presentare stereotipi di donna sempre più giovani, omologate in bellezza, forme ed espressioni, dei manichini perfetti, efebici, quasi asessuati. L'era delle modelle anni '80, quelle che mostravano anche la loro personalità, il loro tratto distintivo, è chiaramente finita. In questo modo, ciò che emerge dalla fotografia è il contesto, o l'abito, o il rossetto, a favore di un marketing sempre più spinto, e di un fashion style ormai mero business.

Ari Seth Cohen, street photographer statunitense, ha invece deciso di prendere la moda per quello che è, cioè un gioco. E ha avuto la grande intuizione di catturare il lato divertente e bizzarro delle persone anziane, creando un blog: Advanced Styleun album fotografico di sorrisi e sana eccentricità, a dimostrazione di quanto lo stile personale possa migliorare con l’avanzare degli anni, quando liberi del fardello di dover piacere, si può semplicemente piacersi.


Tutto è cominciato nell'agosto del 2008, quando Ari Seth, che vive a New York, ha iniziato a girare per le strade della Grande Mela alla ricerca dei look più interessanti e particolari da catturare con la sua fotocamera. Il suo progetto era mostrare le persone più avanti con l'età in tutta la loro immagine positiva e d'ispirazione. I suoi modelli preferiti, sia donne sia uomini, hanno quindi  un’età media di 70 anni, originali ed eleganti, dotati di uno spirito e di uno stile creativo.
Si può obiettare che abbia immortalato solo tra le persone più abbienti, ma non bisogna dimenticare che il suo progetto sia pur sempre legato alla moda e all'eccentricità raffinata. Ovviamente, la vera bellezza di un viso segnato dal tempo, che nasconda tra le pieghe un'intera vita da raccontare, è altra cosa: non ha estrazione sociale e non veste necessariamente Prada.
Ari Seth ritrae donne e uomini che stanno bene con il proprio corpo e indossano tutto ciò che li fa sentire a proprio agio. Dai suoi scatti urbani, emergono forti personalità, creative e disinvolte, dal glamour spumeggiante, con l'aspetto raffinato di chi l'ha perfezionato nel tempo, e un positivo approccio alla vita.
Ispirato dallo stile originale di sua nonna e dal suo desiderio di creare una moda specifica per persone con un lungo vissuto alle spalle ma con l'entusiasmo di chi abbia ancora una vita davanti, Advanced Style ha dato vita ad una vera e propria nicchia nel campo della fotografia, e lo stesso  Ari Seth si definisce un esperto in ritratti di signore mature, credendo fermamente che le donne over 60 non siano mai passate di moda. Il suo blog, infatti, oltre agli scatti di sconosciuti, presenta omaggi a icone dello stile senza tempo.
Advanced Style è anche un libro, pubblicato nel 2012.

ADVANCED STYLE
di Ari Seth Cohen
ISBN 978-1576875926
powerHouse Books
cartaceo $23.40  | Amazon

A maggio del 2014, ha fatto il suo debutto in anteprima anche un documentario indipendente della regista Lina Plioplyte, dedicato a sette protagoniste degli scatti di Cohen, sette favolose newyorkesi tra i 62 e i 95 anni, che potrebbero benissimo tener testa alle più famose amiche di Sex and the City, sfidando con eleganza i più radicati stereotipi di bellezza e dell’invecchiamento.


Un altro aspetto molto interessante del progetto di Ari Seth Cohen, è confrontare come vivano il fashion style i frizzanti pensionati di tutto il mondo, quanto la cultura e la società possano influire sulla propria percezione dell'immagine da mostrare. Spesso, infatti, si ritiene, a torto o a ragione, che un certo tipo di abbigliamento sia adatto ai più giovani, mentre sia decisamente sconveniente o abbia addirittura un risultato grottesco se indossato da persone più mature.
Voi cosa ne pensate?


Japan

Los Angeles

Italy

New York




Stefania Bergo
Non ho mai avuto i piedi per terra e non sono mai stata cauta. Sono istintiva, impulsiva, passionale, testarda, sensibile. Scrivo libri, insegno, progetto ospedali e creo siti web. Mia figlia è tutto il mio mondo. Adoro viaggiare, ne ho bisogno. Potrei definirmi una zingara felice. Il mio secondo amore è l'Africa, quella che ho avuto la fortuna di conoscere e di cui racconto nel mio libro.
Con la mia valigia gialla, 0111Edizioni.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...