• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

Riconoscimenti | Awards Premio Letterario Festival Giallo Garda


Franco Filiberto, "Le ali sulla pelle"

di Stefania Bergo

Dopo Carlo Marchi, anche Franco Filiberto, scrittore (della porta accanto) alla sua prima opera letteraria, si aggiudica un riconoscimento, il terzo posto del Premio Letterario Festival Giallo Garda, con il suo romanzo noir "Le ali sulla pelle", edito da Zerounoundici Edizioni, con la motivazione:

{
Personaggi vivi, una storia intricata dal tono malinconico, un ottimo espediente narrativo e una scrittura notevolmente accurata contraddistinguono il respiro contemporaneo di questo giallo.
}



Il Letterario Festival Giallo Garda è una realtà piccola ma molto attiva. Come dice il nome, il Festival è specializzato nella letteratura gialla ed è alla sua prima edizione. Le opere partecipanti sono state suddivise in tre sezioni: Romanzi editi, Romanzi e Racconti inediti.
La selezione delle opere inviate si è conclusa il 31 agosto 2015 e la loro premiazione ha avuto luogo presso Cantina Marsadri - Libreria Bacco (BS), domenica 18 ottobre 2015, secondo il programma disponibile sul sito web www.festivalgiallogarda.it.
Oltre a una serie di incontri con gli autori il comitato è attivo nel favorire serate di incontri con l'autore.
Franco Filiberto si è dunque aggiudicato il terzo posto della sezione Romanzi inediti, come è stato reso noto durante la serata conclusiva. Il romanzo con cui ha partecipato, è il suo libro d'esordio Le ali sulla pelle, un giallo dalle spiccate tinte noir.

ISBN 978-88-6307-872-5
di Franco Filiberto
Zerounoundici Edizioni
cartaceo 15,70€ Acquista
ebook 5,99€ | Bookrepublic

{


Quella storia della farfalla gli era venuta all’orecchio più di una volta anche se non ricordava bene le circostanze.
Si era incuriosito e aveva anche letto qualcosa sulle teorie collegate, si era persino spinto a dare una scorsa alle prime pagine del racconto “Rumore di tuono” di Bradbury, una cosa fantascientifica su improbabili safari temporali per turisti del futuro e aveva dato un’occhiata, su internet, ai grafici a forma di farfalla generati dagli attrattori di Lorenz, ma per il commissario Pandolfi il fatto che il battito d’ali di una farfalla a Pechino potesse far piovere o addirittura scatenare una tempesta a New York, rimaneva un fatto piuttosto criptico, poco probabile, una questione squisitamente filosofica, una teoria un po’ cervellotica, una dotta e inconcludente disquisizione sul sesso degli angeli.
}

Non resta, quindi, che leggere Le ali sulla pelle, un romanzo  che sono sicura si aggiudicherà anche il vostro apprezzamento, oltre a quello della giuria del Premio Letterario Festival Giallo Garda.




Stefania Bergo
Non ho mai avuto i piedi per terra e non sono mai stata cauta. Sono istintiva, impulsiva, passionale, testarda, sensibile. Scrivo libri, insegno, progetto ospedali e creo siti web. Mia figlia è tutto il mio mondo. Adoro viaggiare, ne ho bisogno. Potrei definirmi una zingara felice. Il mio secondo amore è l'Africa, quella che ho avuto la fortuna di conoscere e di cui racconto nel mio libro.
Con la mia valigia gialla, 0111Edizioni.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...