• Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

Segnalazione autori emergenti "Prima che il tempo si porti via noi"


PRIMA CHE IL TEMPO SI PORTI VIA NOI 
di Marilena Tealdi | Tumblr - Wattpad - Twitter  
Lettere Animate  
Romance Contemporaneo |  Narrativa
ISBN 978-88-6882-562-1
ebook 2,49€  | Amazon 

Emma è stata molto innamorata di Matthew, e credeva che il futuro con lui fosse ormai assicurato. Lui, però, commettendo un gravissimo sbaglio non ha saputo proteggere quell’amore ed Emma decide che fra di loro non potrà funzionare. Cerca di rifarsi una vita senza di lui, ma dimenticarlo non è facile: Emma ha amato quell’uomo come non aveva mai amato nessun altro e inoltre Matthew ha lasciato su di lei un segno non indifferente. Emma dovrà trovare in sé molta forza per allontanarlo. Matthew farà di tutto per riconquistarla, ma le sorprese – e gli incontri improvvisi – che troverà sulla strada per la riconciliazione renderanno la cosa molto complicata. Verso un finale che potrebbe far crollare tutto, fra contrasti non risolti, passionali giravolte e inaspettati colpi di scena, per Emma e Matthew il lieto fine non sarà così scontato…
Ancora narrato in prima persona da Emma e Matthew, sempre alternati, e in particolari casi anche dalla voce irriverente della sorella gemella di Emma, Rebecca, anche lei portatrice di nuove avventure, il seguito di “Prima che sia buio” rivelerà nuovi aspetti e sottolineerà altre particolarità nei caratteri dei personaggi: tutti maturano, e cambiano, e qualcuno avrà anche dei colpi di testa che potrebbero far vacillare un equilibrio tanto precario quanto agognato. Segreti sepolti torneranno alla luce, e amori infelici che non trovano pace.
Attorno a Matthew, Emma e Rebecca, gli amici di sempre: Monica, Jean-Marie, Matteo, l’ingombrante famiglia di Matthew – che non smetterà ancora una volta di stupire –, l’irriverente padre di Emma e Rebecca, Otello, e nuovi e vecchi amori.
Il tutto, sempre a Torino, Baveno e altri posti indimenticabili che hanno fatto innamorare i nostri due protagonisti.

{
Matthew
Dopo la doccia mi vestii con cura: camicia bianca, completo scuro, cravatta. In un corridoio guardai da una finestra lo spettacolo sottostante: la piscina illuminata a giorno, tavoli imbanditi con ogni ben di Dio, festoni e fiori colorati ovunque e camerieri in livrea che servivano agli ospiti champagne ghiacciato.
Ecco, solo in quel tipo di serate mi mancava l’aver in mano un bicchiere di whisky liscio, ma ero un alcolista e le ricadute potevano sempre essere dietro l’angolo. Per sfuggire al demone, pensavo alla piccola Madeleine e la voglia se ne andava.
Era solo grazie a mia figlia e a Emma se ero riuscito a resistere fino ad allora alla voglia di bere, ma se Emma mi dava il benservito, quello definitivo, sarei ancora riuscito a mantenermi pulito e sobrio?
Scorsi Emma, era a bordo piscina con un bicchiere in mano, chiacchierava allegra con Monica. Era splendida in un abito nero che le fasciava le curve. Abito che le avevo regalato io. Arrivò infine Rebecca, da sola, era bella e imbronciata in un abito bianco quasi inesistente. Da dov’ero vidi benissimo il sorriso tirato che Monica le fece.
Dovevo scendere e andare a salutare, a salutare Emma soprattutto, ma avevo un po’ di fifa: sapevo che a momenti avrebbe dato una risposta alla mia domanda.
Mi decisi. Dovevo porre fine ai miei tormenti.
Anche se non saprò come porvi fine se Emma mi dice no, ma una cosa per volta, eh? Ci penserò poi.
Avevo una brutta sensazione.
Sul prato, incrociai un cameriere, mi servii con dell’acqua tonica che ingollai come se fosse stata vodka liscia. Magari. L’orchestra suonava dentro al gazebo, illuminato da milioni di lucine, e sulla pista da ballo c’era del movimento. Parlai di lavoro con un politico, l’Assessore mi chiese un appuntamento per la settimana seguente, persi ancora del tempo parlando di cazzate con il maestro di tennis di mia sorella Karen. Tutti ridevano, tutti si stavano divertendo. Io mi sentivo come se avessi avuto sulle spalle un menhir stile Obelix.

Emma
Matthew mi passò leggero un pollice sull’incavo della gola. Socchiuse la bocca, come in attesa di un bacio.
Con fare nervoso mi passai una mano sul collo, sulla gola dove poco prima c’era il suo dito. Ne avvertivo ancora la presenza. Matthew mi guardò sottile, sorridendo mettendo appena in mostra le punte di un paio di candidi canini aguzzi.
– Il rosso, mia signora, mi fa perdere il lume della ragione. È bene lo ricordiate, in futuro. – Matthew emanava un’energia così sensuale che mi stordiva.
Passai una mano sul corpetto del mio vestito porpora.
– La vostra bocca, Madame – mi disse sottovoce. – È la vostra bocca rossa che succhierei.
Matthew mi accarezzò rapido la schiena, mi passò una mano – gelata come quella di un vampiro – sul polso, facendomi venire i brividi. Si chinò su di me:
– Scommetto, Madame, che avete il sangue più dolce di tutte le signore presenti in sala, e la vostra beltà ne è la prova. – Mi sfiorò con le labbra prima la guancia e poi il polso, le vene del polso, poi andò via, lasciandomi con un leggero capogiro e la preoccupazione che Matteo potesse averci visto.
}



L'AUTORE
Il mio nome per intero è Marilena Cristina, anche se il secondo nome lo uso pochissimo, e sono nata a Bra, la città dello Slow Food, a luglio, sotto il segno del Leone.
Ho frequentato il liceo Artistico ad Alba e poi l’Università a Pisa, Conservazione dei Beni Culturali. Adesso sono sposata e vivo in Valle d’Aosta.
Sono una lettrice compulsiva, e credo di poter dire che amo la letteratura in ogni sua forma.
Se un libro mi ispira lo leggo, indipendentemente dal genere cui appartiene.
Prima che il tempo si porti via noi è il mio secondo romanzo, il seguito del romanzo con cui ho esordito. Ho scritto anche numerosi racconti, molti dei quali pubblicati su svariate antologie di diversi Editori.
Oltre che a leggere e a scrivere, amo gli animali (in particolare i miei cani e i miei cavalli), il vino, la birra artigianale e dipingere meridiane.



Contattaci per segnalare il tuo libro.  

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!


Novità editoriali

LIBRERIA GLI SCRITTORI DELLA PORTA ACCANTO