• Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

Uno sguardo che racconta una vita, di Stefania Bergo

sguardo-vita-Stefania-Bergo-racconto-rughe

Gli occhi degli anziani, sguardi tristi di chi vorrebbe ma non può più. Ma meglio avere il fuoco in fondo agli occhi che essere spenti da tempo. Un elogio alla follia, per non rammaricarsi di una vita non vissuta.

Ho incrociato un’anziana signora ferma a leggere i necrologi. La schiena era crudelmente ricurva, il collo allungato verso l'alto, in tensione, lo sguardo tentava di risalire lungo la parete, sforzandosi, opponendosi alla vecchiaia che accartoccia la schiena. Reggeva con le due mani contorte la sua piccola bicicletta blu. Era intenta a leggere. Forse cercava il nome di qualche amico o conoscente che ormai non c’è più. Lo sguardo, incassato tra le rughe, era triste. O forse solo stanco.
Ha sorriso ad Emma, quando le siamo passate vicino, come se la visione di quell’innocenza le avesse gettato una manciata di freschezza in pieno viso e l’avesse risvegliata dal suo torpore.
Le ha sorriso, scoprendo il suo unico dente fare capolino tra le labbra grinzose.
Le ha sorriso con gli occhi.
Col cuore...
Mi sono soffermata a pensare a lei, a come deve essere stata da giovane. Lo faccio spesso quando incontro qualche anziano passeggiare per strada o seduto su una panchina nel parco. Ho provato ad immaginare quale fuoco deve averla arsa dentro quando aveva vent’anni, le sue battaglie contro chi la voleva omologare, la sua passione nell’amore, i sogni infranti, i viaggi, le lacrime e i sorrisi di tutta una vita vissuta. Una vita che ora è scritta lì, sul viso, tra le rughe. Ogni linea racconta una storia, descrive una parte di lei.

E gli occhi...

li occhi degli anziani mi lacerano, a volte.
In ombra, sotto le folte sopracciglia bianche, sembra che sbircino tra le fessure di una vecchia casa abbandonata. Quasi sperando di non essere visti. Quello sguardo a volte triste, più spesso pieno di rabbia. Lo sguardo di chi si rassegna impotente al tempo inesorabile che passa. Ma che se solo potesse sarebbe in grado di vivere un’altra vita e un’altra ancora, perchè la voglia di amare, viaggiare, scoprire non invecchia mai. Mentre il corpo si consuma. Si consuma fuori e imprigiona l’anima ancora giovane.
A volte li vedo camminare lentamente, reggendosi ad un bastone, trascinando le gambe avanti di centimetro in centimetro, con dolore. Con il respiro affannoso, le labbra serrate. E lo sguardo, sempre quello sguardo rabbioso, di chi vorrebbe correre. Correre ancora. Vivere ancora.
E mi commuovo.
E mi spavento.
Perchè un giorno avrò anche io quello sguardo...

Altre volte, invece, scorgo passanti consumati con gli occhi spenti di chi è invecchiato tanto tempo fa, molto prima dell'età anagrafica. 

Di chi è sempre stato chiuso in una piccola scatola senza mai sbirciare il mondo. Di chi non ha avuto il coraggio di farsi travolgere dalle passioni. Di chi non ha mai saputo sognare o non ha mai avuto desideri che lo portassero lontano dal punto di partenza. Di chi ha sempre e solo percorso la strada più trafficata.
E mi commuovo.
Ma sono felice.
Perchè so che io non avrò mai quello sguardo...

Se i mortali si guardassero da qualsiasi rapporto con la saggezza, la vecchiaia neppure ci sarebbe. Se solo fossero più fatui, allegri e dissennati godrebbero felici di un'eterna giovinezza.
La vita umana non è altro che un gioco della Follia.
Erasmo da Rotterdam


Stefania Bergo
Non ho mai avuto i piedi per terra e non sono mai stata cauta. Sono istintiva, impulsiva, passionale, testarda, sensibile. Scrivo libri, insegno, progetto ospedali e creo siti web. Mia figlia è tutto il mio mondo. Adoro viaggiare, ne ho bisogno. Potrei definirmi una zingara felice. Il mio secondo amore è l'Africa, quella che ho avuto la fortuna di conoscere e di cui racconto nel mio libro.
Con la mia valigia gialla, 0111Edizioni.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!


Novità editoriali

LIBRERIA GLI SCRITTORI DELLA PORTA ACCANTO