• Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

Anteprima: Barbara Nalin racconta "Nella tela del tempo"



NELLA TELA DEL TEMPO 
di Barbara Nalin 
Romanzo 
ASIN 1519144008 
ebook 0,99€ | Acquista 


"Malta, Isola di Comino, Fabrizio Dalle Tele e sua moglie Velata discutono animatamente in seguito all'arrivo di un gruppo di persone il cui destino è profondamente connesso alla storia della loro famiglia e in particolare al rapporto che da decenni li unisce.
Los Angeles, redazione della rivista Magic in Action, Melita Dalle Tele, giovane e talentuosa fotografa, riceve dalla direttrice del giornale l’incarico di recarsi a Malta per raccogliere le prove fotografiche di un mistero custodito nel Ta' Kola, il mulino di proprietà della famiglia.
Non è facile per lei tornare nel luogo che ha lasciato poco più che adolescente, animata dalla passione per la macchina fotografica e dalla volontà di fuggire da un passato problematico e doloroso. 
Inizia così un viaggio alla scoperta di segreti sepolti nel tempo, legati alle vicende dei Cavalieri di Malta. In un’isola la cui storia ha segnato la cultura occidentale si svolgono le avventure della famiglia Dalle Tele, tra amori che sfidano i secoli e intrighi che lasciano il lettore con il fiato sospeso fino all'ultima pagina."


Raccontaci qualcosa di te: sei una mamma e un’operatrice turistica. Chi è Barbara Nalin nella vita di tutti i giorni?
Sono principalmente una mamma, ho smesso di lavorare nel 2002 quando è nato il mio primo figlio Francesco. A quel tempo mi era sembrata la scelta migliore, desideravo dedicarmi completamente ai miei figli, in realtà, a posteriori, se potessi riavvolgere il tempo come fanno i personaggi del mio romanzo, prenderei altre strade, magari un lavoro part time.

Questo è il primo romanzo che pubblichi? 

No, ho pubblicato per la prima volta nel 2000 con il mio ex-compagno un libro sui colori dai titolo “Il colore nella casa” e poi nel 2007, il romanzo fantasy “I Guerrieri dell’Arcobaleno e la Profezia di Vallecolore” entrambi con una casa editrice di Verona “Il Cerchio della Luna”.

Veniamo al libro, "Nella tela del tempo". Com’è nata l’idea? 

L’idea si è formata proprio dopo aver pubblicato il mio secondo romanzo, nel 2008. Sentivo la necessità di tessere una storia più adulta della precedente e più attinente alla realtà, senza mostri, streghe, folletti e guerrieri dell’arcobaleno. Io, che sono sempre stata una persona a cui piaceva e piace tuttora rifugiarsi in mondi paralleli e lasciare che la fantasia vagasse libera, per la prima volta, desideravo essere concreta, sentire che avevo i piedi ben piantati per terra e che potevo raccontare la quotidianità di una famiglia.

Ci racconti di che cosa parla? 

Il romanzo parla di un mistero legato al Mulino dell’isola di Comino a Malta, proprietà della famiglia Dalle Tele. Una famiglia composta prevalentemente da donne: c’è Velata Dalle Tele, la matriarca, donna severa e fredda che ha un rapporto piuttosto burrascoso con la figlia maggiore Eliza. Eliza è una donna fragile, un’alcolista che nella vita non ha fatto altro che cercare di guadagnarsi l’affetto e la stima della madre. Anche lei è madre di due figlie, Sara e Melita Dalle Tele. Sara è una giovane donna di ventisei anni, dal carattere molto forte, medico chirurgo all’ospedale di Valletta e poi c’è Melita, la protagonista, fotografa a Los Angeles con un difficile rapporto anche lei con la madre. Infine c’è Virginia, l’altra figlia di Velata, archeologa e ricercatrice all’università di Cambridge. Vicino a loro troviamo Fabrizio Dalle Tele, l’uomo di casa, soffocato dalle personalità di queste cinque donne forti, ma che si rivelerà una pedina fondamentale nella storia. Ad un certo punto, nella vita di questa famiglia irrompe un gruppo di uomini, i cavalieri di Malta, che mette in pericolo gli equilibri famigliari, già precari e fragili.

Ambientata ai giorni nostri, la storia affronta il tema di una dinamica familiare dolorosa, ma poi si tuffa nel segreto di un passato misterioso. A quale genere appartiene? 

Sicuramente appartiene al genere fantasy visto la tematica del viaggio nel tempo, ma mi piace pensare che sia soprattutto un romanzo d’amore.

Qual è il target a cui ti rivolgi? Che tipo di lettori ambisci a conquistare? 

Il target a cui mi rivolgo è un pubblico femminile, donne giovani, mature, adulte che abbiano voglia di sognare. Se fosse per me, vorrei conquistare tutti, ma so che non è possibile, quindi il mio desiderio è che il mio libro arrivi al cuore di tante, tantissime donne con la D maiuscola!

Quanto ti ha coinvolto intimamente la stesura di questo romanzo? C’è qualcosa di autobiografico, magari nella famiglia matriarcale? 

Questo romanzo è stato sei parti insieme! Sì, perché ho incominciato a scriverlo nel 2008 e nel 2014 sono riuscita a pubblicarlo, ma sentivo che non era ancora completamente nelle mie corde, c’era qualcosa che stonava. Così dopo sei mesi, l’ho ritirato dalla vendita e l’ho riscritto come lo volevo io. Certo mi ci è voluto un anno e mezzo, ma ora mi ritengo soddisfatta del risultato. Sicuramente per la famiglia matriarcale, ho preso spunto da quella di mia madre, composta da mia nonna, mio nonno, che però non aveva un ruolo così fondamentale come d’altronde l’uomo del mio romanzo, e da quattro figlie. Devo dire che però mia nonna non era proprio uguale alla matriarca del mio romanzo, una donna fredda, forte e con sentimenti sopiti. Al contrario la mamma di mia mamma sapeva essere tenera, dolce, disponibile anche, (pensate che quando mio nonno morì lei aveva poco più di cinquant’anni e gli è rimasta fedele fino alla fine dei suoi giorni, gli ha addirittura dedicato un quaderno di poesie), insomma era una matriarca più sottile, più manipolatrice se vogliamo.

Tra le altre cose, parli anche dei Cavalieri dell’Ordine di Malta. Per scrivere questo libro hai dovuto svolgere delle ricerche? 

Sì, le ricerche ci sono state, ho letto dei libri sull’assedio turco per meglio comprendere non solo la storia, ma anche l’emotività dei cavalieri di Malta. Ad esempio per la figura del Gran Maestro Jean De la Vallette, mi è stato di enorme aiuto leggere i suoi pensieri e le sue parole mentre lui e i suoi uomini si difendevano dall’assalto ottomano, perché solo così ho capito come potevo trasporlo nel mio romanzo.

C’è qualche messaggio particolare che speri di comunicare attraverso questo romanzo? 

A dire la verità non ho alcun messaggio in particolare, mi piace lasciare che siano i lettori a trovarlo.

Il finale chi l’ha deciso? Tu o i tuoi personaggi?  

Il finale è stato un altro dilemma perché nella stesura che avevo pubblicato nel 2014 era completamente diverso, era il tipico lieto fine stucchevole...ma mi piaceva perché dopotutto era particolare. Comunque nella nuova versione non mi convinceva e mi sono detta: “Che cosa fai adesso?” E la risposta mi è arrivata quasi subito: “Aspetto che siano i miei personaggi a dirmi cosa fare”. E Melita è arrivata e mi ha fornito il puzzle mancante
Grazie per essere stata con noi, Barbara. In bocca al lupo per i tuoi progetti futuri.



Se hai un libro in uscita o vuoi presentarlo nel nostro Caffè Letterario, Contattaci


di Elena Genero Santoro Ama viaggiare e conoscere persone che vivono in altri Paesi. Lettrice feroce e onnivora, scrive da quando aveva quattordici anni.
Perché ne sono innamorata, Montag
L’occasione di una vita, ebook Lettere Animate
Un errore di gioventù, 0111 Edizioni
Gli Angeli del Bar di Fronte, 0111 Edizioni.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!


Novità editoriali

LIBRERIA GLI SCRITTORI DELLA PORTA ACCANTO