• Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

L'incipit | #43 "Come le donne"

Introduzione

Storie di donne vere che riescono a superare ostacoli e drammi con una forza e un coraggio spesso incredibili: storie di donne che silenziosamente, senza uscire sulla ribalta, perseguono i loro sogni e prendono in mano la loro vita, con impegno e passione, accettando i fallimenti, superando dolori, curando le cicatrici, sfidando il destino. Storie di donne che hanno saputo risorgere dalle loro ceneri, rinascendo a una nuova vita e guardando al futuro per costruirlo nuovamente. Storie di donne che sono dentro di me.
Volti diversi, storie ascoltate, donne conosciute nella vita disegnano nella mia mente un fluire di immagini che a volte per un momento si concentrano in un flash, una foto, un mosaico.
Parlano ridono piangono soffrono vivono mentre narrano le loro storie, che fanno parte di un ciclo cosmico come nelle mitologie: perché la vita è così.
Sono racconti di vita vissuta, ma non si potrà sapere dove comincia la fantasia e dove finisce la realtà, che si mescolano in un continuo divenire; l’immaginazione dell’Io Narrante stende un velo che nasconde l’intimità e difende la riservatezza della protagonista.
Alcune immagini risaltano sulle altre, nuove e diverse si avvicinano e si sovrappongono: la creazione arricchisce la realtà di dati che completano il quadro e definiscono un personaggio fino a farlo sentire col cuore, vedere con la mente, ascoltare con lo spirito.

I modelli culturali hanno radici così profonde che continuano a sopravvivere anche quando la pianta è tagliata: quando le donne cercano di entrare in aree tradizionalmente riservate ai maschi si sentono intruse, indesiderate e spesso diventano oggetto di ostruzionismo o peggio.
I talenti spesso sono nascosti, il merito non premiato, ma le donne più audaci ricominciano sempre dopo le difficoltà entrando in contatto con se stesse, comprendendo luci e ombre, risorse e limiti per migliorare.
Angelo o demone, santa o puttana, oggetto di desiderio e forza vitale che fa paura: la donna deve lottare per uscire da un ruolo di vittima perché questa è la via che porta ad esserlo davvero, oggetto di violenza fisica, psicologica, economica. Deve per prima credere in se stessa e nel suo valore per poter essere creduta.
Le protagoniste di queste storie sono pensate e ricreate per farle assurgere a simbolo di qualcosa che è la vita vera delle donne: soprattutto la lettrice potrà riconoscere se stessa e chi conosce, nella serenità e nell’angoscia, nelle difficoltà, negli ostacoli che sembrano insormontabili ma che possono essere superati, nella dolcezza e nella violenza, nella lealtà e nell’inganno, nell’indifferenza e nella solidarietà, nella
serietà e nell’ironia.
Per chi, fortunatamente, vive una vita protetta, serena e senza scosse, sarà l’occasione per imparare a mettersi in rapporto con persone diverse da sé, a vedere il mondo con gli occhi degli altri.
Per tutti, anche per gli uomini, questi simboli saranno un attimo di riflessione sulle donne e sulla vita.
Multiforme come le donne, multiforme come la vita.

Mosaico

Sto sferruzzando una sciarpa rossa e creo un’ impalpabile rete con un filo sottilissimo di lana mohair, è vaporosa, sembra fatta di niente.
La trama larga dell’intreccio è riempita, se così si può dire, dal pelo morbido che mi scalda le mani mentre lavoro.
I ferri scorrono con un gesto automatico e sempre uguale che rilassa, è un po’ ipnotico, mentre ascolto la musica meravigliosa della Carmen di Bizet. L’aria della Habanera mi emoziona sempre….guardo la mia sciarpa rossa e il gomitolo soffice, ricordo gomitoli diversi con cui ho lavorato altre volte, avvolti stretti stretti, di lana cruda e secca…

«L'amour est enfant de bohême / Il n'a jamais jamais connu de loi / Si tu ne m'aimes pas je t'aime / Si je t'aime prends garde a toi / Si tu ne m'aimes pas /Si tu ne m'aimes pas je t'aime / Mais si je t'aime, si je t'aime / Prends garde à toi».

Carmen sono anch’io, nell’ansia di libertà e di indipendenza che ho sempre avuto, ma anche nell’esigenza di sentirmi protetta e sicura nelle braccia di un legame certo e solido.
Nell’altalena di queste esigenze antitetiche ci si dibatte per una vita alla ricerca di una soluzione che sembra sempre sfuggire dalle mani.
E’ un’ideale che la cultura e la società hanno sempre definito come un paradosso attraverso norme morali e giuridiche che bloccano nel senso di colpa chi è
afflitto da questa contraddizione interna.
Mi scorrono nella mente tante immagini di donne che
ho conosciuto, ma ho visto anche molti uomini sofferenti o insofferenti nei vincoli di responsabilità famigliari e lavorative, dibattuti nel conflitto tra i legami e la libertà.
Penso a lei, donna d’altri tempi che ha sentito il peso della responsabilità della famiglia e dei quattro figli e ha sacrificato il suo sogno d’artista per donarsi completamente.
Penso a lei che è fuggita da un legame morboso che la stritolava sudando sulla sua pelle la difficoltà di emanciparsi.
E a lei che invece ha preferito la morbida tranquillità della casa matrimoniale e della ricchezza, ripiegandosi in se stessa e pagando un caro prezzo di depressione.
Penso a lei che è riuscita a combattere le violenze del marito prendendo coscienza delle sue possibilità, dimostrando a se stessa e agli altri di valere molto: di fronte alla sua forza di cambiamento e di ribellione costruttiva, perfino il marito ha dovuto trasformarsi.
Penso a lei, che di fronte ai tradimenti del fascinoso consorte trova la forza di tenere insieme la famiglia con una caparbietà degna di Penelope.
Il percorso è pieno di contraddizioni e di incompatibilità: sembra così difficile, quasi impossibile coniugare il senso di responsabilità con la crescita personale, la fedeltà con la fiducia, la capacità di essere in fondo se stessi con una trama di relazioni solide e durature, che diano sicurezza e stabilità.
Continuo a intrecciare la mia rete rossa mentre Carmen continua a cantare.

«Près de remparte de Séville / dans mon ami Lillas Pastia /…. Mon pauvre coeur, très consolable / mon coeur est libre comme l'air! / J'ai les galants à la douzaine / mais ils ne sont pas à mon gré …».

Proprio così, molte volte l’amour est un oiseau rebelle…..
E i legami con gli altri? Si intrecciano fili di comunicazione e di condivisione, scambi di gesti pensieri e fantasie, solidarietà alleanze e complicità, ma anche indifferenza tradimenti indegnità miserie spirituali: quante reti e legami si creano e quanti se ne perdono nel corso dei nostri anni… il mio pensiero continua a scorrere in campi che ha già percorso e superato e si allarga dove l’orizzonte si perde in colori ancora sconosciuti.

★★★★★

Se il libro vi incuriosisce, click sulla copertina per maggiori info.
Il buon giorno di vede dal mattino, dicono, e un buon incipit e una copertina accattivante possono essere il perfetto bigliettino da visita di un libro.
Secondo voi, quante stelline si merita il biglietto da visita di questo libro?


Chi ben comincia Ogni lunedì, le prime righe di un libro + la sua copertina = bigliettino da visita dell'opera.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!


Novità editoriali

LIBRERIA GLI SCRITTORI DELLA PORTA ACCANTO