• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

Le recensioni di Gianluca Santeramo: "La decima matrioska" di Mara Cristina Dall'Asén

La vita di Alex non è molto diversa da quella di tanti altri lavoratori, di quelli specializzati che saltano da uno Stato al successivo.
Ma un giorno Alex perde l'aereo, uno di quei voli locali da pochi posti che l'avrebbero dovuto avvicinare alla civiltà, e si ritrova passeggero di un velivolo molto particolare, in cui è l'unico individuo onesto tra tutti gli occupanti: gli altri sono tutti trafficanti coinvolti in qualche losco affare... Per giunta, l'aereo non arriverà mai a destinazione, visto che si ritroverà coinvolto in un incidente devastante. L'incidente, per la vita di Alex, si rivelerà essere come un tappo di champagne aggrappato labilmente alla sua bottiglia che, alla fine, esplode...
Inizia così la storia del nostro protagonista, diviso tra diversi spaccati di vita ognuno del tutto incomprensibile alla sua precedente esistenza, di quelle con due dita di prosciutto sulle cornee.
La decima matrioska” parla di amore, ma con un taglio differente dalla norma. Non si tratta della storia mielosa tra i soliti due innamorati attorno a cui ruota tutto l'Universo, ma piuttosto di un esame di tutte le sfaccettature dei rapporti amorosi attraverso gli occhi di Alex. Vuoi che si tratti di incomprensione, di false speranze nella possibilità di poter cambiare qualcuno, vuoi che si tratti di pregiudizi o di semplice paura di amare, il romanzo, cucito tra le righe, esamina questo strano sentimento passandone in rassegna tutte le sue manifestazioni.
Fin dai primissimi capitoli, Alex si scontrerà con l'amore proibito tra lui e Jaja, nipote di un'importante veggente protetta, ma anche segregata, dai servizi segreti. Forse sarà proprio l'assaggio sulla sua pelle del senso di impotenza dovuto alla frustrante profezia della matrioska, che si frapporrà tra lui e Jaja con effetti devastanti, ad alimentare un senso di riscoperta dei suoi stessi rapporti preesistenti, cambiandone totalmente l'angolo d'illuminazione. Sarà questa sua crescita interiore a portarlo infine a capire che, in fatto di relazioni, è stato più volte sia vittima che carnefice.
Caratterizzato da continui cambi di rotta che ingannano, positivamente, il lettore, “La Decima matrioska” entra nella vita intima degli altri, di quegli amori che si sono rivelati essere calessi e di quei calessi che, invece, erano veri amori...


Alessandro ha una vita normale e un lavoro soddisfacente, dei rapporti complicati con la sua famiglia. Le donne nella sua vita ancora non lasciano il segno, appaiono e scompaiono in breve tempo. 
Durante un viaggio di lavoro in Romania tutto verrà spazzato via e niente per lui sarà più come prima, le sue poche certezze si frantumeranno. Si ritroverà immerso in un vuoto lattiginoso e davanti ai suoi occhi compariranno delle donne a lui sconosciute. Donne enigmatiche e misteriose. Senza ragione la sua coscienza comincerà a non dargli più tregua. Verrà catapultato in un mondo a lui ignoto. Un mondo popolato da servizi segreti, da veggenti, da personaggi molto influenti del passato e del presente. Sfiorerà storie incredibili e sarà in quel momento che la sua vita si intreccerà con le matrioske. 
Una passione non conosciuta, non cercata ma travolgente, irromperà nella sua vita complicando ancora di più il suo domani. Tutto questo accrescerà i suoi dubbi e le sue incertezze e mille domande affolleranno la sua mente. Solo un sogno lo terrà ancorato al suo passato. Quando riuscirà a emergere da questa situazione, Alessandro crederà di aver finalmente superato questa assurda esperienza, si accorgerà invece, che quello è solo l’inizio di un’altra storia.


di Mara Cristina Dall'Asén  | Youcanprint Selfpublished | Romance, Thriller 
ISBN 9788891192707 | ebook 0,99€ Acquista





Gianluca Santeramo
Allevato da un Commodore VIC 20 e da Goldrake, si è diplomato in Informatica Industriale nel lontano 1995. Non è mai riuscito a recidere il cordone ombelicale che lo lega alla fantascienza sin dalla più tenera età. Dopo aver corretto decine di bozze di scrittori in erba tra un capolinea e l’altro, si è messo anche a scrivere: da allora sono iniziati i guai….
Renè, Zerounoundici Edizioni.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...