• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

Le recensioni di Giulia Mastrantoni: "Savage Lane" di Jason Starr

Il problema dell’amore è che troppo spesso sfocia in ossessioni malsane, per il semplice fatto che la sua natura è totalizzante, completa, inebriante. E anche un po’ perché l’essere umano tende ad illudere il suo prossimo, sebbene involontariamente.
Lo sanno bene Owen, che non ha mai ricevuto affetto dalla sua famiglia, e Mark, padre di famiglia senza più ragione di amare. Entrambi trovano in donne che non li desiderano gli oggetti del loro desiderio, un desiderio che diventa una lenta agonia, una lotta contro il mulino a vento più vecchio del mondo: l’indifferenza. Perché l’amore non corrisposto e l’attrazione univoca, per quanto ci si batta contro di esse, non possono essere mutate.
È così che Owen perde completamente la ragione. Quello che voleva essere un incontro galante seguito da un gioco erotico pericoloso, diventa un delitto. Ma quand’è che l’amore cessa di essere tale e diventa una maledizione? Non esiste un vero confine a separare i due, ma di certo, una volta avvenuto il passaggio, se ne acquista la consapevolezza.
Inizia un gioco di rabbia e lussuria, una girandola di ricerche la cui protagonista, in fondo, è la devianza dell’amore. Ricercare negli altri la sicurezza che si vorrebbe vedere in se stessi, inseguire il sogno della passione, perdere di vista la realtà: queste le tematiche di un romanzo che non si può non leggere d’un fiato.
È facile lasciarsi catturare da questo libro, sempre al limite tra noir e narrativa. L’equilibrio tra emozione e azione si bilancia da solo, tenendo il lettore con il fiato sospeso, incollato alle pagine. Era da tempo che non leggevo un romanzo così accattivante, che mi calamitasse all’interno del suo intreccio.
Lo stile scorrevole, naturale e curato, non lascia spazio neppure alla minima crepa: tutto è ben coordinato, limato e volto a stregare. Di una bellezza sicuramente notevole.
Più che consigliarlo, lo definirei una lettura obbligata per chi non ama il noir: vi farà ricredere. Per gli amanti del genere, invece, si tratta di un piccolo capolavoro.
Un plauso va anche all’editor, che ha svolto un lavoro più che minuzioso e più che ben riuscito.


"Savage Lane" è un thriller familiare altamente provocatorio ambientato nella periferia di New York. Parla di relazioni, sesso, bugie, comportamenti deliranti e omicidio.
Mark e Deb vivono in un quartiere abbiente di New York; sposati da 17 anni, hanno un matrimonio stanco, due figli e qualche problemino con l’alcol. La loro vicina di casa, Karen, è una madre single e, dopo il divorzio dal padre dei suoi figli, si affida ai siti di incontri online per trovare un nuovo amore. Owen è un diciottenne senza sogni né progetti, tranne quello di liberarsi dal giogo vessatorio del patrigno. 

Tra pomeriggi al golf club, partite di tennis e lussuosi party in ville con piscina, l’esistenza solo superficialmente dorata dei protagonisti viene sconvolta da un oscuro delitto. 
In "Savage Lane", Jason Starr solleva il sipario che protegge Westchester, NY, una delle contee più ricche e agiate del Paese, mostrando come dietro un’apparenza scintillante si nascondano in realtà torbidi segreti che potrebbero distruggere per sempre le esistenze dei protagonisti. Con la sua scrittura tesa e nervosa, "Savage Lane" vi farà guardare ai vostri vicini di casa in modo completamente diverso, tenendovi compagnia a lungo, anche dopo che avrete girato l’ultima pagina.




di Jason Starr  | Unorosso - Edizioni Parallelo45 | Thriller, Noir 
ISBN 978-8898440610 | cartaceo 12,75€ Amazon




Giulia Mastrantoni
Da quattro anni collaboro all’inserto Scuola del Messaggero Veneto, scrivo per il mash up online SugarPulp e per la rivista dell’Università di Trieste Sconfinare.
Dopo aver trascorso un periodo in Inghilterra, ho iniziato un periodo di studi in Canada, ma, dovunque sia, scrivo.
Misteri di una notte d’estate, edito da Edizioni Montag, è la mia prima antologia di racconti.
One Little Girl – From Italy to Canada, eBook selfpublished.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...