• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[#professionelettore] L'editoriale di Francesca Gnemmi: che c'è di nuovo in libreria a dicembre? 5 libri da non perdere


I mesi di ottobre e novembre, fino ai primi giorni di dicembre propongono una vasta scelta di uscite da non perdere, anche in previsione delle prossime festività natalizie. Grandi scrittori che ritornano, conferme di autori che si fanno spazio tra i grandi nomi e novità da acquistare il prima possibile.
Quale miglior regalo da mettere sotto l’albero se non un buon libro?



È TUTTA VITA
di Fabio Volo | Mondadori | € 19 edizione cartacea

L’ultimo romanzo dello scrittore bresciano nel quale affronta il delicato tema della paternità.
Come in tutti i suoi libri, racconta la storia di una famiglia semplice, che conduce una vita normale e che si trova a fare i conti con quella che viene definita “la gioia più grande”, ma che inevitabilmente andrà a minare l’equilibro di una giovane coppia.
Nicola e Sofia, ma potrebbero essere ciascuno di noi, alle prese con le difficoltà e le insicurezze che la nascita di un bambino comporta. Una vita di certezze che va in fumo, abitudini stravolte e una quotidianità tutta da reinventare.
Così Fabio Volo ci propone la sua visione del diventare genitori, in una società che si spaventa davanti al cambiamento, che soffre per la perdita di una libertà della quale non ha bisogno, dove la crescita sembra essere la peggiore delle accettazioni. Un padre spaventato, che deve trovare la forza di riscoprirsi e di amarsi per la persona che è e che la vita lo spinge a diventare.



“Si dice che quando ti nasce un figlio una parte di te in quell'istante muore. E così è stato. Da quel momento io e Sofia non siamo più stati gli stessi, né come individui, né come coppia.”



CHIRÙ
di Michela Murgia | Einaudi | € 18,50 edizione cartacea

Edito da poche settimane il nuovo romanzo di Michela Murgia, un libro molto atteso, scritto in un periodo di particolare difficoltà, che esce a sei anni dal grande successo di “Accabadora”.
La vicenda è ambientata nella Sardegna dei nostri giorni e racconta il rapporto tra Eleonora, un’attrice di successo di 38 anni, e Chirù un ragazzo di 18 che sogna di fare l’artista e il musicista.
Due protagonisti uniti da un legame in cui la prospettiva si ribalta di continuo e l’amore appare come una conflitto tra sottomissione e dominio, un sentimento che i trasforma da forza in potere.

“Gli spiai il profilo. Tutto in lui appariva approssimativo, dai movimenti a grazia alterna fino all’abbigliamento privo di logica estetica. Aveva la postura un po’ curva che avevo osservato spesso in persone piú alte della media, come se la maggiore statura fisica rappresentasse un’affermazione di superbia di cui giustificarsi di continuo.”



CHIAMATEMI FRANCESCO
di Giorgio Grignaffini | Mondadori | € 17 edizione cartacea

Giorgio Grignaffini racconta una storia di grande sentimento e umanità, quella di un uomo destinato a diventare punto di riferimento per milioni di persone, una luce dalla quale non si può non essere attratti, nemmeno se si è laici o scettici: Jorge Mario Bergoglio, ovvero Papa Francesco.
Conosceremo la sua storia sin dai tempi precedenti alla sua "chiamata". Papa Francesco si è sempre schierato dalla parte dei più umili, dei poveri, dei reietti. Il suo cammino di fede lo ha portato a scontrarsi con le ingiustizie e ad affrontare i periodi cruciali e drammatici della storia del suo Paese.

Chiamatemi Francesco è anche il titolo di un film diretto da Daniele Luchetti arrivato da pochi giorni nei cinema italiani. Si tratta di un evento cinematografico molto atteso, per il quale si prevede una notevole affluenza di pubblico.



IL FUTURO DI UNA VOLTA 
di Serena Dandini | Rizzoli | € 19,50 edizione cartacea

Serena Dandini ci presenta tre storie, tre avventure che paiono slegate l'una dall'altra ma che in realtà sono l’esatto opposto. L’eterna ragazzina quasi settantenne Laury, sua figlia Elena e Yves sono, oltre che i protagonisti del romanzo, ambasciatori della sua morale.
Pagine nelle quali la quotidianità diventa parte integrante della storia. Le abitudini a volte insulse, i piccoli gesti patetici e inconsci fanno di noi ciò che siamo e ci invitano a riflettere sulle nostre paure e le nostre insicurezze. Con semplicità l'autrice ci invita ad interrogarci, a guardarci intorno, a crescere, ad imparare a volerci bene e ad accettare noi stessi e gli altri.
Non esiste età per essere maturi, il riconoscersi adulti deriva dalla capacità di accettare fragilità e cambiamenti, perché a volte è il destino a metterti davanti agli occhi quello che sei e non lascia vie di fuga.



L’AMANTE GIAPPONESE
di Isabel Allende | Feltrinelli | € 18 edizione cartacea

Ancora una volta la scrittrice cilena incanta il suo pubblico con una delicata storia di ricordi.
Una storia d'amore, un racconto epico, tra la giovane Alma Belasco e il giardiniere giapponese Ichimei.
Una vicenda che si snoda tra la Polonia della Seconda guerra mondiale alla San Francisco dei nostri giorni.
Un sentimento che va oltre il tempo e che dona alle figure dei protagonisti una grande introspezione, la saggezza necessaria a un bilancio della propria vita per poi capire che bisogna lasciarsi andare, credere nell'amore e avere l'umiltà di comprendere che nessuno è solo e che ognuno di noi ha bisogno anche degli altri.
Un tema a volte scomodo e difficile da toccare, quello della vecchiaia, che nella nostra cultura fa paura ma che la Allende rivaluta come momento introspettivo e di crescita spirituale.






Francesca Gnemmi
Dichiara apertamente di non poter fare a meno di leggere, leggere per imparare ciò che ignora e conoscere se stessa nel suo continuo evolversi. Dalla passione per la lettura è nata quella della scrittura, o forse viceversa.
Poesie, favole e novelle ambientate nel dopoguerra e Il tempo delle lucciole, il suo primo romanzo storico edito da settembre 2015, sono frutto della costante necessità di tenere la penna in mano e afferrare i pensieri che si librano nella mente.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...