• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

Anteprima: Adriana Pitacco racconta "Maledetta-mente" nell'intervista di Elena G. Santoro

MALEDETTA-MENTE 
di Adriana Pitacco
Lettere Animate
Romanzo
ISBN 978886825720
ebook 2,49€ Acquista 

Sandra è ormai giunta alla fine dei suoi giorni, lo sa.
Il cancro la sta bramosamente sradicando dalla sua vita.
L'unico desiderio che le rimane è quello di raccontare all'eterna compagna che la sta attendendo, la morte, il racconto di Sergio, l'unico uomo che riuscì ad amare, in grado di farle raggiungere le piramidi dell'esistenza. Comprendendo la sua rapida fine si trasforma in un'abile narratrice pronta a cimentarsi nell'arte del racconto, mentre la morte in trepida attesa l'ascolta.
L'affresco della memoria prende forma dal momento in cui Sergio, brillante psichiatra in carriera, decide di lasciare l'Italia per un prestigioso incarico nell'ospedale psichiatrico di Losanna.
Sergio intuisce sin da subito che da quel momento avrebbe dovuto scontrarsi con una rigida e degenerata impostazione della psichiatria, secondo la quale il compito prioritario del medico consiste nel contenere e annullare il paziente, nell'abolire qualsiasi desiderio.
Folgorato dall'urlo lacerante di uomini e donne, Sergio percepisce il crescendo del loro dolore mentre la loro lontana quotidianità sta sprofondando in una voragine senza respiro."


Raccontaci qualcosa di te: chi è Adriana nella vita di tutti i giorni?
Vivo in un piccolo paese nella provincia di Venezia con due splendidi figli e un adorabile marito che comprende i miei lunghi viaggi nella fantasia.
Ogni giorno, vivo il mio lavoro d’insegnante con il fascino della scoperta, fascino che mi accompagna da parecchi anni. Cerco di trasmettere ai miei ragazzi il valore dell’arte; sono fermamente convinta che attraverso l’arte l’uomo sia in grado di esprimere la sua anima profonda. 
Ho avuto la fortuna di vivere con un padre cantante lirico e, fin dalla tenera età, ho vissuto il mondo dell’arte come un mondo magico e pieno di sorprese.

Questo è il primo romanzo che pubblichi?
Maledetta-mente è il terzo dei cinque romanzi che ho scritto. Durante quei bellissimi giorni dedicati alla scrittura sentivo solo il bisogno, quasi ancestrale, di vivere con i miei personaggi.
Poi un giorno, un bellissimo giorno, incoraggiata dai miei figli, ho deciso di proporre “Maledetta-mente”. Questo libro è il primo libro che pubblico, ringrazio sinceramente la mia casa editrice Lettere Animate per avermi accolta tra i suoi scrittori.

Veniamo al libro, com’è nata l’idea?
Maledetta-mente nasce dopo un’esperienza alquanto dolorosa.
Dopo aver vissuto momenti di sconforto, sentivo l’estrema importanza di denunciare come un certo tipo di psichiatria possa perpetuare ” maledetti” abusi sia nei confronti degli adulti, sia nei confronti del mondo meraviglioso dell’infanzia. Man mano che passavano i giorni, nasceva dentro di me l’idea di trasformare questa denuncia in una storia d’amore, una storia, la cui voce narrante, fosse la voce di una donna alla fine della sua esistenza. Ecco comparire nella mia vita quotidiana la voce narrante di Sandra.

Ci racconti di cosa parla? A quale genere appartiene?
E’ un romanzo d’amore e di libertà.
Voce narrante del romanzo è Sandra che, giunta alla fine della sua vita, racconta alla morte la vita di Sergio, l’unico uomo che amò, l’unico medico psichiatra in grado di fare recuperare ai pazienti il fulcro della loro esistenza. In un’anonima stanza d’ospedale, Sandra narra la vita di Sergio all’interno della clinica psichiatrica di Losanna.
Durante la sua permanenza alla clinica, Sergio confuterà ogni forviante e idolatrata psichiatria, sicuro di ottenere migliori risultati attraverso il dialogo con i pazienti, non vedendoli come semplici numeri o come inguaribili malati da schedare e da sedare.
S’inoltrerà quindi nell’inquieta vegetazione dei loro pensieri, nei loro ricordi chiusi in un’ancestrale oblio, in quel pianto fagocitato dalla tortura di qualche elettroshock d’ultima generazione.
Maledetta-mente è un romanzo che a tratti può essere definitodi genere psicologico per la sua forte connotazione emotiva.

Qual è il target a cui ti rivolgi? Che tipo di lettori ambisci a conquistare?
Un pubblico adulto per poter comprendere a fondo le tematiche affrontate. Vorrei poter conquistare dei lettori che abbiano a cuore alcune tematiche sociali.

Quanto ti ha coinvolto la stesura di questo romanzo? C’è qualcosa di autobiografico?
Maledetta-mente mi ha coinvolto fin dall’inizio della sua esistenza, questo libro nasce da un forte vissuto personale. Ho vissuto con i personaggi un rapporto intimo. Sergio, lo psichiatra del libro, esiste realmente.

Il romanzo ha per protagonista uno psichiatra, Sergio, che si confronta con un’impostazione psichiatrica basata sul contenimento e sull’annullamento del paziente (cosa che in Italia la legge Basaglia ha scardinato) per scrivere questo libro hai dovuto svolgere delle ricerche?
Ho svolto parecchie ricerche su Basaglia, su Muller, sulla psichiatria democratica.
Mi sono documentata su alcuni abusi psichiatrici come: la lobotomia, l’elettroshock, la malariaterapia e il coma insulinico.
Ho scritto in forma romanzata la nascita di alcuni esperimenti, ma questa appendice del libro la manderò a chi me la richiederà.

C’ è qualche messaggio particolare che speri di comunicare attraverso questo romanzo?
L’affermazione della diversità come valore, un profondo amore per la libertà e un forte rifiuto per ogni abuso e costrizione.

Il finale chi l’ha deciso? Tu o i tuoi personaggi?
L’ha scelto Sandra…
Era giunto il momento di morire…
Ma in quel finale di Sandra ci sono delle parole che avrei voluto raccontare ad una persona che non c’è più.

Grazie per essere stata con noi, Adriana. In bocca al lupo per i tuoi progetti futuri.


Elena Genero Santoro
Ama viaggiare e conoscere persone che vivono in altri Paesi. Lettrice feroce e onnivora, scrive da quando aveva quattordici anni.
Perché ne sono innamorata, Montag
L’occasione di una vita, ebook Lettere Animate
Un errore di gioventù, 0111 Edizioni
Gli Angeli del Bar di Fronte, 0111 Edizioni.

About Elena Genero Santoro

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...