• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Caffè Letterario] Le interviste di Silvia Pattarini: un caffè con Sara Lucchi

Oggi il nostro caffè letterario è ben lieto di presentarvi un volto nuovo della letteratura italiana: è con noi Sara Lucchi. Conosciamola meglio!


Ciao Sara e grazie per avermi concesso questa intervista. Per rompere il ghiaccio, visto che ci troviamo in un caffè letterario virtuale, permettimi di offrirti virtualmente un caffè, un the, una tisana, una bibita fresca o… cosa preferisci?
Grazie per questo piacevole e gradito invito, direi che dopo le mangiate natalizie una bella tisana digestiva è la cosa migliore da bere!

Perfetto! Ora che abbiamo rotto il ghiaccio raccontami qualcosa di te. Chi è Sara nella vita di tutti i giorni?
Non è una domanda semplice, ho sempre amato il cambiamento e cerco di vivere il meno possibile la classica routine quotidiana nonostante sia madre, moglie e insegnante, ruoli che apparentemente legano a un certo ritmo cadenzato; amo l’avventura e stravolgere le mie giornate con progetti sempre nuovi e variegati.

Come è nata la tua passione per la scrittura? Ci sono autori classici o molto noti che credi abbiamo influenzato, in qualche modo, il tuo stile?
Da sempre ho navigato tra le pagine dei libri, immergendomi soprattutto nei romanzi sentimentali e in quelli storici. Sin da bambina le mie insegnanti mi spronavano a coltivare la passione per la scrittura nata proprio dall’amore per i libri, componevo storie che leggevano in classe ai miei compagni per rilassarci dopo una giornata intera di lavoro. Poi i miei lettori diventarono le più care amiche del liceo e i fedeli compagni di studi dell’università, scrivevo racconti d’amore che animavano i viaggi in treno di noi stressatissimi studenti pendolari. Mi dicevo sempre che avrei proposto le mie pagine a qualche editore ma tra gli esami, le lauree, il lavoro, il matrimonio e la maternità il progetto è sempre stato rimandato fino a quando, un anno fa, mi sono decisa e ho avuto dei riscontri molto positivi.
Le autrici che più leggo e a cui assolutamente mi ispiro sono Candace Bushnell e Laura Weisenberg: come non amare gli ambienti glamour e sofisticati descritti nelle loro autentiche e tormentate storie newyorkesi?

Come darti torto! Quali sono i generi letterari che preferisci leggere e quali, invece, preferisci scrivere?
Il genere Romance è in assoluto l’abito che preferisco, sia da esplorare che da indossare, forse perché come donna vivo con la giusta combinazione di passione e romanticismo ogni situazione che diventa fonte di ispirazione anche se di per sé, è priva di trama. Citando Pirandello: “il dramma è dentro di noi”, giusto?

Giusto! Per un esordiente il percorso da seguire prima di giungere all’ambito traguardo della pubblicazione non è affatto semplice, talvolta può rivelarsi tortuoso e complicato: come sei approdata alla tua pubblicazione? Raccontaci la tua esperienza.
Quello che dici è vero, ma non necessariamente, a volte basta trovarsi nel punto giusto al momento giusto. Una volta terminato il mio manoscritto l’ho inviato a non so quante case editrici free (non volevo assolutamente dover contribuire a livello economico alla pubblicazione, a quel punto avrei preferito auto pubblicarmi), ne ho stampato delle copie e l’ho spedito, ho girato in lungo e in largo Milano andando a bussare alla porta di quegli editori che non accettano manoscritti via mail per sovraccarico di lavoro, insomma, le ho provate tutte e i risultati sono arrivati abbastanza presto. Ho avuto la possibilità ed enorme soddisfazione di valutare alcune proposte fino a decidere di collaborare con la 0111 Edizioni per la realizzazione di questo progetto.

La pubblicazione del proprio libro o ebook è il sogno nel cassetto di tutti gli esordienti. Poi finalmente il sogno è diventato realtà:ora cosa ti aspetti? Lo vedi come un obiettivo raggiunto o come un punto di partenza per nuovi progetti?
Senza ombra di dubbio un punto di partenza, potrei fallire ma è parte dell’investimento, un rischio messo in conto, un timore con cui mi confronto spesso ma che cerco di superare sorretta dalla passione per questa professione. Se mi fossi fermata ai primi dubbi adesso non “mi” vedrei sugli scaffali delle librerie per cui…vado avanti, ci provo, ci spero, poi vedremo.

Come si dice, cogli l'attimo e cavalca l'onda del successo! Raccontami in breve la trama, incuriosisci i nostri lettori ma senza svelare troppo!
La storia racconta la passione adultera tra Chiara e Diego; si conoscono quasi per caso durante una cena a quattro e nelle poche parole che si scambiano intuiscono di aver tanto in comune, soprattutto una fortissima attrazione l’uno per l’altra, ma non solo fisica: c’è qualcosa nello sguardo di entrambi che grida la necessità di tornare ad essere felici. Iniziano una relazione virtuale, per evadere dalle frustrazioni e dalla tristezze delle loro vite, dalle loro compagne e mariti, da una realtà che li annoia e di cui si sentono prigionieri che riescono a raggirare consolandosi con parole d’amore e dialoghi appassionati che diventano gradualmente sempre più confidenziali e veri, fino a costituire un’alternativa parallela alle rispettive quotidianità.

La rivoluzione digitale e l’ e-book: cosa ne pensi di questo sistema innovativo di lettura, credi che rappresenti il futuro o è solo fumo negli occhi?
L’e-book ha sicuramente un futuro e prenderà sempre più piede, è economico ed ecologico, rispetta e incarna perfettamente i parametri di portabilità e semplicità che sorreggono la rivoluzione informatica e digitale ma…credo anche che la carta, il caro “vecchio” libro stampato non verrà mai del tutto surclassato, non per i prossimi anni almeno, non in casa mia!

La domanda che non ti ha mai rivolto nessuno: fatti la domanda e datti la risposta.
Perché credi nel tuo lavoro? Ci sono tantissimi autori famosi, le librerie scoppiano di romanzi, pensi davvero di farcela?
In tanti pensano a questa cosa e devo dire che all’inizio la realtà editoriale tanto affollata e competitiva spaventava anche me, ma nella vita si procede per paura o passione: ho deciso di seguire la seconda strada e tentare il tutto per tutto, a costo di scottarmi.

Almeno non avrai il rimpianto per non averci provato. Bisogna sempre credere nei propri sogni. Progetti per il futuro: ci sono nuovi lavori in corso, nuove pubblicazioni o ambizioni particolari?
Sto scrivendo un nuovo romanzo che desidererei pubblicare ovviamente, per adesso però è ancora tutto in fase di progettazione per cui non posso dire molto di più.

Dove possiamo trovare il tuo libro?
Sul sito www.saralucchi.it nella sezione “shop” sono indicati tutti i link su cui è possibile acquistare il libro. È possibile anche visitare la pagina facebook per essere aggiornati sugli eventi come le presentazioni o nuove pubblicazioni.


Sara ti ringrazio tantissimo per essere stata con noi e, a nome de Gli scrittori della porta accanto ti faccio i complimenti per il tuo libro, augurandoti che sia un vero successo! In bocca al lupo per i tuoi progetti futuri!         



Silvia Pattarini
Diplomata in ragioneria, ama scrivere racconti e componimenti poetici, alcuni dei quali compaiono in diverse antologie. Partecipa a concorsi letterari di poesia, prosa e premi letterari per narrativa edita.
Biglietto di terza classe,  0111Edizioni.
La mitica 500 blu,  Lettere Animate.

About Silvia Pattarini

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...