• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

Le recensioni di Claudia Ferraroli: "Fashion Love. Anche le commesse sognano." di Sara J. Del Consile

Mia Milani è una commessa in un prestigioso negozio di abiti nel centro di Milano, il “Fashion love”, convive in un delizioso appartamento con la sua amica del cuore, Barbara, detta Barbie, ha come grande amico, il collega Gabriele, ed ha una passione sfrenata e a volte incontrollabile per abbigliamento e scarpe alla moda.
La vita di Mia gira intorno a feste super cool, shopping e all’incontro settimanale con l’amata nonna Angelica.
Sogna il grande amore che forse può essere incarnato dal nuovo assunto, Diego: un ragazzo affascinante, dallo sguardo intenso e i modi gentili. Ma Diego sembra nascondere un segreto…
Il racconto, scritto in prima persona dalla stessa Mia, ricorda la nota serie televisiva Sex and the city per la passione sfrenata per la moda, le feste, la città, gli amori fugaci. Ricorda lo stile tipico dei blog per quanto concerne la scrittura.
Il testo è inoltre intercalato da graziosi elenchi:
- perché amo il mio lavoro
- perché odio il mio lavoro
- istruzioni per stilare elenchi speciali
- 10 cose da non fare assolutamente al primo appuntamento
- 10 cose da non fare assolutamente quando la storia finisce.
Il lieto fine è assicurato.
Fashion love. Anche le commesse sognano. è un romanzo moderno, leggero e fresco come un Cosmopolitan con ghiaccio in una serata calda e afosa.




Mia è una giovane commessa milanese con una grande passione per la moda e un enorme sogno nel cassetto: trovare l'amore.
Tra divertenti uscite a base di Cosmopolitan con i suoi migliori amici Gabri e Barbie, favolosi eventi di moda e il suo amato/odiato lavoro di commessa, Mia non smette mai di sognare ad occhi aperti e di fantasticare sul principe azzurro finchè un giorno il suo più grande sogno sembra realizzarsi. Diego, un affascinante ragazzo dall'aria misteriosa, arriva a Fashion Love, il negozio in cui lavora Mia.
Ma sarà davvero lui il grande amore che sogna da sempre?
E' entrato nella sua vita per caso, come la migliore delle occasioni che si presenta puntuale quando meno te l'aspetti e c'è una cosa che Mia sa perfettamente: nella città delle mille occasioni, solo una stupida può lasciarsene sfuggire una così allettante... e con due occhi stupendi e un corpo da urlo!
Una storia d'amore, amicizia e glamour da leggere tutta d'un fiato per scoprire che...
in fondo c'è un po' di Mia in ognuna di noi, solo che a volte ce ne dimentichiamo...


di Sara J. Del Consile Selfpublished | Chick-lit
ASIN B012NZ243U  | ebook 0,99€  Acquista



Claudia Ferraroli
È iscritta all’albo dei pedagogisti clinici gestito dall’ANPEC. Svolge l’attività di educatrice in svariati ambiti per poi approdare all’ insegnamento e alla formazione. Propone corsi per il recupero delle potenzialità creative e laboratori per bambini e insegnanti ispirati ai suoi giochi educativi. Frequenta negli anni numerosi corsi di specializzazione in tecniche artistiche. Recita in una compagnia teatrale, scrive ed illustra libri per bambini, oltre alla ideazione di giochi creativi. Le sue maggiori fonti di ispirazione sono i suoi tre figli, i gatti, il cane e la tartaruga.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...