• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Cinema] Le recensioni di Ornella Nalon: "Quo vado?"



QUO VADO?
Gennario Nunziante REGISTA
Pietro Valsecchi PRODUTTORE
Gennario Nunziante, Checco Zalone SCENEGGIATORE
2015 ANNO
Medusa Film DISTRIBUZIONE
Pietro Morana MONTAGGIO
Luca Medici MUSICHE

CAST
Checco Zalone, Eleonora Giovanardi, Ninni Bruschetta, Sonia Bergamasco




Fin da piccolo, Checco, ha avuto un unico desiderio: riuscire a trovare un posto di lavoro fisso. Quando riuscirà a ottenerlo, grazie alla raccomandazione di un compiacente ministro, lo metterà sempre tra le sue priorità e sarà disposto a ogni rinuncia e compromesso pur di preservarlo. 
Il filo conduttore del film è sostanzialmente questo, anche se, molto spesso, è preso a pretesto per descrivere, in maniera ironica e grottesca, alcune consuetudini del popolo italiano, o quanto comunemente lo rappresenta, secondo i classici stereotipi. 
È così che Zalone si sente perfettamente realizzato a star seduto beatamente alla sua scrivania dell’ufficio provinciale “caccia e pesca”, apponendo timbri tutto il giorno e beneficiando degli omaggi e regalie degli utenti. È fidanzato con una ragazza, che vede in lui un buon partito, ma non prende nemmeno in considerazione di sposarsi e assumersi la responsabilità di una famiglia. D'altronde, chi può essere meglio di sua madre? Quella santa donna che lo accudisce come la migliore delle colf e che pende dalle sue labbra come un adepto al suo guru? Di mamma ce n’è una sola ed è normalissimo personalizzare la cover del telefonino con la sua fotografia!
Sarà lei a sostenerlo, con le sue costanti telefonate, quando verrà trasferito nei luoghi più sperduti d'Italia, a causa di una riforma della pubblica amministrazione che prevede il taglio delle province. La scelta era quella di dare le dimissioni, caldamente consigliate dalla spietata dottoressa Sironi, oppure accettare dei continui trasferimenti, peraltro affrontati con un eccezionale spirito di adattamento, sino a essere sottoposto, come ultimo tentativo di sfiancamento, a una missione al Polo Nord. Sarà questa la prova più ardua da superare, che quasi lo conduce alla resa, se non fosse che si rivela l'occasione per conoscere la donna della sua vita, di cui si innamora perdutamente. Pazienza se scopre che ha tre figli, avuti da altrettanti viaggi di lavoro e che intrattiene rapporti stretti di amicizia con i suoi ex; l'amore che lo consuma gli fa superare, se pur a fatica, la morbosa gelosia che lo attanaglia, da buon uomo del sud.
Checco va a vivere con lei, in Norvegia, dove si trova a fare i conti con una realtà che non credeva esistesse. Lì, non si suona il clacson quando scatta il verde al semaforo, non si cerca di superare le persone in fila, non si gettano le carte per strada, non ci sono sostanziali differenze di diritti e doveri tra uomo e donna. La nuova realtà lo affascina, tanto da redimere la sua indole e convertirsi alle nuove usanze del posto. Ma sarà davvero per sempre?

Il film offre un considerevole numero di gag brillanti che non possono fare a meno di strappare delle sonore risate. Zalone fa ridere anche solo a guardarlo, con quell'espressione del volto stralunata e sorniona, da ebete, che mimetizza perfettamente una mente brillante e abile. Perché non è solo un bravo comico, che si limita a interpretare la sua parte, ma è anche il co-sceneggiatore dei propri film, dove traspone i vizi e le consuetudini della sua gente, enfatizzandoli con la sua particolare comicità, senza mai cadere nella trivialità banale. Ed è anche autore e cantante della colonna sonora e di altre canzoni presenti nel film, tutte, naturalmente, rifacenti al suo genere sardonico e satirico .
I suoi film possono offrire un'occasione di semplice evasione, ma, se si ha voglia di grattare la superficie leggera e disimpegnata, si colgono diversi suggerimenti d'analisi del nostro quotidiano.
Mi fanno sorridere amaramente certi commenti sul successo ottenuto da “Quo vado?”. E le recensioni negative, una delle quali, addirittura, invita a uscire dal cinema a metà della visione.
Pur non amando il genere comico, il film di Zalone mi ha fatto divertire e mi ha fatto pensare, a mio avviso è un bel film pur senza avere un significato quasi inafferrabile, prerogativa dei film dichiaratamente più impegnati. Ed è un peccato che vengano riconosciuti come miti della commedia all'italiana solo attori che sono passati a miglior vita...
Auguro a Checco Zalone una vita lunghissima, anche artistica, perché possa allietare, con la sua intelligente comicità, l'Italia che, senza arrogarsi ad alcuno snobismo culturale, ama ridere di se stessa, perché soltanto prendendo coscienza dei propri limiti si può imparare a superarli.



Ornella Nalon
I miei hobby sono: il giardinaggio, la buona cucina, il cinema e, naturalmente, la scrittura, che pratico con frequenza quotidiana. Scrivo con passione e trasporto e riesco a emozionarmi mentre lo faccio. La mia speranza è di trasmettere almeno un po’ di quella emozione a coloro che leggeranno le mie storie.
Quattro sentieri variopinti”, Arduino Sacco Editore
Oltre i Confini del Mondo”, 0111 Edizioni
Ad ali spiegate”, Edizioni Montag
Non tutto è come sembra”, da 0111 Edizioni.

About Lisi

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...