• Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

"Gli angeli del bar di fronte" di Elena Genero Santoro, recensione di Silvia Pattarini

In questi tempi in cui la stragrande maggioranza dei romanzi è ambientata in grandi metropoli come New York e Parigi, finalmente un romanzo ambientato in Italia nella bellissima Torino. Città ricca di storia, fascino, mistero e anche un po’ di magia . E il bar di fronte potrebbe essere un normalissimo bar sotto casa.
Attraverso la voce dei protagonisti e il sapiente tratto fluido e scorrevole dell’autrice, il lettore ha modo di ritrovarsi a percorrere alcune vie della città, da cui traspare magia, nera e bianca, che da secoli a questa parte, si cela negli angoli più nascosti e ancora lancia i suoi incantesimi.
Il tema trattato nel  romanzo è molto attuale, si parla di immigrazione e l’autrice è riuscita a renderci partecipi attraverso  le vicende di due protagoniste femminili: Chiara e Paula.
Accomunate dalla lotta per la sopravvivenza queste due ragazze sono però separate dalla loro origine: Chiara è appunto italiana, quindi gioca in casa, vive la sua situazione “dal di dentro” e deve combattere contro i propri pregiudizi. Paula è rumena, catapultata in una realtà in cui cerca di integrarsi, e sente, “dal di fuori” il pregiudizio che grava su di lei. Entrambe credono nella legalità, entrambe perseguono il rispetto delle regole.
 In questo modo il lettore percepisce molto chiaramente i due punti di vista, quello degli italiani e quello degli stranieri.
Vic è il protagonista maschile attorno al quale ruota l’intero romanzo. Personaggio ambiguo, che aiuterà Chiara, ma al contempo amico di quattro brutti ceffi rumeni  perdigiorno, che si ubriacano al Bar di Fronte e ne combinano di cotte e di crude, sarà anche fonte di pregiudizi da parte della stessa Chiara. Anche i personaggi minori, come Carla e Giovanni alla fine rivelano il loro  vero carattere, che è l’opposto di quello che lasciano trasparire e  tireranno fuori il meglio di sé.
Ci tengo a sottolineare che l’epilogo è davvero sorprendente, ma non è mia intenzione svelarlo al lettore, inoltre non è per nulla scontato. Per questo motivo che dirvi cari lettori, se volete saperne di più e  scoprire cosa si cela dietro il fenomeno dell’immigrazione, inquadrare sia il punto di vista degli italiani, sia quello degli immigrati, se siete alla ricerca di qualche spunto di riflessione sull’argomento,  non perdetevi questo bellissimo romanzo, un vero spaccato di vita quotidiana.


di Elena G. Santoro 
0111 Edizioni 
Mainstream 
ISBN  978-88-6307-811-4 
cartaceo 15,50€ |  Acquista
ebook 5,99€ |  Acquista     

Chiara, italiana e Paula, rumena. Due giovani voci in una Torino autunnale e desolata. Due ragazze che vivono di lavori umili. Chiara serve ai tavoli di un bar malfamato, Paula fa la badante in nero. Tra di loro, un gruppo di ragazzi rumeni che ha tutta l’aria di essere una banda. Una sera, quello che pare essere il capo, Vic, salva Chiara da un tentativo di stupro da parte di due di loro. Chiara vorrebbe sporgere denuncia, ma Vic, che è tanto affascinante quanto ambiguo, le chiede di non farlo, in cambio della sua protezione. Nel frattempo l’ingenua Paula sogna l’amore, ma ripone tutte le sue speranze nell’uomo più sbagliato che ci possa essere. Un romanzo contro i pregiudizi e contro la violenza, che ha il sapore di una fiaba moderna.



Silvia Pattarini
Diplomata in ragioneria, ama scrivere racconti e componimenti poetici, alcuni dei quali compaiono in diverse antologie. Partecipa a concorsi letterari di poesia, prosa e premi letterari per narrativa edita.
Biglietto di terza classe,  0111Edizioni.
La mitica 500 blu,  Lettere Animate.


About Silvia Pattarini

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!


Novità editoriali

LIBRERIA GLI SCRITTORI DELLA PORTA ACCANTO