• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Professione lettore] L'editoriale di Francesca Gnemmi: 6 libri del 2015 da (ri)leggere anche quest'anno


Il 2015, terminato da poco, riporta nel nuovo anno un’interminabile lista di libri che varrebbe la pena leggere. Leggere per rilassarsi, per ritrovare una parte di noi tra le pagine di una storia, per conoscere ciò che ancora ignoriamo, per viaggiare nel tempo e nello spazio.
Gli scrittori della porta accanto vi propone tre titoli di autori stranieri che hanno venduto centinaia di migliaia di copie in tutto il mondo e tre italiani, pescati tra i gioiellini della narrativa nostrana, che nulla hanno da invidiare ai grandi colleghi stranieri.


LA RAGAZZA DEL TRENO
di Paula Hawkins | Piemme | € 19,50 edizione cartacea

Il libro è uscito a gennaio 2015 in Inghilterra e Stati Uniti e da allora ha occupato i primi posti nelle classifiche, battendo il record di romanzo d’esordio più venduto nel primo mese dalla pubblicazione.
Al di là dei meriti oggettivi si tratta di una scrittura fulminante, temi molto attuali e trattati con intelligenza.
Il romanzo rientra perfettamente nel filone del thriller psicologico al femminile, di enorme successo.
Un libro che parla a tutti, ma in particolare alle donne, a qualunque donna sia mai stata innamorata dell’uomo sbagliato.
Rachel vive sola, non ha amici, e ogni mattina prende lo stesso treno, che la porta dalla periferia londinese al suo grigio lavoro in città. Quel viaggio sempre uguale è il momento preferito della sua giornata. Seduta accanto al finestrino può osservare le case e le strade e, quando il treno si ferma puntualmente a uno stop, può spiare una coppia, un uomo e una donna senza nome che ogni mattina fanno colazione in veranda. Ma una mattina su quella veranda vede qualcosa che non dovrebbe vedere. E da quel momento per lei cambierà tutto.



STORIA DI UN CANE CHE INSEGNO’ A UN BAMBINO LA FEDELTÀ
di Luis Sepùlveda | Guanda | € 7,50 edizione cartacea

Una nuova, commovente favola del grande scrittore cileno, fondata sul valore della fedeltà e della solidarietà, e sul rispetto per la terra che abitiamo e per tutti gli esseri viventi che la popolano.
Un bambino e un cane. Il bambino è un piccolo mapuche, fiera popolazione cilena che da sempre abita quelle terre; il cane, di razza, è il suo compagno di giochi, e il piccolo stringe con lui un intenso legame di amicizia.
In questa regione del mondo, però, sono tempi duri e uomini dal cuore di ghiaccio decidono che non è possibile che un bambino mapuche sia il proprietario di un cane così pregiato.
I due vengono separati, e il cane inizia una vita di sofferenza, fino a quando, addestrato dai suoi nuovi padroni alla caccia ai ribelli e ai fuggitivi, ritroverà il suo grande amico, diventato adulto e capace di scelte coraggiose, e gli dimostrerà ancora una volta la propria fedeltà.



PROMETTO DI SBAGLIARE
di Pedro Chagas Freitas | Garzanti | € 12,70 edizione cartacea

Appena uscito il romanzo ha conquistato la vetta di tutte le classifiche bestseller, rimanendo per mesi ai primi posti delle classifiche di tutto il mondo.
La rete è invasa di commenti e migliaia di fan l'hanno eletto libro dell'anno. Perché l'amore ci spezza, l'amore ci stordisce, l'amore ci fa sentire immortali e subito dopo inermi e senza forze. Ma il suo potere più grande è quello di farci sentire liberi. Questo è l'amore che con un sussurro parla direttamente alla nostra anima
Di amore e di vita ci parla l’autore portoghese, insegnante di scrittura creativa al suo primo romanzo.
Vite e storie che si susseguono in una raccolta fatta di emozioni e di parole. Non una sola trama da seguire, ma tanti racconti unici che affollano le pagine, storie evocate, urlate, disegnate.






MI SA CHE FUORI E’ PRIMAVERA  
di Concita De Gregorio | Feltrinelli | € 11,05 edizione cartacea

La storia di Irina, che ha combattuto una battaglia e l'ha vinta. Una donna che non dimentica il passato, al contrario: lo ricorda, lo porta al petto come un fiore.
Irina ha una vita serena, ordinata. Un marito, due figlie gemelle. Un giorno qualcosa si incrina. Il matrimonio finisce, senza traumi apparenti. In un fine settimana qualsiasi Mathias, il padre delle bambine, le porta via, sparendo. Qualche giorno dopo l'uomo si uccide. Delle bambine non c'è più nessuna traccia. Pagina dopo pagina, rivelazione dopo rivelazione, a un ritmo che fa di questo libro un autentico thriller psicologico e insieme un superbo ritratto di donna, coraggiosa e fragile, Irina conquista brandelli sempre più luminosi di verità e ricuce la sua vita. Da quel fondo oscuro, doloroso, arriva una luce nuova. La possibilità di amare ancora, l'amore che salda e che resta.
Una scrittura immediata e potente, un racconto insieme coinvolgente e a tratti paradossale nella superficialità di una indagine condotta male, di una comunità assente, di comportamenti sospetti. Al tempo stesso, un grande insegnamento di vita di chi ha perso tutto ma nel ricordo e per esso, prova ad andare avanti, senza mancare di rispetto al proprio passato.
>> recensione di Liliana Sghettini
>> recensione di Emma Fenu



LA SPOSA GIOVANE
di Alessandro Baricco | Feltrinelli | € 14,45 edizione cartacea

Una nuova storia da raccontare per una delle figure maschili più amate della narrativa italiana. Un nuovo viaggio nei meandri più segreti e intimi dei personaggi usciti dalla penna sapiente dello scrittore introspettivo per antonomasia.
Inizio dello scorso secolo. La promessa Sposa è giovane, arriva da lontano, e la Famiglia la accoglie, quasi distrattamente, nella elegante residenza fuori città. Il Figlio non c’è, è lontano, a curare gli affari della prospera azienda tessile. Manda doni ingombranti. E la Sposa lo attende dentro le intatte e rituali abitudini della casa, soprattutto le ricche colazioni senza fine.
C’è in queste ore diurne un’eccitazione, una gioia, un brio direttamente proporzionale all’ansia, allo spasimo delle ore notturne, che, così vuole la leggenda, sono quelle in cui, nel corso di più generazioni, uomini e donne della famiglia hanno continuato a morire. .
Tutto sembra convergere intorno all’attesa del Figlio. E in quell’attesa tutti i personaggi cercano di salvarsi.



LA TENTAZIONE DI ESSERE FELICI
di Lorenzo Marone | Longanesi | € 12,67 edizione cartacea

Un romanzo ironico ma profondo, così come a volte ci si presenta la vita.
Cesare Annunziata potrebbe essere definito senza troppi giri di parole un vecchio e cinico rompiscatole. Settantasette anni, vedovo da cinque e con due figli, è un uomo che ha deciso di fregarsene degli altri e dei molti sogni cui ha chiuso la porta in faccia.
Un giorno, nel condominio, arriva la giovane ed enigmatica Emma, sposata a un losco individuo che così poco le somiglia. Cesare capisce subito che in quella coppia c’è qualcosa che non va, e non vorrebbe certo impicciarsi, se non fosse per la muta richiesta d’aiuto negli occhi tristi di Emma…
I segreti che Cesare scoprirà sulla sua vicina di casa, ma soprattutto su se stesso, sono la scintillante materia di questo formidabile romanzo, capace di disegnare un personaggio in cui convivono, con felice paradosso, il più feroce cinismo e la più profonda umanità.




Una parentesi per il “Caso After”

AFTER
di Anna Todd | Sperling & Kupfer | € 12,67 edizione cartacea

Fenomeno editoriale dell’anno a livello mondiale.
Il libro più letto dell’estate 2015 è stato scritto sul social network Wattpad, dove ha raggiunto più di un miliardo di letture e successivamente pubblicato tramite casa editrice.
I quattro volumi, venduti in oltre trenta paesi, hanno superato in pochi mesi il traguardo del milione di copie, andando bel oltre qualsiasi possibile previsione.
La storia più amata dal popolo dei teenagers, quella più controversa e discussa che si possa trovare in rete. Una moda che fa tendenza, preoccupando diversi genitori e andando a ruba tra i giovanissimi.

>> l'editoriale di Ornella Nalon: il caso editoriale dell'anno






Francesca Gnemmi
Dichiara apertamente di non poter fare a meno di leggere, leggere per imparare ciò che ignora e conoscere se stessa nel suo continuo evolversi. Dalla passione per la lettura è nata quella della scrittura, o forse viceversa.
Poesie, favole e novelle ambientate nel dopoguerra e Il tempo delle lucciole, il suo primo romanzo storico edito da settembre 2015, sono frutto della costante necessità di tenere la penna in mano e afferrare i pensieri che si librano nella mente.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...