• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Caffè letterario] Le interviste di Silvia Pattarini: un caffè con Martina Dei Cas

Oggi il nostro caffè letterario è ben lieto di presentarvi un volto nuovo della letteratura italiana: è con noi Martina Dei Cas. Conosciamola meglio!

Ciao Martina, e grazie per avermi concesso questa intervista. Per rompere il ghiaccio, visto che ci troviamo in un caffè letterario virtuale, permettimi di offrirti virtualmente un caffè, un the, una tisana, una bibita fresca o…  cosa preferisci?
Un bel caffè, la bevanda che più di tutte unisce Italia e America Latina!

Bene ora che abbiamo rotto il ghiaccio raccontami di te. Chi è Martina nella vita di tutti i giorni?
Sono una neolaureata in diritto internazionale che adora scrivere, leggere, viaggiare e spera di trovare un lavoro che le permetta di conciliare tutte queste passioni. Al momento sto facendo uno stage al Servizio Europa della Provincia di Trento, dove vivo… e a fine marzo partirò per Bruxelles per un altro tirocinio alla rappresentanza della mia regione presso l’Unione Europea!

Quanti libri hai scritto? Quali sono, vuoi indicarceli?
Sono tre. Il primo Una stravagante mattinata a Operà (2009) è un giallo per ragazzi, ambientato a Parigi, a metà tra il mondo austero dell’Operà e quello variopinto della break dance. Gli altri miei romanzi Cacao Amaro (2011) e Il quaderno del destino (2015), nati da due brevi esperienze di avvicinamento alla cooperazione internazionale in Nicaragua, raccontano invece le piccole storie dei tanti eroi discreti che, in silenzio e con dedizione, mandano avanti questo Paese meraviglioso, ma anche travagliato.

Raccontami brevemente del tuo ultimo libro, ma non svelare troppo!
Il quaderno del destino è un romanzo corale, affettuoso, ammaliante e spietato come le variopinte metropoli centroamericane. È un viaggio che si snoda tra bancarelle cariche di frutta matura, cascate e miniere d’oro alla ricerca delle scelte che ogni giorno tutti noi dobbiamo compiere, a prescindere dal tempo e dalla latitudine.
I protagonisti sono Joaquin e Thalia, due bambini di strada che vivono nei sobborghi di Managua arrabattandosi come possono, fino a che una signora di mezz’età amareggiata dalla vita decide di rischiare certezze ed agi per riscattarli dalla povertà, suscitando le ire del boss che governa il quartiere. E’ una storia intrisa di polvere, caffè e umanità, che togliendo gli ispanismi potrebbe essere ambientata in una favela, uno slum di Calcutta o Nairobi o addirittura nelle nostre periferie.

La rivoluzione digitale e l’ e-book: cosa ne pensi di questo sistema innovativo di lettura, credi che rappresenti il futuro o è solo fumo negli occhi?
Mi piacciono le innovazioni, ma come possono superare il profumo della carta consumata dal tempo e la gioia di appoggiare il segnalibro sul comodino e immergersi nell’ultimo capitolo della tua saga preferita?
Detto questo, trovo che anche gli ebook abbiano i loro punti di forza, per esempio quello di rendere reperibili nel giro di pochi clic i libri in lingua originale privi di un’edizione italiana!


Tu e  i social network: credi che possano rappresentare un’opportunità per un autore/autrice, o li consideri solamente un frivolo passatempo?
Penso che, se usati con buon senso, i social network possano dare agli autori emergenti grandi opportunità di conoscersi e confrontarsi con tante persone diverse, geograficamente lontane, ma affini!

Progetti per il futuro: ci sono nuovi lavori in corso o ambizioni particolari?
Per ora mi dedico alle presentazioni de Il quaderno del destino in biblioteche, associazioni e istituti scolastici e alla fornitura di materiale didattico per le scuole rurali di Waslala in Nicaragua realizzata tramite le royalties del mio libro, ma sto anche scrivendo la biografia di un missionario saveriano che ha dedicato la sua vita al Burundi, costruendo case, dispensari medici e regalando tanta speranza e dignità!

Dove possiamo trovare il tuoi libri?
I miei libri si possono ordinare in tutte le librerie e sui maggiori siti di commercio elettronico. Per saperne di più vi aspetto sulla mia pagina facebook e sul mio canale youtube, dove potete trovare il booktrailer de Il quaderno del destino




Martina ti ringrazio tantissimo per essere stato con noi e, a nome de  Gli scrittori della porta accanto ti faccio i complimenti per il tuo ultimo libro, in bocca al lupo per i tuoi progetti futuri!
                                                                                                  



Silvia Pattarini
Diplomata in ragioneria, ama scrivere racconti e componimenti poetici, alcuni dei quali compaiono in diverse antologie. Partecipa a concorsi letterari di poesia, prosa e premi letterari per narrativa edita.
Biglietto di terza classe,  0111Edizioni.
La mitica 500 blu,  Lettere Animate.

About Silvia Pattarini

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...