• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Professione scrittore] L'editoriale di Ornella Nalon: e dopo "After" arriva "My dilemma is you" di Cristina Chipari, nuovo caso letterario su Wattpad


Dopo il caso letterario di After nato, riga dopo riga, sulla piattaforma online Wattpad e poi pubblicato in Italia da Sperlin & Kupfer, diventando la serie più venduta del 2015, sta ora spopolando un altro libro My dilemma is you, scritto da Cristina Chiperi
Di origini Moldave, Cristina si è trasferita a Padova con i genitori quando aveva pochi anni e ora che ne ha diciassette, sta frequentando il liceo classico. Un po' di mesi fa, ascoltando la canzone “My dilemma” di Serena Gomez, (Lui è il mio dilemma/una metà di me ti vuole/e l’altra metà ti vuole dimenticare) le arriva l'ispirazione e comincia a scrivere, dal suo cellulare, caricandolo su Wattpad, l'inizio di quella che poi sarebbe diventata una trilogia
Sin dal primo capitolo, le visualizzazioni sono numerose e destinate ad aumentare vertiginosamente nel tempo. Alla data attuale, si contano più di 7.000.000 di clic e innumerevoli sono i commenti entusiasti dei follower!
Poco importa se anche l'autrice non è molto convinta di ciò che scrive, tanto che lei stessa ammetterà: “Mi sembrava uno schifo di storia all’inizio. Ho pensato che non sarebbe piaciuta a nessuno, ma poi ho cominciato a ricevere commenti e visualizzazioni e ho pensato chissenefrega, vado avanti. E se piace bene, se non piace non importa. Quindi ho continuato a scrivere perché c'erano ragazze che mi seguivano e apprezzavano la mia storia"
Va da sé che tale successo di pubblico abbia attirato l'attenzione di qualche casa editrice ed è così che Leggereditore decide di pubblicare il primo libro che si trova nelle librerie da gennaio di quest'anno.

MY DILEMMA IS YOU
di Cristina Chiaperi
Leggereditore
ISBN 978-8865086797
cartaceo 12,67€  Acquista
ebook 4,99€  Acquista

Oramai, l'editoria è diventata una industria alla pari di qualsiasi altra e, come tale, segue tutte le leggi di mercato che determinino il massimo guadagno. Ritengo non sia un caso che la copertina di “My dilemma is you” somigli così sfacciatamente, nella grafica, a quella di “After”, nonostante le case editrici siano diverse. Con ogni probabilità, si è voluto sfruttare, anche con l'impatto visivo, l'onda del grande successo ottenuto dal primo e notissimo libro record.


Questa è la sinossi del libro: Christina Evans ha sedici anni, vive a Los Angeles e frequenta il terzo anno dell’high school. Tra feste, amici e buoni voti, la sua è una vita perfetta. Finché la sua famiglia non decide di trasferirsi a Miami, e per Cris cambia tutto. Da un giorno all’altro viene catapultata in una nuova città e soprattutto in una nuova scuola. Nonostante senta la nostalgia di Los Angeles, riesce rapidamente ad ambientarsi e a stringere amicizia con gli studenti più popolari. Tutti la accolgono calorosamente... tutti tranne Cameron e la sua ragazza Susan, da subito ostili nei suoi confronti. E così, tra grandi e piccole difficoltà, Cris trova una nuova amica, Sam, e un nuovo amore, Matt. Ogni cosa sembra procedere nel migliore dei modi, ma come spesso accade nelle faccende di cuore, i giochi sono destinati a complicarsi. Col passare del tempo, Cameron e Cris comprendono che l’antipatia che provano l’uno per l’altra nasconde in realtà un sentimento ben diverso, e accettare e assecondare questa scoperta vuol dire mettere di nuovo tutto in discussione... 
Da questo breve sunto, si comprende chiaramente che tutta la storia verte su un intreccio di amori adolescenziali e di amicizie tradite. A quanto sembra, nonostante si ritenga che i giovani d'oggi siano molto meno romantici e più materialistici di quelli di un tempo, tali argomenti continuano a fare breccia nei loro cuori. 
Da scrittrice quale sono, guardo questi fenomeni con una punta di invidia e una dose più massiccia di incredulità. Mi piacerebbe scoprire l'arcano mistero per cui certi scritti, anche di scarsa levatura artistica, se me lo concedete, riescano a toccare le stelle ed altri, di ben maggiore rilievo, siano destinati a cogliere soltanto un pugno di consensi.
Basterà davvero scrivere una storia di giovani amori conflittuali per svettare nelle classifiche? Ma se così fosse, quanti dovrebbero essere i best seller del genere? Oppure, come di solito succede, è solo una questione del casuale centro di uno strale lanciato dalla dea fortuna?


Ornella Nalon
I miei hobby sono: il giardinaggio, la buona cucina, il cinema e, naturalmente, la scrittura, che pratico con frequenza quotidiana. Scrivo con passione e trasporto e riesco a emozionarmi mentre lo faccio. La mia speranza è di trasmettere almeno un po’ di quella emozione a coloro che leggeranno le mie storie.
Quattro sentieri variopinti”, Arduino Sacco Editore
Oltre i Confini del Mondo”, 0111 Edizioni
Ad ali spiegate”, Edizioni Montag
Non tutto è come sembra”, da 0111 Edizioni.

About Lisi

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...