• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Serie TV] L'editoriale di Lara Zavatteri: la miniserie tratta da "Mondo senza fine" di Ken Follett


Mondo senza fine è un libro di Ken Follett e una serie tv trasmessa qualche tempo fa, una di quelle serie che riescono a tener fede al libro e a non snaturare la storia, insomma un prodotto davvero ben fatto.
Con alcune differenze. Nella serie tv gli episodi iniziano quando i personaggi sono già adulti, mentre nel libro di Ken Follett gli eventi sono narrati a partire da quando Caris (una delle protagoniste) e gli altri sono ancora dei bambini. Altre differenze sono l'amabilità iniziale di frate Godwyn, totalmente assente nella serie dove è invece un monaco senza scrupoli, oltre ad alcune caratteristiche fisiche dei personaggi. Merthin, ad esempio, nel libro viene descritto con i capelli rossi, mentre nella serie non lo sono, il padre di Caris fin da subito sembra zoppicare, mentre nella serie tv inizia a farlo dopo aver subito un'ingiusta punizione. Caris inoltre nel libro ha una sorella, Alice, assente nella serie tv.


I personaggi principali
Tv e libro mettono in evidenza i personaggi di Caris, una ragazzina indipendente e forte, Gwenda, bambina cui non sono risparmiate sofferenze ma che trova sempre il modo di riscattarsi, i fratelli Merthin e Ralph, il primo un abile architetto e carpentiere, il secondo a servizio di sir Roland, un nobile avido. Libro e serie mettono in risalto le differenze fra i fratelli: Merthin è dotato di grande intelligenza e gentilezza, Ralph sa usare solo la violenza e si prende tutto quello che vuole.

La perfida Petranilla
Perfida, disposta a tutto per la carriera ecclesiale del figlio Godwyn, appare la zia di Caris, Petranilla, che nella serie tv è chiamata Petronilla ed è interpretata dall'attrice che in Sex and the city era Miranda (Cynthia Nixon). Suo pari in quanto a crudeltà è il conte Rolad, infatti leggendo il libro ci saranno delle rivelazioni.

L'ambientazione
È la cittadina di Kingsbridge, nell'Inghilterra del Trecento. Sullo sfondo delle vicende dei personaggi principali si svolge quella di re Edoardo, che tutti credono morto e che in realtà si nasconde sotto mentite spoglie proprio a Kingsbridge.

L'amore di Caris e Merthin
Sarà ostacolato per anni da molte disavventure. Da ultimo Caris diventa suora, mentre Merthin se ne va in Italia. Riuscirà il loro amore a trionfare?

MONDO SENZA FINE
di Ken Follett
Mondadori
EAN 9788804579991
cartaceo 12,75€  Acquista

Se non avete letto il libro, ve lo consiglio, così come la serie tv che, seppur con i dovuti tagli necessari, riporta il lettore alle atmosfere della storia.






Lara Zavatteri
Classe 1980, vive e lavora nel paese di Mezzana in val di Sole (Trentino). Iscritta all'Ordine nell'elenco dei pubblicisti dal 2000, scrive articoli di cultura, ambiente e attualità locale. È anche blogger e autrice di libri.
Guardando le stelle, Un cane di nome Giuliano, Risparmia Subito!Amici per sempreCuor di Corteccia, Sopravvissuti, Youcanprint.
Reset, Photocity.it.
La strada di casa, Edizioni del Faro.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...