• Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Caffè letterario] Le interviste di Silvia Pattarini: un caffè con Arcangelo Amodio

Il nostro Caffè Letterario è lieto di ospitare un nuovo volto della letteratura italiana contemporanea. Nel nostro salotto virtuale incontriamo Arcangelo Amodio.

Buongiorno Arcangelo e benvenuto nel blog de Gli scrittori della porta accanto. Raccontaci qual è quell’alchimia, quella scintilla interiore che ti spinge a scrivere nella vita di tutti i giorni: cosa ti affascina e ti ispira?
Buongiorno, non so, a volte nella vita di tutti i giorni vedo delle situazioni, o sento delle cose che mi fanno venire in mente delle storie. E’ come se volessi dare alle vicende che vedo o che vivo un contesto diverso, metterle in un ordine diverso e vedere se stanno in piedi.

Mal di mare” è la tua ultima fatica letteraria: vuoi ricordarci, i titoli delle tue pubblicazioni precedenti?
Prima di Mal di mare ho pubblicato solo una raccolta di quattro racconti molto brevi, che si intitola Controra.

Cosa ne pensi dell’auto pubblicazione?
Secondo me è l’unica possibilità per un autore che non sia già affermato. Consente di essere distribuito in tutto il mondo, a costo zero, permette di acquistare i libri a prezzi più onesti e allettanti, e dà la massima libertà all’autore. E si fonda su un principio di meritocrazia tale da non mettere l’autore nella imbarazzante posizione di sentirsi in debito con qualcuno se mai dovesse avere successo, e di non avere nessuno da biasimare, se non se stesso, se invece non avesse alcun successo.

Hai voglia di metterti in gioco partecipando a premi e concorsi letterari, oppure la competizione non fa per te, o semplicemente, non ci hai ancora pensato?
Io ho un problema con il concetto stesso di competizione, la parola che ha acquisito sempre più con gli anni un connotato positivo, nasconde per me una miseria profonda, un bisogno di essere vivi perché qualcun altro è morto, un sentirsi affermati solo perché si è stati giudicati migliori di qualcun altro in qualcosa. Comunque, anche grazie all’interessamento di mio fratello, che si è sempre interessato alla promozione dei miei libri, ho partecipato ad alcuni concorsi. Ma non ho vinto mai niente.

Le recensioni sono il cruccio e la speranza di ogni autore. Quali emozioni ti ha suscitato la prima recensione positiva e come hai reagito, invece, alla prima critica?
Non è che ne abbia avute molte di recensioni, la prima che lessi mi piacque perché capii che il lettore aveva effettivamente letto tutto il libro, e che aveva colto in pieno il senso che avevo cercato di dargli. Ho sempre desiderato ringraziarlo, ma essendo anche molto pigro, e non vivendo connesso alla rete dei contatti sociali di internet, non l’ho mai fatto. Se per caso leggi quest’intervista, grazie di cuore Luciano Pagano. Negative non ne ho ancora avute, ma non perché sia bravo, ma semplicemente perché sono sconosciuto. Se dovessi imbattermi in una negativa, penso che dipende da come è espressa e articolata, potrei apprezzarla, o potrebbe dispiacermi solamente. Non so.

Secondo te i potenziali lettori leggono le recensioni o, si affidano all’ immagine di copertina o alla sinossi?O a tutte queste cose insieme?
Un po’ tutte queste cose insieme.

Esiste un filo conduttore o di aggregazione nei tuoi romanzi, oppure ciascuno è un mondo diverso, per trama e genere?
Ciascuno è diverso, ma in fondo sono tutti frutto della mia fissazione per il tempo passato, e per gli anni della giovinezza.

Preferisci leggere alla vecchia maniera, sfogliando le pagine e annusando il profumo dei libri, oppure si è lasciato affascinare dalle innovative tecnologie e legge gli ebook?
Io personalmente non ho un amore morboso per il libro come oggetto. Sì a volte l’odore di un libro mi ricorda di quando l’ho letto, ma per me è solo un mezzo. E il progresso ci offre oggi un mezzo molto più versatile e più comodo del libro cartaceo. D’altro canto quando fu inventata la carta ci sarà stato certo qualche nostalgico della tavoletta di terracotta, che avrà guardato con sospetto al lavoro degli amanuensi. Per dire, conservo ancora molti dischi in vinile, ma la musica la ascolto in mp3.

Hai ancora qualche sogno nel cassetto da realizzare?
Non credo di averne realizzato nemmeno uno, per la verità. E dubito che nel cassetto ne sia ancora qualcuno vivo. Secondo me si sono scannati a vicenda in un raptus di cabin fever.

Per concludere, lascia un messaggio ai lettori per invitarli a conoscere le tue opere.
Andate su Amazon ^_^

Arcangelo, mi ha fatto molto piacere approfondire meglio la tua conoscenza, in bocca al lupo per i tuoi progetti futuri.
Grazie a te.                                                                                           



Silvia Pattarini
Diplomata in ragioneria, ama scrivere racconti e componimenti poetici, alcuni dei quali compaiono in diverse antologie. Partecipa a concorsi letterari di poesia, prosa e premi letterari per narrativa edita.
Biglietto di terza classe,  0111Edizioni.
La mitica 500 blu,  Lettere Animate.

About Silvia Pattarini

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!


Novità editoriali

LIBRERIA GLI SCRITTORI DELLA PORTA ACCANTO