• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[FotografiA] "In Her Handbag", la borsa delle donne: il progetto fotografico di Sarah Benton, di Loriana Lucciarini

[FotografiA] "In Her Handbag", la borsa delle donne: il progetto fotografico di Sarah Benton


 In Her Handbag, il progetto fotografico di Sarah Benton, svela uno dei più grandi misteri dell'universo: cosa c'è nella borsa delle donne?

Oggi ci sarà da divertirsi, l’argomento è la borsa della donne, tutto un mondo a parte.
L’altro giorno, durante il mio viaggio da pendolare verso la capitale, trascinavo stancamente la mia pesante borsa. Osservandomi con attenzione, una compagna di viaggio mi ha posto la fatidica domanda: “Ma che ti porti dietro? Senti quanto pesa!”.
Eh, già, era pesantissima! Così In ufficio ho deciso che dovevo alleggerirla un po’ e ne ho controllato il contenuto, per cercare di capire cosa poter lasciare a casa. Eliminare ciò che non è indispensabile.
Ebbene, vi sembrerà impossibile (le lettrici, però, capiranno!): non sono stata in grado di togliere alcunché! Tutto assolutamente necessario. "Perché non sai mai", "Perché può servire"…
Questo, però, è tutto un problema solo femminile. Perché quando guardo gli uomini aggirarsi per la città li vedo sempre con borse minimal o zainetti pressoché vuoti. Camminano leggeri, agili. Noi invece stipiamo dentro le nostre maxi-borse l’inverosimile, praticamente ci portiamo dietro la casa intera. E anche le donne che vedete in giro con delle mini borsette, non avete idea di quello che riescano a inserirci: incastri che neanche il campione del mondo di Tetris ha mai realizzato!
Campionesse mondiali di incastri, in tanti aspetti, noi donne. Sarà che siamo abituate a far le equilibriste con la vita, che allora l’idea che "magari potrebbe servire" ci condanna a questa sfilata di oggetti da infilare in borsa. L’atteggiamento zen della mia amica sosteneva che: bisogna lasciar andare gli oggetti, non servono. E in parte ha ragione, ma poi, quando magari ti capita una cena fuori improvvisa e ti ritrovi senza profumo o i trucchi per ritoccare il maquillage, ecco che ti dici: “ah se mi fossi portata…”. Magari la suddetta cena capita solo una volta l’anno, ma quell’occasione non ci deve trovare impreparate! Ecco, forse è la necessità di essere sempre operative, di essere pronte agli eventi che, in fondo, ci frega...

Mi sono allora ricordata di un interessante articolo apparso qualche mese fa sul web dove si raccontava che la fotografa Sarah Benton si era posta la stessa domanda: cosa c'è nella borsa delle donne?

Ma, da esperta dell’obiettivo, ha avuto l’intuizione di fotografare le risposte. E quindi, quasi come fosse un’indagine social, ha chiesto a più donne di differenti età e professioni la libertà di curiosare nelle loro borse ed è nata questa fotogallery, il progetto "In Her Handbag".

In her bag: Danielle, 20. Photographer, Vintage Fanatic, Wife to be.

Oltre al fatto che l’ho trovata un’idea carina, guardando quelle foto mi sono sentita meno sola. E non ho potuto non sorridere nel vedere, in alcune di queste, il set completo di ricambio per i propri bimbi: a suo tempo anche io andavo in giro con una scorta supplementare perché… non si sa mai!
Così che io ho fotografato il contenuto della mia borsa e lo pubblico qui, nella speranza che possa trovare umana solidarietà femminile e magari (da qualche lettrice/lettore dall’approccio più pratico) suggerimenti utili a qualche sana eliminazione (se ne trovate). In alternativa, continuerò a portarmi dietro 3-chili-3 di peso supplementare al giorno :-)

In her bag: la borsa di Loriana Lucciarini.



Loriana Lucciarini
Impiegata di professione, scrittrice per passione. Spazia tra poesia e narrativa. Molte pubblicazioni self e un romanzo “Il Cielo d'Inghilterra” con Arpeggio Libero. È l'ideatrice e curatrice delle due antologie solidali per Arpeggio Libero, la prima di favole per Emergency “Di favole e di gioia” nonché autrice con la fiaba “Si può volare senza ali” e la seconda di “4 Petali Rossi – frammenti di storie spezzate”, racconti contro il femminicidio per BeFree. È fondatrice e admin di “Magla-l'isola del libro”.
Il cielo d'Inghilterra, Arpeggio Libero.
Una felicità leggera leggera, Le Mezzelane.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...