• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

Le recensioni di Elena Genero Santoro: "Di nuvole, brugole e altri misteri" di Franco Filiberto


Ho già avuto modo di apprezzare Franco Filiberto nella sua prima opera: Le ali sulla pelle, un giallo tanto originale quanto ben congegnato.
Ora Franco Filiberto è alla sua seconda pubblicazione, una raccolta di quattro racconti, quattro storie completamente slegate tra loro che hanno in comune solo una cosa: il delitto e il mistero, che puntualmente viene svelato nel finale.
Dicevo, le storie sono tutte indipendenti, ma in tutte possiamo ritrovare i tre elementi che caratterizzano questo autore e che già comparivano nel libro precedente.
Il primo: una scrittura accattivante, che tiene incollati alle pagine, pulita, senza fronzoli, ma con la giusta dose di partecipazione e, a volte, un filo di ironia.
Il secondo: vicende sempre molto originali e ben strutturate, oliate al punto giusto da far girare il meccanismo narrativo in modo perfettamente sincrono.
Il terzo: la caratterizzazione dei personaggi sempre credibile, che conferisce il giusto realismo anche alla storia più improbabile.
I personaggi di questo libro sono tanti: c'è il serial killer professionista che ha deciso di andare in pensione dopo l’ultimo grosso colpo, ma che si trova di fronte a un imprevisto che rischia di scombinargli i piani; c’è il poliziotto vedovo alle prese con un cold case; c’è una inaspettata coppia di investigatori privati composta da un figlio adulto e una anziana madre. Quest’ultima è la vera mattatrice della vicenda.
Franco Filiberto, nell’atto di intrattenere il pubblico con una raccolta breve che si legge d’un fiato, esplora con maestria la psiche umana e in qualche caso tocca le corde dell’anima. Ne è un esempio la storia della transessuale e del meccanico che se ne era invaghito. L’autore crea personaggi talmente interessanti che il lettore inizia a sperare di ritrovarli in nuove avventure.
In conclusione, consiglio questo libro e, se ci saranno, anche i prossimi.





Quattro storie diverse fra loro, unite da un unico filo rosso, un filo antico come l'uomo: il crimine. 
Quattro modi di attraversare frammenti di vita di ballerine e di meccanici, di trans e di investigatori, di sicari e di hacker, di medici e di poliziotti, tutti assorti nelle loro vicende, protagonisti consapevoli o solo ignare comparse dell'eterna lotta fra il bene e il male. 
Ma non sempre il nero è completamente nero e il bianco veramente bianco.






di Franco Filiberto | Giallo | ISBN 9788893210874
ebook 3,99€ Acquista | cartaceo 9,26€ Acquista





Elena Genero Santoro
Ama viaggiare e conoscere persone che vivono in altri Paesi. Lettrice feroce e onnivora, scrive da quando aveva quattordici anni.
Perché ne sono innamorata, Montag
L’occasione di una vita, ebook Lettere Animate
Un errore di gioventù, 0111 Edizioni
Gli Angeli del Bar di Fronte, 0111 Edizioni.
Il tesoro dentro, 0111 Edizioni.

About Elena Genero Santoro

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...