• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

Le ricette dai libri: biscottini della nonna da "Ti aspetto" di Samantha Terrasi



«Toc Toc, Nina si può?».
«Sì nonna, entra, sto studiando».
«Nina, piccola mia, non puoi continuare a studiare anche d’estate, esci con le tue amiche, bambina mia».
«Nonna, non ti preoccupare. Studio un po’ e poi esco con Arianna, mi deve raccontare un sacco di cose su Matteo».
«Arianna è una cara ragazza».
«Sì nonna, ma lei ora è innamorata e pensa solo a
lui».
«È normale bambina mia, l’amore fa sognare. Vieni,
mettiti sul letto che ti pettino i capelli come quando eri bambina».
«Sì nonna... Ho voglia di tornare bambina».
Nina chiude gli occhi e sente il profumo dell’infanzia. Ripensa a quando le cose da bimbi ti sembrano così difficili e non sai da che parte prenderle e invece quando cresci ti sembrano così piccole e così facili.
«Nonna, mi parli della mamma?».
«Sì, Nina... Cosa vuoi sapere di tua madre?».
«Perché è andata via?».
Nina riapre gli occhi. La nonna si ferma a metà altezza, non porta la spazzola fino in fondo, rimane sospesa in quella domanda.
«Nina perché lo vuoi sapere?».
«Nonna, io non te l’ho mai chiesto. In tutti questi anni ho cercato di pensare, di riflettere e quando ero piccola tutto mi sembrava più grande di me. Ora vorrei capire il perché. Ora ne ho bisogno per capire me stessa»
 >> scheda del libro.
BISCOTTINI DELLA NONNA
Biscottini al latte

Tempo totale preparazione + cottura: 1 ora
Difficoltà: media
Porzioni: 24 biscotti

Semplici come le parole della nonna di Nina che le racconta della madre. I biscotti al latte profumano d’infanzia. Quella di Nina che non ha vissuto. Sono i biscotti della colazione, della tradizione e della famiglia. Profumano per giorni e durano anche d’estate nei barattoli ermetici.

INGREDIENTI
500 gr di farina
2 uova
150 gr di burro
125 ml di latte
Scorza di limone
150 gr di zucchero semolato
1 bustina di lievito


PREPARAZIONE

Amalgama il burro con lo zucchero (non tutto, tieni 3 cucchiai da parte per spolverizzare i biscotti) e la scorza di limone. Aggiungi le uova ed amalgamale al composto, poi la farina setacciata con il lievito, aggiungendo a poco a poco anche il latte. Otterrai un composto simile ad una frolla, ma molto più morbido. A questo punto mettilo a riposare nel freezer per 15 minuti, così da indurirlo leggermente, in modo da stenderlo meglio. Per stenderla aiutati con due fogli di carta trasparente.
Taglia con un tagliapasta in pezzi piuttosto grandi. Vanno bene pezzi anche molto irregolari… la nonna non badava a queste cose! Adagiali su una teglia coperta da carta forno o dell’alluminio e spolverali con lo zucchero semolato. Cuoci a 190 – 200°C per circa 30 minuti, finché non saranno dorati.




Puoi trovare tante altre ricette nel nostro libro di ricette 
L'appetito vien leggendo. Ricette dai libri.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...