• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Teen] Le recensioni di Liliana Sghettini: "Tartarughe marine" di Gianna Gambini


"Tartarughe marine" di Gianna Gambini, Zerounoundici Edizioni, 2013.

Cari lettori oggi vi parlerò di un romanzo rivolto ai ragazzi, ma anche a tutti i loro genitori che, con grande apprensione, vivono il duro momento di passaggio dei loro figli dall'infanzia alla giovinezza.
L'adolescenza, quel lembo di vita durante la quale “i bruchi diventano farfalle” al prezzo però, di una metamorfosi fatta di sconvolgimenti fisici, emozionali e intellettuali. Sconvolgimenti che segnano le intense, significative e anche dolorose esperienze di socializzazione, senza le quali, non si potrebbe approdare al duro mondo degli adulti.
A volte, però, queste esperienze lasciano segni indelebili...
Vi parlerò di “Tartarughe marine” 0111 Edizioni di Gianna Gambini, insegnante di lettere presso la scuola secondaria di primo e secondo grado e attenta osservatrice del mondo dei ragazzi.
Mi piace come sempre spendere alcune parole sul titolo, in questo caso apparentemente evocativo di una fiaba per bambini più piccoli, ma che a ben guardare è l'anticamera perfetta del mondo raccontato dall'autrice.
Un mondo adolescenziale dove addentrandosi si coglie il senso della metafora utilizzata:

“Un’altra specie dei fondali marini minaccia la tranquillità delle povere tartarughe: le murene. Proprio così, quando una delle centinaia di tartarughe che popolano i fondali adolescenziali aveva avuto il coraggio di sporgersi appena fuori dal suo guscio, una perfida e sinuosa murena l’ha attaccata alle spalle e ha sferrato un colpo quasi letale, se non fosse che le tartarughe sono notoriamente longeve e dure a morire”

Un titolo che d'altro canto, riassume perfettamente il gergo giovanile a volte crudele ma anche simpatico ed efficace.
“Tartarughe marine” è la storia di una ragazza che si vede un po' bruttina, che vive il peso dei sui chili di troppo come un macigno insormontabile, che si sente diversa dalla maggior parte dei suoi coetanei. Una ragazza che non si accetta per come è pur riconoscendo la sua intelligenza come valore aggiunto, ma non al punto da utilizzarla per fronteggiare le sue battaglie quotidiane.
E' la storia di un'adolescente di nome Caterina che inizia a sentirsi donna grazie alle attenzioni di Marco, incontrato per caso, e subito riconosciuto come “suo simile”. Marco che però, non rifiuta le avances delle “murene”, le magrissime e bellocce ragazze senza cervello che gli si buttano addosso perchè non vuole “perdere la faccia” dinanzi ai suoi amici, quelli del gruppo.
Il gruppo del quale anche Caterina vorrebbe far parte benchè capisca che sia unito solo da argomenti superficiali e dalla stentata condivisione di fisici apparentemente perfetti ed in linea con i clichè delle riviste patinate.
Marco però non è poi tanto simile a Caterina perchè lei malgrado la sua sofferenza ha il coraggio delle sue azioni. Lui invece pur di essere accettato ignora anche ai suoi reali desideri che lo vorrebbero al fianco di Caterina. Si avvicina a lei ma non in pubblico, ha bisogno di lei ma non vuole che sia la sua ragazza dinanzi agli altri.
Che delusione è Marco per Caterina, per lei che, già stressata dalla sua dieta perenne, si sente in colpa ogni volta che le passa di fronte una fetta di torta. Lei che per perdere qualche chilo deve contare etto, dopo etto facendo tanti, troppi sacrifici.
Ma cosa può accadere ad un adolescente quando una delusione d'amore le fa crollare il mondo addosso? Quando il senso di inadeguatezza diventa una miscela esplosiva insieme alla constatazione di essere lei l'unica mosca bianca? Come si sente quando Marco la delude una, due, tre... tante volte mostrandosi diverso da come le era sembrato?
Cateriana entra in crisi e perde il controllo della sua vita...

“Fin quando ho attribuito agli altri la causa delle mie difficoltà, non ho saputo imboccare la mia strada… e se ora ho trovato anche solo un viottolo scosceso da percorrere è perché ho capito che io e solo io sono l’artefice di me stessa”.

Ma dove sono i genitori di Caterina? Si accorgono delle sue pene d'amore e delle sue difficoltà? Si accorgono di quella sofferenza radicata che le scava ogni giorno un'insaziabile voragine?
Il romanzo di Gianna Gambini è una perfetta fotografia delle dinamiche adolescenziali. Una fotografia di come i nostri ragazzi vedono se stessi e sopratutto di come vedono noi adulti.
Ma perchè, da genitori, più cerchiamo di averli vicini e più sembrano essere tanto distanti? Quanto è difficile essere genitori..... E quanto è anche difficile essere figli...
Cari lettori vi consiglio il romanzo di Gianna Gambini, scrittrice emergente, perchè regala un prezioso contributo di riflessione sul quel delicato periodo che è l'adolescenza e tende la mano a chi forse, figlio o genitore, potrebbe avere bisogno di osservare dal di fuori una realtà che lo riguarda da vicino.




Caterina è una ragazza in lieve sovrappeso che si trova immersa in un mondo adolescenziale popolato da ragazze “murena” e giovani squali, pronti ad attaccarla e calpestarla, senza mai voltarsi indietro per porgere delle scuse. 
Lei, giovane e insicura tartaruga marina, ha un’unica arma di difesa, nascondersi nel suo guscio per evitare gli attacchi dei nemici. 
Il pericolo di cadere la sfiora in varie occasioni, ma con la sua lieve ironia, Caterina riesce a non farsi trascinare nel fondo del baratro, in un percorso di formazione, mai del tutto compiuto. 
Tra amori poco limpidi e legami facilmente dissolubili, la protagonista cresce, fino a raggiungere le soglie dell’età adulta.








di Gianna Gambini Zerounoundici EdizioniRomance - Young Adult 
ISBN 978-88-6307-592-2 | ebook 2,49€  Amazon | cartaceo 13,70€  Acquista   




Liliana Sghettini
Dottore Commercialista. Appassionata lettrice, si avvicina alla scrittura con alcune pubblicazioni di racconti brevi e scritti epistolari.
Impegnata nella scuola come rappresentante dei genitori, si interessa di pedagogia, didattica e psicologia.
Scrive recensioni, racconti, poesie e favole in compagnia di sua figlia, fonte inesauribile di ispirazione oltre che compagna di lettura.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...