• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

Essere Madre è molto più che essere "semplicemente" mamma, di Angelo Gavagnin


Essere una mamma è relativamente facile e naturale, il procreare è sufficiente per diventarlo, certo, molto impegno e qualche sofferenza sono scontati, ma di mamme ce ne sono miliardi, al contrario di ciò che dice il famoso proverbio “di mamma ce n'è una sola”.
Non siate sconcertati, non voglio sminuire la figura materna, tra l'altro, in Italia sarebbe considerato un delitto imperdonabile, siamo il popolo più mammone del globo o almeno così si dice, voglio solo sottolineare che non sempre una mamma è anche una Madre.
Tutte le donne che hanno procreato sono mamme, non a caso la festa della mamma arriva in primavera, anche la terra comincia a produrre piante e fiori, simbolo di fertilità. Alcune mamme, acquistano anche una qualità in più, diventano Madri. La Madre è una figura diversa, è una figura mistica
La mamma ama in maniera semplice, è fondamentalmente protettiva, desidera che i figli siano più felici di lei, facciano una vita più sicura e più bella della sua; i figli diventano una proiezione delle sue ambizioni. Intendiamoci, tutto naturale, niente di male, è un essere mamma solo un po' limitato, incompleto.
La Madre invece ti aiuterà a diventare unico e indipendente, ti aiuterà a diventare un individuo, ti amerà senza volere importi nulla, sarà pronta ad accettare la “tua verità”, ti aiuterà solo a far affiorare la tua anima, il tuo essere unico.
Diciamo Madre Terra per definire il nostro pianeta. Ma mi ricordo i tempi dell'asilo, quando chiamavo Madre la suora che aveva il compito di educarmi, rammento, pensate, ancora il nome dopo sessant'anni, si chiamava suor Letizia.
Le religioni che concepiscono Dio come una madre sono più profonde, lo aveva capito Papa Luciani, e, coraggioso, ci aveva provato a dire che Dio è Madre, bocciato poi dal Professor Joseph Razinger, poi Papa, infatti, troppo lontano dal sentire popolare. Concetto invece ripreso da Papa Francesco: “Dio ha compassione di noi come la Madre con un figlio”.
Hanno ragione Papa Francesco e il buon Papa Luciani: le Madri, ma anche le mamme più semplici, hanno un che di divino... ma non volevo essere così serio in un giorno di festa! 
La mamma è la prima che ti insegna a pregare: “Prega Dio che non ti cada la minestra sul tappeto...”; e anche a comportarti: “smettila di fare come tuo padre...”Di sicuro, queste nostre mamme e Madri hanno anche il dono dell'ubiquità: lavorano, puliscono, fanno la spesa, stirano, fanno da mangiare e a volte scrivono pure dei bellissimi libri, credetemi, ne conosco alcune... misteri di Madre Natura.
Ecco, noi che siamo anche figli prima che genitori, le vogliamo eterne, brave, divine, e anche belle … e sono belle.



Angelo Gavagnin
Ho lavorato al Porto di Venezia, un lavoro che mi lasciava periodi di libertà che ho usato per viaggiare in Thailandia, Malesia, Sri Lanca, ma anche Cuba e Santo Domingo. Sono stato varie volte in India. Ho conosciuto il Maestro Indiano Osho e ho assistito alla sua cremazione tra canti e balli. Sono diventato papà all'età nella quale di solito si diventa nonni e così sono finiti i viaggi e mi è venuta voglia di scrivere.
Non sono nato e mi sento molto bene, Youprint.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...