• Ponsacco-Los Angeles Sulle tracce di Bruce Springsteen, Valentina Gerini (Mainstream) - Gli scrittori della porta accanto
  • Con la mia valigia gialla, Stefania Bergo (Memoir) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Volevo un marito nero, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • La notte delle stelle cadenti, Valentina Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Perchè ne sono innamorata, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Chiaroscuro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • L'appetito vien leggendo - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Diventa realtà, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Immagina di aver sognato, Elena Genero Santoro, Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il cielo d Inghilterra, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Il sogno di Giulia, Claudia Gerini (Romance) - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Una felicità leggera leggera, Loriana Lucciarini - Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

"La ragazza con l'orecchino di perla", dal libro al film per scoprire Vermeer, di Lara Zavatteri


Una ragazza con grandi occhi, che fissa chi osserva il quadro, una sorta di turbante composto da una fascia blu che le copre i capelli e un'altra che le ricade a mò di coda di cavallo. È il quadro "Ragazza con l'orecchino di perla" conosciuto anche come "Ragazza col turbante" del pittore Johannes Vermeer, da cui l'autrice Tracy Chevalier ha intessuto la trama di un libro e da cui, a sua volta, è stato tratto un film.

Vermeer
Johannes Vermeer, attivo nel Diciassettesimo secolo, è unico. Un genio di Delft, nei Paesi Bassi, che in vita ebbe ben poche soddisfazioni, la cui arte, come accade a molti artisti, è stata apprezzata solamente molti anni dopo la sua scomparsa, se non secoli. Vermeer aveva una famiglia numerosa e molti debiti, per questo diversi dipinti non si sono più trovati o solamente molto dopo la sua morte, infatti era costretto a venderli man mano che li terminava per cercare di pagare i creditori. Con lui, la moglie Chatarina e i numerosi figli viveva anche la suocera, Maria Thins, che probabilmente era colei che amministrava le finanze della famiglia. Vermeer dipinse scene di quotidianità, scorci della sua cittadina, figure femminili, come "Ragazza con l'orecchino di perla", di cui non si conosce l'identità. Oltre al modo particolare di giocare con la luce, si caratterizza per i particolari (tipo le mattonelle che compaiono nei quadri, quelle con i disegni azzurro Delft) e i colori, come il giallo e il blu, il modo di rendere certi particolari, come le nuvole della "Veduta di Delft" e la capacità di rendere interessante la vita di tutti i giorni come ne "La lattaia".
La ragazza con l'orecchino di perla. A tutt'oggi, chi sia stata la modella di Vermeer per questo quadro resta un mistero. Più degli altri quadri dove compaiono altre figure femminili, questo ha però catturato l'attenzione di molti.

LA RAGAZZA CON L'ORECCHINO DI PERLA
di  Tracy Chevalier
Beat
ASIN B00PLSD95Y
ebook 7,99€  Acquista

Il libro
Tracy Chevalier si è ispirata a questo mistero per il suo libro "La ragazza con l'orecchino di perla". Racconta la storia della modella del quadro, Griet, una giovane assunta dalla famiglia di Vermeer come domestica, che presto diventa aiutante del pittore nel suo atelier, suscitando antipatie e gelosie nella famiglia e nell'altra domestica, Tanneke. Frattanto conosce il figlio del macellaio, ma viene anche insidiata da un mecenate di Vermeer, Van Ruijven, mentre il rapporto con il pittore, sempre più interessato a lei, la fa cacciare di casa. Sposerà il figlio del macellaio e solo in seguito le saranno regalati gli orecchini con cui aveva posato per Vermeer, dopo la morte del pittore, orecchini di proprietà di Chatarina.

Il film
Il libro ha ispirato un film con Colin Firth nei panni di Vermeer e Scarlett Johansson in quelli di Griet. Pur essendo molto simili, vi sono delle differenze tra libro e film. Nel romanzo si parla della famiglia di Griet, oltre ai genitori anche una sorellina e un fratello, ma nel film non ci sono, né si parla, come invece fa il libro, della vita di Griet dopo che viene cacciata dalla casa del pittore; nel libro è Griet a bucarsi l'orecchio per metterci il famoso orecchino, nel film è Vermeer; mentre gli orecchini nel romanzo le vengono consegnati anni dopo, nel film sembra che sia passato, invece, poco tempo. A parte questi ed altri dettagli minori, romanzo e film si somigliano molto.

Perchè leggerlo e vederlo
Se non lo conoscete, per scoprire Vermeer. Poi, per seguire le disavventure di Griet, una ragazzina costretta a crescere in fretta nella Delft del Seicento, a lavorare sodo, a subire umiliazioni ma capace di stupirsi davanti alla luce di un quadro del pittore e con l'occasione unica di fargli da modella.





Lara Zavatteri
Classe 1980, vive e lavora nel paese di Mezzana in val di Sole (Trentino). Iscritta all'Ordine nell'elenco dei pubblicisti dal 2000, scrive articoli di cultura, ambiente e attualità locale. È anche blogger e autrice di libri.
Guardando le stelle, Un cane di nome Giuliano, Risparmia Subito!Amici per sempreCuor di Corteccia, Sopravvissuti, Youcanprint.
Reset, Photocity.it.
La strada di casa, Edizioni del Faro.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!


Novità editoriali

LIBRERIA GLI SCRITTORI DELLA PORTA ACCANTO