• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

I video per la festa della mamma più commoventi del web, di Stefania Bergo



Per la festa della mamma, così come per altre ricorrenze, il web viene solitamente invaso da nuovi video dedicati a chi ci ha dato alla luce e ci ha insegnato a vivere.

Video sapientemente confezionati da compagnie assicurative, banche, detersivi, gioielli o prodotti per l'igiene personale. La comunicazione visiva, del resto, è quella più immediata ed efficace, alla portata di tutti.
In questo caso, il tema ben si presta alla commozione, difficile restare impassibili davanti a questi video. Ne ho scelti alcuni che mi sono particolarmente piaciuti per il messaggio veicolato, al di là del contenuto pubblicitario che avrei voluto eliminare almeno da questo post!

Le mamme sono dietro ogni nostro successo.

Il lavoro più impegnativo al mondo è anche il migliore al mondo, recita questo spot. Ed è vero. Le mamme sono le prime nostre fan, hanno creduto in noi fin da quando eravamo solo un fagottino al profumo di talco e latte. Hanno visto nei nostri piedini paffuti il talento della Guillem o immaginato i nostri disegni al Guggenheim. Hanno dedicato le loro giornate ad inseguire un sogno, forse iniziato come una loro proiezione, ma intravvedendo sempre una luce, un diamante grezzo da coltivare con la dedizione, la pazienza e la tenacia che solo una mamma può avere. Nessuno crederà mai in noi come hanno fatto le nostre mamme, ancor prima che dimostrassimo qualcosa. Nessuno continuerà a supportarci allo stesso modo anche dopo disastrose cadute. Per loro non saremo mai arrivati al capolinea, non saremo mai finiti fino a quando non lo vorremo noi. E anche allora, saranno lì, rispettando le nostre scelte, purché siano quelle che ci rendano felici davvero. Sono dietro ogni nostro successo e a loro basta il nostro sorriso per scordare i sacrifici fatti. Amore incondizionato. Grazie di cuore, mamma!



La forza della mamma. Quei denti digrignati e quei pugni sbattuti sul tavolo per difendere tutto di noi. La forza della mamma. Quella forza che lei stessa vorrebbe trasmettere a noi, perchè ben sa che prima o poi ci aspettano prove in cui saremo soli, lei non ci potrà tenere per mano... ma lo vorrebbe, oh se lo vorrebbe!

Mamma, la parola che mette tutti d'accordo.

È la parola più usata al mondo, quella più comprensibile in tutte le lingue, perché ha sempre lo stesso dolce suono di biscotti vanigliati appena sfornati, di zucchero filato alla fiera di paese, di fiori di campo semplici ma orgogliosi. Una parola importante nella vita di ciascuno di noi. Dal punto di vista etimologico “mamma” è una parola onomatopeica, che deriva dalla riproduzione del suono/sillaba che emette il bambino quando inizia a parlare. Nella fase della lallazione, infatti, il bambino ripete lunghe sequenze di sillabe, come appunto Ma-Ma-Ma, ma senza l'intenzione di chiamare la madre. In seguito, riformula con consapevolezza sempre maggiore questa "parola magica", così magica che ha il potere di evocare la presenza della madre: una scoperta fondamentale per il bambino che d'ora in poi non smetterà più di chiamare “mamma”.



Un figlio riconosce la propria mamma ad occhi chiusi...

Madre e figlio vivono in simbiosi, come se il cordone ombelicale non fosse mai stato reciso. Si riconoscono da subito dall'odore, da tatto, dal sapore. Anzi, è solo l'odore il primo senso che guida il neonato verso la sua prima poppata. La vista è l'ultimo dei sensi con cui ogni piccolo riconosce la propria mamma.



Le mamme sono persone speciali.

Le mamme ci danno la vita. A volte rischiandola. Ci nutrono e ci crescono. Ci proteggono. Ci sono sempre. Ci accudiscono anima e corpo. Farebbero di tutto per noi. Ci sono di notte e di giorno, nell'emergenza e nella quotidianità. Le mamme sono persone speciali. Per definizione. Lo sono di diritto, quando ci mettono al mondo, per dovere, quando scelgono di darci una seconda possibilità con la vita, strappandoci dall'esistenza di orfani. Sono speciali anche quando di speciale hanno la diversità.  





Son tutte belle le mamme del mondo...

Questo è un video un po' lungo, in realtà contiene tre storie di Madri (ispirate alla realtà, non è difficile crederlo, di storie come queste credo sia pieno il mondo).
Una Madre ricorre all'aiuto medico per concepire un figlio e poi quello stesso aiuto lo lascia da parte, in seguito, quando...
Altre due, che mamme naturali non sono, ma che sono Madri con una M monolitica da venerare, grandi come la terra, come la loro dedizione ai bambini.
Madri, mamme belle. La bellezza delle mamme è tutt'intorno, ha mani e piedi e bocche da sfamare, menti da nutrire. Ma la bellezza delle mamme è soprattutto dentro, nel coraggio e nella forza che le contraddistingue tutte. O almeno, a me piace pensare, l'ho già detto, che (quasi) tutte le mamme siano così...





Stefania Bergo
Non ho mai avuto i piedi per terra e non sono mai stata cauta. Sono istintiva, impulsiva, passionale, testarda, sensibile. Scrivo libri, insegno, progetto ospedali e creo siti web. Mia figlia è tutto il mio mondo. Adoro viaggiare, ne ho bisogno. Potrei definirmi una zingara felice. Il mio secondo amore è l'Africa, quella che ho avuto la fortuna di conoscere e di cui racconto nel mio libro.
Con la mia valigia gialla, 0111Edizioni.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...