• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Professione lettore] Strage di Capaci, non dimenticare è un dovere, ma non basta... 13 libri per saperne di più, di Tamara Marcelli


23 maggio 1992: nella strage di Capaci perdono la vita Giovanni Falcone, simbolo di giustizia e legalità, sua moglie Francesca Morvillo e gli uomini della scorta, i poliziotti Vito Schifani, Rocco Dicillo, Antonio Montinaro. Non dimentichiamoli.

Sembra ieri ed invece sono trascorsi più di 20 anni ...
24 anni in cui sembrava dovessero cambiare tante, troppe cose, ed invece siamo ancora qui a sperare in una Giustizia che spesso non c'è.
A guardare certe immagini con un peso sul cuore, quasi trattenendo il fiato, cercando di allontanare, inorriditi, l'idea di cosa sia successo a quegli uomini, giudici, poliziotti, ai loro corpi...
Ad immaginare quanto dolore sia scaturito da ferite d'animo così profonde nei cuori delle madri e dei padri, dei figli, delle mogli, degli amici, di tanti cittadini.
L'esempio di questo Magistrato e dei Poliziotti della scorta avrebbe dovuto farci vedere molte cose in modo diverso, avrebbe dovuto farci comprendere che anche se si rimane soli nella lotta, non si deve avere paura, si deve andare avanti, senza piegare la testa, cercando la forza e il coraggio che abbiamo dentro di noi; non tacere; seguire le nostre passioni; credere in quel che facciamo; guardarci negli occhi; apprezzare chi abbiamo vicino anche se spesso non lo comprendiamo; non perdere mai la speranza...
Sono trascorsi tanti anni e ci ritroviamo ancora qui a combattere certi poteri nemmeno più tanto occulti.
A provare rabbia pensando che forse le cose non cambiano.
Arriverà il giorno in cui tutti noi potremo guardare quelle immagini terribili e dire ad alta voce: "abbiamo portato avanti la vostra battaglia e abbiamo vinto" e così i Morti non saranno morti invano.
Arriverà.
Se lo vogliamo veramente.
Gli uomini passano, le idee restano. Restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini.
Occorre compiere fino in fondo il proprio dovere, qualunque sia il sacrificio da sopportare, costi quel che costi, perché è in ciò che sta l'essenza della dignità umana.



Per non dimenticare suggeriamo una lista di libri che trattano l'argomento. Una lista volutamente variegata, comprendente diversi punti di vista affinché ogni lettore possa farsi la sua personalissima idea.

Processo alla trattativa Stato-mafia: tre procure, tre verità di Giampaolo Grassi | Pagliai Editore
Le ultime parole di Falcone e Borsellino di A. Mascali | Chiarelettere
Chi ha paura muore ogni giorno. I miei anni con Falcone e Borsellino di Giuseppe Ayala | Mondadori
Uomini soli. Pio La Torre e Carlo Alberto Dalla Chiesa, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino di Attilio Bolzoni | Melampo
La mafia ha vinto. Intervista con Tommaso Buscetta di Saverio Lodato | Mondadori
La verità del pentito. Le rivelazioni di Gaspare Spatuzza sulle stragi mafiose di Giovanna Montanaro | Sperling & Kupfer
Stragi. Quello che Stato e mafia non possono confessare di Rita Di Giovacchino | Castelvecchi
È Stato la mafia di Marco Travaglio| Chiarelettere
Io non tacerò. La lunga battaglia per la giustizia di Antonino Caponnetto | Melampo
La posta in gioco. Interventi e proposte per la lotta alla mafia di Giovanni Falcone | BUR
Oltre il muro dell'omertà. Scritti su verità. giustizia e impegno civile di Paolo Borsellino | BUR
Strage di Capaci. Paradossi, omissioni e altre dimenticanze di Angelo Corbo | Diple Edizioni
Gli ultimi giorni di Paolo Borsellino. Dalla strage di Capaci a Via D'Amelio di Giorgio Bongiovanni, Lorenzo Baldo | Aliberti





Tamara Marcelli
Artista poliedrica, eccentrica, amante dell'arte in tutte le sue forme. Una sognatrice folle. Ha studiato Lettere e Tecniche dello Spettacolo, canto e recitazione per oltre dieci anni e ha lavorato come attrice in alcuni importanti Teatri del Lazio. Scrive poesie, romanzi, testi teatrali, articoli e saggi.
Il blu che non è un colore,  Montag.
Il sogno dell'isola,  Montag.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...