• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

"Venga il tuo regno" di Angela Freschi

VENGA IL TUO REGNO 
di Angela Freschi 
Zerounoundici Edizioni
Mainstream
ISBN 9788863079821 
cartaceo 15,50€ | Acquista
ebook 4,99€

A Palermo, nell'estate dell'85, ancora non si sono assopite le eco della seconda guerra di mafia. Per Giuseppe Greco, uno dei più sanguinari sicari di Cosa Nostra, quella breve stagione rappresenta l'apogeo della sua carriera criminale e al tempo stesso della sua rovina personale. Nel breve lasso di tempo che lo separa dalla propria fine, egli vive un'esperienza a metà tra l'onirico e il sovrannaturale, che condivide con un'anonima fioraia di nome Bianca. I due si incrociano casualmente e dall'unico sguardo che si scambiano ha origine una serie di fantasie e sensazioni identiche, anche se essi non si incontreranno più. Nei loro sogni i due vivono una relazione breve e convulsa, ma profonda ed estremamente passionale. Bianca, reduce da quell'esperienza dalle connotazioni inverosimili, crede fermamente a tutto ciò che ha provato. Al tempo stesso comprende però che si tratta di una storia che ha compiuto il proprio corso e che è tempo di lasciarsi alle spalle. Deciderà pertanto di accantonare nel proprio cuore il dolore dovuto alla perdita di colui che considera essere l'uomo della sua vita e di ricominciare a pensare al proprio futuro.

Si rivolgeva, forse gridando, a un paio di spalle voltate. Lui non si girava, restava così, incredibilmente deciso e fermo. Bianca lo vedeva spiccare nel buio, nel nero del mare che gli faceva da sfondo. Si calmò un attimo, prese fiato. Guardò la schiuma bianca che placidamente lambiva il bagnasciuga e poi tornava indietro, udiva il rumore leggero della risacca che rimescolava i sassolini sulla riva. Scosse la testa, fece un sorriso mesto.
"Hai sempre spiccato su tutto ..." si disse.
Frammenti della loro storia le scorrevano davanti agli occhi, tra la rete delle ciglia. Ora saettando, ora al rallentatore; fotogrammi, schegge di frasi, parole. C'erano delle brevi pause che Giuseppe usava per prendere la mira, come faceva coi suoi fucili, i mitragliatori, i kalashnikov. Poi colpiva di nuovo.



L'AUTORE

Angela Freschi è nata a Piombino, provincia di Livorno, dove ha vissuto fino all'età di 20 anni. Successivamente si trasferisce a Pisa, dove si laurea nel 2004 in Lingue e Lett.re Straniere presso l'Università di Pisa e intanto continua a viaggiare per il mondo, con lunghe permanenze all'estero. Nel 2006 si trasferisce a Galliate, in provincia di Novara, dove vive con la sua famiglia e si occupa dell'insegnamento della lingua Inglese e Russa. "Venga il Tuo Regno" è il suo primo romanzo.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!

Gli Scrittori della Porta Accanto Edizioni

"ChiaroScuro", silloge poetica de Gli scrittori della porta accanto

Collana Gli scrittori della porta accanto per StreetLib A dicembre 2016, il gruppo si affaccia all'editoria indipendente, appoggiandos...