• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Cinema] L'editoriale di Loriana Lucciarini: la storia di Celine e Jesse, la trilogia del regista Richard Linklater


Con la trilogia sentimentale Before SunshineBefore SunsetBefore Midnight il regista Richard Linklater ha coperto un arco temporale di quasi vent’anni, narrando l’evoluzione della storia d'amore di Celine e Jesse. La storia si srotola davanti agli spettatori nelle tre pellicole, uscite quasi una ogni dieci anni, per mostrarci i protagonisti cambiati nel tempo.
La particolarità di questa produzione è nella sceneggiatura, il cui punto di forza sono i dialoghi serrati tra i due protagonisti, dialoghi che, tra l'altro, gli stessi attori hanno contribuito a scrivere, scambiandosi email con suggerimenti, al fine di rendere le battute ancora più affini alle personalità di Jesse e Celine. A questo si aggiunge la scelta del regista di utilizzare la tecnica di ripresa diretta, per rendere realistiche le scene evitando forzature e cercando la spontaneità della recitazione. Risultato: straordinario!
Concettualmente la storia di Jesse e Celine si svolge all'alba (l'età spensierata e romantica delle giovinezza); per proseguire nel tramonto (l'età della consapevolezza) e terminare a mezzanotte (l'età della maturità).
Ma andiamo a illustrare nel dettaglio le tre pellicole...





BEFORE SUNRISE
PRIMA DELL'ALBA

Richard Linklater REGISTA
Richard Linklater e Kim Krizan SCENEGGIATORE
1995 ANNO
John Sloss PRODUTTORE
Lee Daniel FOTOGRAFIA
Fred Frith MUSICHE

CAST
Ethan Hawke, Julie Delpy, Andrea Eckert, Hanno Poschl, Karl Bruckschwaiger





Su un treno per Vienna un giovane americano, di ritorno a casa e appena lasciato dalla propria ragazza, incontra una studentessa francese che va a Parigi a trovare la nonna.
Affascinato e intrigato da quest'incontro le propone di scendere con lui a Vienna (punto di passaggio casuale per entrambi), e di passare insieme la notte per aspettare l'alba e, infine, ripartire poi verso le rispettive destinazioni.
Lei, inaspettatamente, accetta...
I due scopriranno affinità speciali tra confidenze (i dialoghi sono il punto forte della pellicola), divertimento e esplorazione della città. E andranno alla scoperta di se stessi in un finale che rimane aperto: infatti, al momento di lasciarsi i due promettono di ritrovarsi dopo un anno esatto, accada quel che accada, su quel binario, lo stesso giorno alla stessa ora...
Un film di parole ed emozioni mentre scorre sullo sfondo una Vienna romantica e sublime che fa da contorno con le sue fascinazioni romantiche; la stessa superba Vienna diventa per i protagonisti quasi un non-luogo speciale, che esclude il prima e il dopo della loro vita, per fermarsi all'attimo di quel momento unico.

«Sai io credo che se esistesse un qualsiasi Dio, non sarebbe in nessuno di noi. Né in te, né in me. Ma solo in questo piccolo spazio nel mezzo. Se c'è una qualsiasi magia in questo mondo, deve essere nel tentativo di capire qualcuno condividendo qualcosa. Lo so, è quasi impossibile riuscirci, ma che importa in fondo? La risposta deve essere nel tentativo.»




BEFORE SUNSET
PRIMA DEL TRAMONTO

Richard Linklater REGISTA
Richard Linklater, Julie Delpy e Ethan Hawke SCENEGGIATORE
2004 ANNO
John Sloss PRODUTTORE
Lee Daniel FOTOGRAFIA
Baptiste Glaymann SCENOGRAFIA

CAST
Ethan Hawke, Julie Delpy, Vernon Dobtcheff, Louise Lemoine Torres, Rodolphe Pauly




Nove anni dopo la prima pellicola (che vinse l'Orso d'argento nel 1994) esce nelle sale il seguito attesissimo della storia tra Celine e Jesse.
A quell'appuntamento, fissato per l'anno dopo, né Jesse né Celine si sono presentati. Entrambi hanno accantonato l'idea di una storia troppo complicata e hanno ripreso a vivere la loro esistenza, tra lavoro, incontri, amici, figli e famiglia.
In una Parigi straordinaria, ritroviamo Jesse, ormai scrittore affermato che presenta il suo libro, il romanzo parla proprio di quell'avventura speciale di nove anni prima. Tra il pubblico c'è anche Celine, che si è riconosciuta nella protagonista della storia e il loro incontro provoca un nuovo desiderio di trascorrere del tempo insieme. Nonostante gli impegni di Jesse, che ha un volo già prenotato, permettano ai due di concedersi poco tempo, entrambi colgono quest'occasione per ritrovarsi.
Celine e Jesse sono diversi da come li avevamo lasciati, con molta vita vissuta alle spalle e un percorso esistenziale a volte non facile. Scopriamo però che in fondo non sono poi così tanto cambiati: entrambi ritrovano quel feeling speciale e riprendono a comunicarsi l'anima e i pensieri.
La sceneggiatura ottima, fatta i dialoghi realistici e una struttura della narrazione mai retorica o romanticheggiante, aggiunta alla bravura dei due attori, che riescono a essere assolutamente verosimili e comunicativi, rendono questa pellicola addirittura migliore della prima. Before Sunset è un piccolo gioiello del cinema contemporaneo, che riesce a parlare di sentimenti senza scivolare nella banalità o nei soliti cliché, con una regia originale e un'ottima fotografia.
Il finale, poi, lascia gli spettatori liberi di decidere il futuro di Jesse e Celine, suggerendo per loro un lieto fine.

Celine: «La gente che oggi ha un'avventura, perfino un rapporto serio, quando rompe dimentica, passa oltre, come se cambiasse marca di cereali. Io non sono mai riuscita a dimenticare gli uomini con cui sono stata. Ogni persona aveva le sue specifiche qualità e non si può rimpiazzare nessuno. Colgo dei particolari in loro dei dettagli che mi colpiscono e di cui poi sento la mancanza a volte per sempre. Non puoi rimpiazzare nessuno perché ognuno porta con sé dettagli magnifici e unici.»



BEFORE MIDNIGHT
PRIMA DI MEZZANOTTE

Richard Linklater REGISTA
Richard Linklater, Julie Delpy, Ethan Hawke SCENEGGIATORE
2013 ANNO
Liz Glotzer, Jacob Pechenik, Martin Shafer, John Sloss PRODUTTORE
Christos Voudouris FOTOGRAFIA
Graham Reynolds MUSICA

CAST
Ethan Hawke, Julie Delpy, Seamus Davey-Fitzpatrick, Jennifer Prior, Charlotte Prior





La terza pellicola di questa storia, Before Midnight, è ambientato in Grecia.
Jesse e Celine, dopo essersi incontrati a Vienna, ritrovati a Parigi ora sono in vacanza in Grecia. Vivono insieme nella capitale francese, non sono sposati ma stanno insieme da parecchio tempo, hanno due gemelle; per Celine, Jesse ha lasciato moglie e figlio e l'America.
In Before Midnight, Jesse e Celine affrontano una tipica crisi di mezz’età e soprattutto la crisi del loro rapporto.
Li troviamo, cresciuti e maturati, in questo loro ultimo giorno di vacanza estiva. Il loro amore è diventato certezza ma, fedele alla realtà della vita, non tutto fila liscio. I due si intrattengono nelle solite lunghe conversazioni, interrogandosi spesso sul loro rapporto che è stato messo inevitabilmente alla prova dal tempo che passa. I problemi tra Jesse e Celine sono di natura pratica: Jesse sente sempre più forte la nostalgia del figlio che ha lasciato in America e che, all'inizio di questa pellicola sta riaccompagnando in aeroporto dopo che hanno trascorso dei giorni di vacanza assieme. Al momento di salutarsi l'imbarazzo e i sensi di colpa sono talmente tanti che Jesse sente come un macigno la colpa di aver trascurato il suo ruolo di padre. Sarà questo a incrinare il loro equilibrio e a creare una barriera che impedisce a entrambi di essere realmente felici insieme. E nell'ultima sera di vacanza, proprio quando i due hanno deciso di dedicarsi una romantica serata senza le figlie, Jesse e Celine finiscono per litigare, rinfacciandosi reciprocamente i sacrifici fatti l'uno per l'altra. Così, tra accuse e risentimenti, si ritrovano a raccogliere i cocci del loro amore, in un finale assolutamente non scontato.
Questo terzo film è il capitolo perfetto della saga. Fedele per concezione ai primi due, diverso nei dialoghi (qui più brillanti, divertenti e profondi al tempo stesso), si sviluppa nell'arco di un'intera giornata (come il primo film) ma ci sono più personaggi rispetto alle precedenti pellicole. Questo nuovo capitolo non risente affatto delle aspettative degli spettatori e costruisce una storia non banale e avvincente, realistica e vera, diversa dalle precedenti perché diversi sono ora i due protagonisti. Celine e Jesse sono due 41enni, in equilibrio nella fase di vita della maturità.
Il film non delude nessuno, anzi, forse è ancora migliore dei primi due, perché concettualmente più affine all'età adulta; la pellicola rifiuta la spettacolarizzazione dei sentimenti e tenta, con coraggio, di coniugare il romanticismo narrando l'evoluzione naturale di una storia d'amore, che – come nella vita reale – negli anni si è un po' raffreddata.

«Ti sento vicino ma a volte non so mi sembra come se tu respirassi elio e io ossigeno!»

«Glielo assicuro, il ragazzo tenero e romantico incontrato in treno di cui ha un vago ricordo sono proprio io!»



Loriana Lucciarini
Impiegata di professione, scrittrice per passione. Spazia tra poesia e narrativa. Molte pubblicazioni self e un romanzo “Il Cielo d'Inghilterra” con Arpeggio Libero. E' l'ideatrice e curatrice delle due antologie solidali per Arpeggio Libero, la prima di favole per Emergency “Di favole e di gioia” nonché autrice con la fiaba “Si può volare senza ali” e la seconda di “4 Petali Rossi – frammenti di storie spezzate”, racconti contro il femminicidio per BeFree. E' fondatrice e admin di “Magla-l'isola del libro”

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...