• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

Anteprima: Angela Freschi racconta "Venga il tuo regno", nell'intervista di Elena Genero Santoro


In anteprima “Venga il tuo regno” di Angela Freschi, Zerounoundici Edizioni, 2016. Una storia d'amore nella Palermo dei terribili anni Ottanta.


VENGA IL TUO REGNO
di Angela Freschi
0111 Edizioni
Mainstream
ISBN 9788863079821
ebook 4,99€
cartaceo 15,50€ Acquista


Nella città di Palermo, estate 1985, ancora non si sono assopite le eco della seconda guerra di mafia. Per Giuseppe Greco, uno dei più sanguinari sicari di Cosa Nostra, quella breve stagione rappresenta l'apogeo della sua carriera criminale e al tempo stesso della sua rovina personale. Nel breve lasso di tempo che lo separa dalla propria fine, egli vive un'esperienza a metà tra l'onirico e il sovrannaturale, che condivide con un'anonima fioraia di nome Bianca. I due si incrociano casualmente e per un breve istante e dall'unico sguardo che si scambiano, ha origine una serie di fantasie e sensazioni identiche, anche se essi non si incontreranno più. Nei loro sogni essi vivono una relazione breve e convulsa, ma profonda ed estremamente passionale. Bianca, reduce da quell'esperienza dalle connotazioni inverosimili, crede fermamente a tutto ciò che ha provato. Al tempo stesso comprende però che si tratta di una storia che ha compiuto il proprio corso e che è giunto il momento di lasciarsela alle spalle. Deciderà pertanto di accantonare nel proprio cuore il dolore dovuto alla perdita di colui che considera essere l'uomo della sua vita e di ricominciare a pensare al proprio futuro.

L'autore racconta...

Raccontaci qualcosa di te: chi è Angela Freschi nella vita di tutti i giorni?
Angela nella vita di tutti i giorni è innanzitutto la mamma di Samuel, 7 anni. La mia giornata, come penso per tutte le mamme, ruota intorno a quella di mio figlio: scuola, attività e impegni vari. Essendo un insegnante di lingue straniere, alcune ore della mia giornata sono impegnate con i miei studenti di tutte le età … Alla sera mi dedico alla famiglia che si riunisce.

Questo è il primo romanzo che pubblichi?
Sì, questo è in assoluto il primo romanzo che pubblico.

Veniamo al libro, “Venga il tuo regno”, 0111 Edizioni. Com’è nata l’idea?
Venga il Tuo Regno” … L’idea nacque nel settembre 2014 in modo per me piuttosto personale. Mentre mio figlio stava facendo il suo riposino pomeridiano, io semplicemente “vidi” dentro di me l’inizio della storia e i due personaggi principali, ossia Bianca e Giuseppe. Così, mi misi al computer e iniziai a delinearli. Quel giorno, di getto, buttai giù il primo capitolo …

Ci racconti di che cosa parla?
Il romanzo parla soprattutto di una storia d’amore che ha luogo a Palermo, nei terribili anni Ottanta della seconda guerra di mafia. Al di là della storia d’amore tra i due protagonisti, ce ne sono altre, incrociate, tra personaggi altrettanto importanti; ma parla anche di legami di amicizia veri, assoluti e indissolubili.

È un libro che parte da un contesto molto realistico, che ha lasciato una triste traccia nella storia italiana, ma poi inserisci un aspetto onirico e soprannaturale. In quale genere collocheresti il libro?
Nel mio romanzo c’è un contesto molto realistico, esatto, che è quello dei tragici avvenimenti di mafia degli anni ’80 a Palermo; questi avvenimenti sono tutti realmente accaduti e fanno da sfondo alla storia d’amore di “Venga il Tuo Regno” … Pensa che i nomi di alcuni personaggi, sono stati cambiati nel rispetto delle vittime e, in altri casi, per motivi di sicurezza. C’è anche l’aspetto dell’inganno della mente che ha la meglio sulla mia protagonista Bianca, ma la verità del cuore è quella principale, perciò direi che collocherei il libro nel genere realistico.

Qual è il target a cui ti rivolgi? Che tipo di lettori ambisci a conquistare? 
Il target di lettori ai quali mi rivolgo è un pubblico sia femminile che maschile. Può essere apprezzato da tutti …

Quanto ti ha coinvolto intimamente la stesura di questo romanzo? C’è qualcosa di autobiografico?
Credo che come accada ad ognuna di noi, sto parlando di “noi – colleghe di scrittura”, la stesura di ogni nostro romanzo ci coinvolga personalmente e in modo intimo, a livelli altissimi. Quello che accade a Bianca è qualcosa di estremamente delicato e complesso … Il fatto che io nel 1985 avessi otto anni e vivessi in Toscana, toglie il tocco auto-biografico. Tuttavia, il cuore di una donna non conosce limiti, né confini, perciò credo che quello che è accaduto a Bianca potrebbe accadere a chiunque … giusto, sbagliato o estremamente pericoloso, che sia!

In questo libro parli della seconda guerra di mafia e hai ambientato la narrazione nel 1985. Per scrivere questo libro hai dovuto svolgere delle ricerche?
Avendo trattato il delicatissimo argomento della mafia, sì, mi sono documentata attraverso altri libri specifici che parlano appunto di questo argomento.

C’è qualche messaggio particolare che speri di comunicare attraverso questo romanzo?
Il messaggio particolare che voglio trasmettere attraverso il mio romanzo è innanzitutto che la mafia uccide e che attraverso di essa sono stati commessi crimini tremendi e orribili. Anche se il mio co-protagonista è un personaggio di mafia, non c’è clemenza da parte mia nei confronti di queste persone. L’altro messaggio, tuttavia, è che il cuore femminile, a volte, va dove vuole andare, prendendo talvolta strade sbagliate o pericolose … e pagandone anche prezzi altissimi.

Il finale chi l’ha deciso? Tu o i tuoi personaggi?
Il finale l’ho deciso CON il mio personaggio di Bianca. Diciamo che l’abbiamo deciso insieme … la soluzione che abbiamo creduto fosse migliore per lei e, laddove tutto sembrava finito, potesse far continuare a sognare e regalare un’emozione ai miei letto.

Grazie per essere stato con noi, Angela. In bocca al lupo per i tuoi progetti futuri.

Elena Genero Santoro
Ama viaggiare e conoscere persone che vivono in altri Paesi. Lettrice feroce e onnivora, scrive da quando aveva quattordici anni.
Perché ne sono innamorata, Montag
L’occasione di una vita, ebook Lettere Animate
Un errore di gioventù, 0111 Edizioni
Gli Angeli del Bar di Fronte, 0111 Edizioni.
Il tesoro dentro, 0111 Edizioni.

About Elena Genero Santoro

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...