• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

Davide Barigelli presenta il suo romanzo "Vado, ma poi torno", nell'intervista di Elena Genero Santoro


In anteprima “Vado, ma poi torno” di Davide Barigelli , Lettere Animate, 2016, un romanzo introspettivo. 


Vado-ma-poi-torno
VADO, MA POI TORNO
di Davide Barigelli
Lettere Animate
Romanzo
ISBN 9788868827601
ebook 1,49€ | Acquista 

Solamente se sei disposto a guardarti dentro, nel profondo, potrai capire davvero chi sei e quale cammino intraprendere nella vita. Non conta quanto tempo ci impiegherai, se sbaglierai, se dovrai "correggere il tiro", se dovrai fermarti e ripartire, se dovrai cambiare strada, se i tuoi piani saranno sconvolti, sparigliati, scombinati, ma importa se sarai capace di ascoltare la carezza del vento, di farti toccare dal calore del sole, di scrutare l'irruenza del mare, di annusare la grazia della pioggia, di gustare la forza della vita. 
Conta se, alla fine, sarai capace di osservarti allo specchio e riconoscerti realmente. 
Nick è lì e si guarda; ripercorre il suo passato, costruisce il suo presente e pensa al suo futuro; per fortuna non è solo, non lo è mai stato, e questa, insieme ai suoi amici, è l'unica certezza che lo accompagnerà in questo viaggio.

L'autore racconta...


Raccontaci qualcosa di te: chi è Davide Barigelli nella vita di tutti i giorni?
Davide è un amante della vita che cerca ogni giorno di lasciare traccia della sua presenza nelle persone che incontra; affronta la quotidianità con il sorriso e non si arrende davanti agli ostacoli, ma cerca la strada migliore per superarli, consapevole che da soli non si va lontano.
Vive “in” Ancona, ha una sorella gemella e due fratelli, più grandi, gemelli; è laureato in Economia del Territorio e del Turismo; da sempre impegnato nell’ambito educativo e sociale, ex-scout.

Questo è il primo romanzo che pubblichi?
Si, questo è il mio primissimo romanzo

Veniamo al libro, “Vado, ma poi torno”. Com’è nata l’idea?

L’idea non è nata da me, diciamo che mi è stata affidata; Antonella e Sandra, due persone a me care, che non si conoscono e che vivono in città diverse, nello stesso lasso di tempo, parlando con me, mi hanno detto: “Ma perché non scrivi un libro?” … e così ho fatto!

Ci racconti di che cosa parla? A quale genere appartiene? E chi è Nick?
Nick è il protagonista di questo romanzo che appartiene al genere narrativo; il libro ruota attorno alla sua vita e a quella dei suoi tre amici; l’uomo, alla soglia dei quarant’anni, si appresta a vivere il solito “ritiro” con i compagni di sempre e mentre attende che lo vadano a prendere inizia a ripercorrere i momenti più significativi vissuti finora, quelli che hanno segnato lui e i suoi amici, pronto ad affrontare l’ennesima avventura.

Davide-BarigelliIl romanzo sembra aver un taglio introspettivo. Qual è il target a cui ti rivolgi? Che tipo di lettori ambisci a conquistare?
Mi piacerebbe che il romanzo fosse letto dai giovani, ma credo che possa sicuramente far bene anche ad un pubblico adulto perché non c’è età per “osservarti allo specchio e riconoscerti realmente”.

Quanto ti ha coinvolto intimamente la stesura di questo romanzo? C’è qualcosa di autobiografico?
Nonostante non sia un romanzo autobiografico, mi ha coinvolto molto; mi piace osservare attentamente il mondo in cui viviamo e da questo sguardo, e da un ascolto approfondito delle situazioni e delle relazioni, è nato il romanzo.

Per scrivere questo libro hai dovuto svolgere delle ricerche?
Chi mi conosce bene sa quanto sia importante per me la precisione, quindi mentirei se dicessi che è tutto frutto della casualità; ho svolto ricerche per cercare di attenermi il più possibile alla realtà dei luoghi, delle situazioni e dei tempi presenti nella narrazione.

C’è qualche messaggio particolare che speri di comunicare attraverso questo romanzo?
Direi che c’è più di un messaggio che vorrei comunicare attraverso questo romanzo, ma, anche se sembrerò antipatico, non mi va di svelarli perché non vorrei influenzare il lettore; in fondo un romanzo parla anche in riferimento al momento della vita che si sta attraversando ed io non vorrei in alcun modo condizionare il messaggio personale che ognuno riceverà leggendolo.

Il finale chi l’ha deciso? Tu o Nick?
Il finale lo deciderà il lettore, in base a come sceglierà di far tesoro di quello che avrà letto.

Grazie per essere stato con noi, Davide. In bocca al lupo per i tuoi progetti futuri.
gli-scrittori-della-porta-accanto

Elena Genero Santoro
Ama viaggiare e conoscere persone che vivono in altri Paesi. Lettrice feroce e onnivora, scrive da quando aveva quattordici anni.
Perché ne sono innamorata, Montag
L’occasione di una vita, ebook Lettere Animate
Un errore di gioventù, 0111 Edizioni
Gli Angeli del Bar di Fronte, 0111 Edizioni.
Il tesoro dentro, 0111 Edizioni.

About Elena Genero Santoro

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...