• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "Funziona nella città di … (giorno due)" di Gilberto Cavallina, recensione di Andrea Pistoia

funziona-nella-citta-di

"Funziona nella città di … (giorno due)" di Gilberto Cavallina, CreateSpace, 2015.

Già il primo libro (recensione) di questo esordiente mi aveva conquistato per la scrittura fantasiosa dell’autore, la trama originale, la mente brillante e curiosa di Funziona, il protagonista, e le sue gesta nella città di … (si legge Trepunti). Quindi potete immaginare quanto fossi ansioso di leggere il seguito.
Finalmente vi ho messo mano e l’ho divorato tutto d’un fiato perché… Beh, è bello tanto quanto se non più del primo.
Ma di che cosa tratta questa seconda fatica letteraria di Gilberto Cavallina?
Presto detto: il nostro giovane ‘Indiana Jones cittadino’, in perenne scoperta di questa bizzarra cittadina, si ritrova coinvolto in nuove, divertenti, inusuali, sicuramente fuori dai canoni, situazioni (tra cui salire su una torre a cui è legata la vita di tre persone e a pranzare in un ristorante con un cuoco zen fuori dall’ordinario).
L’incontro con pittoreschi personaggi, tanto strampalati quanto surreali, è un escamotage escogitato dall’autore per approfondire la personalità di Funziona, il quale dimostra di essere tanto arguto quanto imbranato, perspicace quanto ingenuo, geniale quanto visionario, ma soprattutto adorabile nel suo vivere con leggerezza.
Gilberto Cavallina in tutto questo non smentisce la sua capacità di vedere oltre l’ordinario, di giocare sia con le parole (coniandone anche di nuove, quali ‘pentorrenza’ per definire una torre pendente) che con le leggi della logica comune (se esiste l’unità di misura ‘miglia nautiche’ perché non dovrebbe esistere quella di ‘binari ferroviari’? E ancora, se la banconota ha più valore della moneta perché dovrebbe pesare di meno?).
Senza contare i continui colpi di scena della trama, che hanno il loro culmine in un mistero svelato (sempre arguto e sopra le righe) riguardante l’albergo dov’è alloggiato il protagonista.
L’autore si dimostra una volta di più di essere un ottimo scrittore ed un esordiente da tenere d’occhio.
In definitiva, un degno seguito del primo romanzo che piacerà sicuramente e che inevitabilmente spingerà il lettore a voler leggere anche il terzo romanzo (da poco in vendita su Amazon).

funziona-nella-citta-di


Continua l'avventura di Funziona nella città di ... (si legge sempre Trepunti), e questa volta i misteri avranno la forma di una stanza a tema western, di due torri (di cui una molto storta) e di un ristorante con la vetrina ricoperta da bollini qualità. 
Grazie anche all'incontro con personaggi come la barista distratta, l'artista insicuro e il cuoco zen, Funziona continuerà nella sua personale scoperta della città e dell'hotel che, un po' alla volta, comincerà a svelare tutti i suoi segreti.




di Gilberto Cavallina | Fantastico, Umoristico  
ISBN 978-1522912712
cartaceo 9,99€  Acquista | ebook 2,99€  Acquista




Andrea-Pistoia

Andrea Pistoia
Nasco in una solare giornata di luglio a Vigevano. A dodici anni scoppia l’amore per la letteratura. Affronto la scuola come un condannato a morte. In compenso la mia cultura extra-scolastica cresce esponenzialmente. Dopo due anni vissuti a Londra, torno in Italia come blogger, giornalista, recensore di fumetti e sceneggiatore di un fumetto online per una nota casa editrice. Chitarrista dei ‘Panama Road’, direttore editoriale di una fanzine online.
Ancora e mai più (nelle mutande).

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...