• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[GiroGiroTondo] "Fiocchi fantasma e altre meraviglie" di Margherita Benati, recensione di Liliana Sghettini (narrativa per l'infanzia 3+)

fiocchi-fantasma-e-altre-meraviglie

"Fiocchi fantasma e altre meraviglie" di Margherita Benati, Panda Edizioni, 2014. Una raccolta di fiabe per bambini da 0 a 99 anni, impregnata d'amore.

E poi un giorno incontri una scrittrice che ti racconta una fiaba che ne racchiude magicamente un'altra. Così come accade alla conchiglia che custodisce la perla.
Ti racconta entusiasta delle sue favole, di come siano nate e di quanto le abbia amate, creature del suo più intimo pensiero, sbocciato come crisalide in farfalla.
Ti parla di ogni singola storia e del dono ricevuto nel rendersi conto che “questa era davvero la novità più coinvolgente che mi potesse capitare in quel momento, quando avevo 37 anni, una famiglia e due bambini: poter scrivere”.
Ho incontrato Margherita Benati, che senza ombra di dubbio posso definire poetessa della favola, mi ha preso dolcemente per mano e mi ha condotto nel suo percorso creativo durato quindici anni e sette magiche fiabe che traggono ispirazione, come nella migliore tradizione, dalla vita reale e da quell'alone di mistero e poesia che avvolge ciascuno di noi anche se spesso apparentemente si dissolve tra i fumi delle incombenze e dei doveri quotidiani. Certo occorre capacità per scrivere ma anche una buona dose di sentimento.
Fiocchi Fantasma e altre meraviglie”, Panda Edizioni, è una bellissima raccolta di fiabe per bambini da 0 a 99 anni che a volte sbigottisce per la grande creatività dell'autrice, altre diverte per i numerosi aneddoti conditi da un linguaggio sciolto ma anche “bambinesco”. Perché solo chi sa “rubare le parole dei bambini” può scrivere per loro.
Ho voluto iniziare la scoperta di questa raccolta partendo da una fiaba intitolata “Le sorelle Birimbambò” sapendo che è tra le preferite dell'autrice. Vi ho trovato una storia fresca e sincera che narra di tre sorelle che, allorquando decidono di cambiare casa, si accorgono che la nuova dimora ha un tetto magico. In men che non si dica infatti si trasforma in un enorme, gustoso e colorato confetto. Questa storia mi ha ricordato un pezzo d'infanzia durante la quale ho trascorso diverso tempo con delle zie molto simili alle sorelle Birimbambò che con la loro innata dolcezza riuscivano, anche nei momenti difficili, ad allietare le mie giornate. E così le tre sorelle decidono di trasformare la loro casa in un luogo insolito ma molto accogliente, una magnifica pasticceria di nome “Dolcezze affettuose” e, cari lettori, il bello deve ancora arrivare e lascerà i bambini a bocca aperta...
Proseguendo con la lettura mi sono domandata se anche l'originalissima copertina avesse un preciso significato ed ho scoperto che raffigura i personaggi di una favola dal titolo “Il paese delle case curiose”. Le protagoniste sono delle allegre casette con braccia e gambe che se ne vanno tranquillamente a spasso con le loro biciclette, ma che razza di case sono!? Sono delle case mooolto speciali che popolano un paese dove la curiosità è la forza motrice di ogni cosa e infatti le casette non ce la fanno proprio a restare ferme, devono assolutamente esplorare il mondo. E capiterà addirittura che, durante il loro viaggio, incontrino un vigile e vengano multate per “eccesso di curiosità”, lo stesso eccesso che anima l'autrice Margherita Benati quando mi racconta che la scrittura di una fiaba è “la ricerca di un sogno sempre nuovo e stupefacente”.
Un sogno che parte da dentro ma si completa con l'esternazione che scaturisce dallo studio di efficaci forme di espressione dei propri sentimenti.

fiocchi-fantasma-e-altre-meraviglie
FIOCCHI FANTASMA E ALTRE MERAVIGLIE
di Margherita Benati
Panda Edizioni
ebook 3,49€  Acquista
cartaceo 8,42€

Narrativa per ragazzi età consigliata 3+

Il titolo della raccolta come detto è “Fiocchi fantasma e altre meraviglie” e di meraviglie ne troverete tante perché la scrittrice ha saputo conciliare dolcezza e tradizione con energia e innovazione.
Proprio come quando ha scritto “Il giardino di Azzurrino” fiaba che ho amato perché comincia con una rima, strumento di narrazione poetico e efficace che svela il contenuto di una storia assai particolare. Il suo protagonista è Azzurrino, amante dei fiori e proprietario di un giardino rigoglioso, che riceve un regalo di compleanno molto speciale dai suoi più cari amici. Ma chi sono i suoi amici, sono forse dei bambini? Oppure degli adulti? Beh no, sono degli esserini che lo ricoprono d'affetto ricambiando il suo tenero amore, perché tutta la raccolta di Margherita Benati è impregnata d'amore, l'amore di chi vive facendo magnifici sogni, come i bambini. E se leggete la storia intitolata “Fiocchi fantasma nel paese senza nome” conoscerete alcuni dei sogni più belli dei bambini, quelli espressi come desideri al nonno più amato che ci sia: “Caro Babbo Natale, quest'anno ti preghiamo di mandarci un bel sacco di neve Fantasma! Grazie infinite e un bacio!”.
Concludendo cari lettori, spero di avervi incuriosito ed un pochino emozionato con questa insolita recensione di un libro davvero speciale!
Buona lettura.



Liliana Sghettini
Dottore Commercialista. Appassionata lettrice, si avvicina alla scrittura con alcune pubblicazioni di racconti brevi e scritti epistolari.
Impegnata nella scuola come rappresentante dei genitori, si interessa di pedagogia, didattica e psicologia.
Scrive recensioni, racconti, poesie e favole in compagnia di sua figlia, fonte inesauribile di ispirazione oltre che compagna di lettura.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...