• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[GiroGiroTondo] "La stellina triste" di Alessandra Cesena, recensione di Liliana Sghettini (narrativa per l'infanzia 5+)

La-stellina-triste-Alessandra-Cesena-recensione

La stellina triste di Alessandra Cesena, Babelecub Inc., 2016. Narrativa per l'infanzia 5+, con traduzione in francese La petite étoile triste, FV Éditions, inglese e spagnola La Triste Estrellita, FV Éditions. 

Stella stellina, la notte si avvicina... 
Oh no, ragazzi, scusate. Ho sbagliato!
Questo è l'incipit della filastrocca più famosa d'Italia.
Oggi vorrei parlarvi si di una stella, e non quella della filastrocca, ma di una povera stellina triste. E sapete perché è triste? Perché lei brilla, ma non come vorrebbe...
“Ma perché non posso brillare come la Stella Polare” si domandava la protagonista della favola di Alessandra Cesana “La stellina triste”, Babelecub Inc.
Beh sì, avete ragione, effettivamente è un po' vanitosa, però ascoltate la sua storia e mi saprete dire cosa ne pensate.
Tutti vorremmo essere belli, simpatici, importanti però può accadere che, troppo concentrati sull'essere “qualcosa”, perdiamo di vista ciò che siamo veramente. Ci avevate mai pensato? E alla nostra stellina stava accadendo proprio questo.

L'invidia e la tristezza stavano facendo indebolire la sua luce...
E più provava invidia e più si indeboliva.
Un giorno sentendo due bimbi che volevano ammirare dal loro balcone la Stella Polare provò così tanto dolore che stava quasi spegnendosi.
Poi incontrò la Luna che vedendola triste cercò di consolarla. Tentò dicendole che tutte le stelle sono importanti, che tutte brillano e che senza ciascuna di loro il cielo di notte non potrebbe accendersi, ma poi smise di parlarle perché si accorse che la stellina era inconsolabile. Non voleva sentire ragioni e continuava a paragonarsi alla Stella Polare diventando sempre più triste.
Un giorno però accadde una cosa: un bambino in viaggio su di un aereo di notte non riusciva a dormire e sua madre gli consigliò di guardare il cielo e di contare tutte le stelle che riusciva a vedere. D'improvviso accadde che...

La-stellina-triste-Alessandra-Cesena

La stellina triste

di Alessandra Cesena
Babelcube Inc.
ebook 1,99€  Acquista

Narrativa per ragazzi età consigliata 5+

Hey aspettate vi ho detto troppo, dovete continuare voi leggendo la fiaba di Alessandra Cesana “La stellina triste” e scoprirete che fine farà la stella.
Cari bambini questa è una storia dolce e delicata come panna montata, fresca come fiocco di neve e preziosa come diamante per la sua morale.
Vi consiglio di leggerla insieme con i vostri genitori perché sarà bellissimo, anche grazie alle illustrazioni di Onesimo Calavidas calde e accoglienti come un abbraccio.
Allora buona lettura e a presto!


Traduzione francese di Ilaria Biondi

Traduzione-francese-Ilaria-Biondi

Ilaria Biondi, si laurea in Lingue e Letterature Straniere presso l’Università di Bologna. Durante il Dottorato di Ricerca in Letterature Comparate vive per lunghi periodi in Francia, dove approfondisce la conoscenza della lingua francese. Si occupa di traduzione letteraria e critica della traduzione, di letteratura francese e belga (in lingua francese) e letteratura tedesca dell’Ottocento. È appassionata di letteratura fantastica , science-fiction, letteratura al femminile, di viaggio, per l’infanzia e poesia.
Raymond Radiguet. Giovinezza perduta, eterna giovinezza, Delta Editrice.

Petite étoile chérie, la nuit est presqu’ici…
Oh mon Dieu, les enfants, excusez-moi, je me suis trompée! C’est là le début de la comptine italienne la plus célèbre.
Aujourd’hui j’aimerais vous parler d’une étoile, non pas de celle de la comptine, mais d’une pauvre, petite étoile triste.
Savez-vous pourquoi elle est triste? Parce qu’elle brille, mais non pas autant qu’elle le voudrait…
"Mais pourquoi ne puis-je pas briller comme l’Etoile Polaire?" se demandait l’étoile de la fable d’Alessandra Cesana La petite étoile triste, FV Éditions.
Eh bein oui… il faut admettre que vous avez raison, elle est bien un peu vaniteuse, mais je vous demande d’écouter son histoire et après vous pourrez me dire ce que vous en pensez là-dessus.
Nous voudrions tous être beaux, sympas, importants. Mais il se peut que, à force de nous concentrer sur le “quelquechose” que nous aimerions être, nous finissons par oublier ce que nous sommes vraiment.
Vous y avez jamais pensé? C’est ce qui arrivait à notre petite étoile.

La jalousie et la tristesse affaiblissaient de plus en plus sa lumière…
Et plus elle était jalouse, plus elle devenait faible.
Un jour qu’elle entenda deux enfants voulant admirer de leur balcon l’Etoile Polaire, elle en éprouva une telle douleur qu’elle faillit s’eteindre. Puis elle rencontra la lune qui, la voyant triste, chercha à la consoler.
La lune lui dit que toutes les étoiles sont de même importantes, qu’elles brillent toutes et que, sans chacune d’elles, le ciel ne pourrait pas s’allumer la nuit. Elle arrêta finalement de parler parce qu’elle s’aperçut que la petite étoile était inconsolabile.
Celle-ci ne voulait pas entendre raison et n’arrêtait pas de se comparer à l’Etoile Polaire en devenant de plus en plus triste…
Mais un jour il se passa une chose: un enfant qui voyageait en avion la nuit n’arrivait pas à dormir. Sa mère lui conseilla alors de regarder le ciel et de compter toutes les étoiles qu’il pouvait voir.
Tout d’un coup il arriva que…
Hey, attendez! Je vous ai trop révélé, c’est bien à vous de continuer à lire l’histoire de Alessandra Cesana La petite étoile triste et de découvrir ce qui va arriver à la petite étoile triste.
Chers enfants, c’est bien là une histoire douce et délicate comme de la crème fouttée, fraîche comme la neige et précieuse comme le diamant grâce à sa morale.
Je vous conseille de la lire avec vos parents. Vous verrez, ce sera magnifique, même grâce aux illustrations d’Onesimo Calavidas qui sont chaudes et accueillantes comme un câlin.
Je vous souhaite alors bonne lecture et… à bientôt!


Traduzione inglese di Rosaria Pepe

Traduzione-inglese-Rosaria-Pepe

Si divide fra Napoli che adora e Sydney dove riesce a concentrarsi su ciò che ama, la scrittura. Viaggiatrice inquieta e avida di storie, dopo la Maturità classica ha conseguito la laurea in Lingue e Letterature Straniere, seguita negli anni da una seconda laurea in Scienze Infermieristiche. Questo le ha permesso di realizzare un sogno: viaggiare per conoscere, comprendere e donare. Le emozioni, le sensazioni e le storie si sono accumulate rendendo difficile il trattenerle.

Star lights, Star bright, first star I see tonight…
Oh, sorry kids, I made a mistake! This is the beginning of a famous Italian nursery rhyme.
And yes, today I would like to talk about a star, but not the one of the nursery rhyme. This one is a poor, sad little star. Do you know why? Because she does not shine as much as she would like…
“Why can’t I twinkle like the North Star” asked the main character from Alessandra Cesana’s fairy tale “La stellina triste(The sad little star), Babelecub Inc. You’re right, she is a bit vain, but listen to her story and then you can tell me your thoughts.
All of us would like to be beautiful, nice and important. If we focus too much on being ‘something’, then we lose sight of what we really are. Have you ever thought about it? This is what was happening to our little star.

Envy and sadness were weakening her light…
The more she envied, the more she weakened.
One day, listening to two children who wanted to admire the North Star from their balcony, she felt so much pain that she almost faded away.
Then she met the Moon who tried to comfort her. She told her that every star is important, all of them shine and the sky could not light up at night without them. Then she stopped talking because she realized that the little star was inconsolable. She would not listen to reason and she kept on comparing herself to the North Star, becoming more and more sad…
One day something happened: a child was travelling on a plane at night and he could not sleep. His mother suggested him to count all the stars in the sky he could see. Suddenly, it happened…
Hey, wait, I told you tooooo much! You need to read the fairytale by Alessandra Cesana “The sad little star”  and you will discover what will happen to the sad her.
Dear children, this fairytale is sweet and delicate like whipped cream, fresh like a snowflake and precious like a diamond for its moral. I suggest reading it together with your parents because it will be beautiful thanks also to the illustrations by Onesimo Calavidas, warm and welcoming as an embrace.


Traduzione spagnola di Corrado Pastore

Estrella, estrellita, la noche se aproxima...
¡Oh, no, chicos me he equivocado! Éste es el incipit de uno de los refranes italianos más famosos... Hoy quiero hablar de una estrella pero no la del refrán, sino de una pobre estrellita triste. ¿Y sabéis por qué está triste? Porque no brilla como ella querría. 
"¿Por qué no puedo ser tan brillante como la estrella Polar?" se pregunta la estrellita del cuento de Alessandra Cesana, "La Triste Estrellita" FV Éditions. 
Bueno, tenéis razón, en efecto es un poquito vanidosa pero escuchad su historia y ya me diréis lo que pensáis. Todos queremos ser bellos, agradables e importantes pero a veces nos empeñamos en ser "algo" y perdemos de vista lo que realmente somos. ¿Os ha pasado alguna vez? Esto es exactamente lo que le pasaba a nuestra estrellita, la envidia y la tristeza consumían lentamente su luz. Y más envidia tenía más se consumía
Un día, la estrellita oyó a dos niños que querían admirar la estrella Polar desde una terraza y se puso tan triste que estuvo a punto de apagarse. 
Luego encontró la luna que quiso animarla, le dijo que todas las estrellas son importantes. Que todas brillan por igual y que sin cada una de ellas el cielo nocturno no se iluminaría, pero pronto vio que la estrellita era inconsolable. Ella no entendía las razones, siempre se comparaba con la estrella Polar y esto la ponía cada vez más triste. 
Pero un día pasa algo. Un niño que viajaba en avión no conseguía dormir y su madre le aconsejó mirar el cielo y contar las estrellas. De repente, pasa algo pero ya estoy diciendo demasiado. 
Tenéis que leer el cuento de Alessandra Cesana, "La Triste Estellita", para descubrir lo que le pasa a la estrellita triste. Queridos niños, esta historia es dulce y delicada como la nata montada, fresca como un copo de nieve y preciosa como un diamante, gracias a su moraleja. Os aconsejo leerla junto a vuestros padres, seguro que os divertiréis mucho. Y también gracias a las ilustraciones de Onésimo Colavidas, que resultan cálidas y acogedoras como un abrazo. Entonces, hasta pronto y ¡disfrutad de la lectura!.


Liliana-Sghettini

Liliana Sghettini
Dottore Commercialista. Appassionata lettrice, si avvicina alla scrittura con alcune pubblicazioni di racconti brevi e scritti epistolari.
Impegnata nella scuola come rappresentante dei genitori, si interessa di pedagogia, didattica e psicologia.
Scrive recensioni, racconti, poesie e favole in compagnia di sua figlia, fonte inesauribile di ispirazione oltre che compagna di lettura.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...