• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[GiroGiroTondo] “Visione di Emil” di Michelangelo Cannizzaro, recensione di Liliana Sghettini (narrativa per l'infanzia 10+)

Visione-di-Emil-Michelangelo-Cannizzaro

Visione di Emil di Michelangelo Cannizzaro, IlMioLibro, 2015. Emil ed Emily, due bambini accomunati dalla solitudine e dalla musica.

Oggi vi parlerò de Visione di Emil” di Michelangelo Cannizzaro, testo originale nel cui incipit l'autore ci accoglie con un “Somnio et vigilo”, preludio curioso e stuzzicante, trattandosi di una storia per ragazzi e non di un romanzo.
Emil ama il buio, la notte, strano vero? 
Siamo abituati, da genitori, a pensare che l'arrivo della sera sia un momento critico per tutti i bambini. Sarà perché il buio, anche nella tradizione letteraria, è spesso associato alla morte ma per Emil non è affatto così. Per lui è un momento prolifico, costruttivo, che lo rende sereno. La notte riesce a trovare pace perché si trova in compagnia di personaggi fantastici, accoglienti. Il giorno e la realtà quotidiana invece lo rendono triste:
Le sue emozioni si confondevano e non capiva se l’inferno era fuori o dentro le mura.
Emil è solo, i suoi genitori sono assenti e il suo adorato nonno, “a modo suo” gli tiene compagnia con il grammofono e le musiche del passato. A volte si rifugia in soffitta dove su di un vecchio cavalluccio a dondolo, tornando piccolo piccolo, ricorda le storie che il nonno raccontava.

Visione-di-Emil

Visione di Emil

di Michelangelo Cannizzaro
cartaceo 10,00€  Acquista

Narrativa per ragazzi età consigliata 10+

Ma “Visione di Emil”, è anche la storia di Emily, ragazzina prodigio che ama il pianoforte, passione che ha in comune con sua madre concertista sempre in viaggio. Emily si rifugia nella musica per affrontare con coraggio la sua grande solitudine
Ma cosa accomuna Emil ed Emily? 
Sicuramente la musica che entrambi amano, Emily suona il pianoforte ed Emil il flauto, “malinconico” strumento che accompagna le sue giornate. 
Ma a renderli “vicini” è anche un luogo, si tratta di una vecchia villa abbandonata sulla quale pendono storie del passato che Emily cercherà di approfondire anche per conoscere le origini della sua famiglia misteriosamente legate a quella vecchia dimora...
Questa storia parla, lo avrete capito, della solitudine e le visioni di due ragazzima anche di un mondo sospeso “tra sogno e realtà, lontano nel tempo, in una città di mare. Sfondo essenziale per tanto mistero sono le originali illustrazioni realizzate con colori pastello dalle tinte a volte tenui altre intense quasi a sottolineare il cambio di ritmo della narrazione. 
Visione di Emil” di Michelangelo Cannizaro, selfpublishing Ilmiolibro, è consigliato per un pubblico di bambini dai dieci anni in su, buona lettura!

Liliana-Sghettini

Liliana Sghettini
Dottore Commercialista. Appassionata lettrice, si avvicina alla scrittura con alcune pubblicazioni di racconti brevi e scritti epistolari.
Impegnata nella scuola come rappresentante dei genitori, si interessa di pedagogia, didattica e psicologia.
Scrive recensioni, racconti, poesie e favole in compagnia di sua figlia, fonte inesauribile di ispirazione oltre che compagna di lettura.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Blogger Comment
    Facebook Comment
    G+ Comment

0 commenti:

Posta un commento

Ti è piaciuto questo articolo? Allora faccelo sapere, il tuo feedback è per noi prezioso, grazie!