• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "Atropos" di Federico Betti, recensione di Giulia Mastrantoni

Libri-Atropos-Federico-Betti

Atropos di Federico Betti, StreetLib, 2015. Un thriller tutto italiano, un piccolo capolavoro del self-publishing.

Davide vive da solo in un appartamento a San Lazzaro di SavenaHa ucciso un bambino, perché la droga e l’alcol di una serata particolarmente movimentata gli hanno impedito di vedere il ragazzino che attraversava la strada. Non riesce a dimenticarlo.
Stefano è l’ispettore della centrale di Polizia a Bologna. 
Sta indagando sulla morta di Lucia Mistroni. Paolo, l’ex fidanzato, è il maggiore indiziato, ma la ragazza era solita ricevere telefonate minatorie da anonimi.
Mariolina riceve dei crisantemi, i fiori della morte. Ad averglieli inviati è Massimo, il suo ex fidanzato. Deceduto.
Quando Davide inizia la sequela legislativa per decidere del suo destino, però, qualcosa accade. Il suo cadavere viene ritrovato in cortile.
Nello stesso momento, Mariolina riceve un pacco contenente la fotografia di Massimo e un biglietto. Non le resta altro da fare che chiamare la polizia e chiedere un intervento immediato.
Ma che cosa si nasconde dietro alle vicende? Che cosa le lega? E quale sarà la soluzione ai misteri che vanno infittendosi?
Stefano inizia a sospettare che sia un serial killer, la figura responsabile dell’accaduto. Eppure, il suo principale indiziato viene trovato morto...
Le storie di questi personaggi si intrecciano in un thriller tutto italiano che tiene con il fiato sospeso dalla prima all’ultima pagina. Ricco nella trama, preciso nella scrittura e scorrevole nello stile, Atropos di Federico Betti è un piccolo capolavoro del self-publishing da divorare.

recensione-"Atropos" di Federico Betti

Atropos

Una donna viene trovata morta e si pensa che possa trattarsi di omicidio.
Iniziano le indagini, ma la polizia pare essere in un vicolo cieco.
Poco dopo, la stessa sorte tocca ad altre persone e così si scoprono particolari in comune.
L'idea del serial killer salta subito alla mente degli inquirenti, finché anche il più probabile colpevole viene trovato ucciso, freddato da un colpo di arma da fuoco.
L'ispettore Zamagni e l'agente Finocchi perdono ogni certezza, fino a quando non ricevono una confessione che porrà il caso sotto una nuova luce.
Un thriller pieno di colpi di scena, che terrà il lettore in tensione fino ad un inaspettato epilogo.

di Federico Betti | StreetLib | Thriller
ISBN 978-6050492927
ebook 0,99€ Acquista | cartaceo 11,07€



Giulia Mastrantoni
Da quattro anni collaboro all’inserto Scuola del Messaggero Veneto, scrivo per il mash up online SugarPulp e per la rivista dell’Università di Trieste Sconfinare.
Dopo aver trascorso un periodo in Inghilterra, ho iniziato un periodo di studi in Canada, ma, dovunque sia, scrivo.
Misteri di una notte d’estate, ed. Montag.
One Little Girl – From Italy to Canada, eBook selfpublished.
Veronica è mia, Pensi Edizioni.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...