• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "Giulia, una donna fra due papi" di Silvia Lorusso Del Linz, recensione di Elena Genero Santoro

recensione-Giulia-una-donna-fra-due-papi-Silvia-Lorusso-Del-Linz

Giulia, una donna fra due papi di Silvia Lorusso Del Linz, Parallelo45, 2013. Finalmente dietro la storia e la leggenda della Sponsa Christi, appare la donna: Giulia Farnese.

Alla fine del Quattrocento, Giulia Farnese detta la Bella viene fatta sposare con Orsino Orsini, che nemmeno conosce. Ma il suo è un matrimonio di facciata. Il fratello di Giulia, Alessandro, ha delle mire nella carriera ecclesiastica e quindi lei, appena quindicenne, diventa l’amante ufficiale del Cardinale Rodrigo Borgia, che diverrà in seguito un pontefice potente e spietato.
Quando Giulia diventa la sua amante, Rodrigo Borgia, descritto come un uomo possessivo e pieno di sé, ha già cinquantotto anni e almeno quattro figli, di cui una, la più nota alle cronache, è Lucrezia, che è poco più che una bambina.
Giulia e Lucrezia stringono un legame speciale. Lucrezia, come lei, patisce il carisma di Rodrigo. Insieme a loro Adriana, cugina del papa, di cui subisce il fascino, nonché madre di Orsino. Adriana per compiacere Rodrigo sacrifica persino la felicità del figlio e porge la nuora come amante al pontefice.
Il libro è quasi una cronaca, uno spaccato degli usi e dei costumi dell’epoca. Le atmosfere, gli eventi, l’abbigliamento, sono tutti descritti con dovizia di dettagli. Il papa non ha alcuna aspirazione spirituale, ma è un uomo fiero della sua virilità, che si vanta della sua vitalità sessuale nonostante gli anni e la sua unica preoccupazione è il potere e la distruzione dei nemici, che non esita a fare uccidere, preferibilmente avvelenati.
Altrettanto promiscui gli altri cardinali, dediti ai vizi e ai piaceri carnali, ubriachi di ambizione. Dio non compare da nessuna parte.
Giulia, è una donna che non ha mai potuto scegliere, schiacciata tra le personalità e gli intrighi di Rodrigo e del fratello Alessandro, che erano uomini abituati a decidere. Però nel tempo si affeziona al marito e vorrebbe condurre una vita famigliare normale. Ci riuscirà?
La ricerca storica è accurata, la scrittura è elegante.

libro-Giulia-una-donna-fra-due-papi-Silvia-Lorusso-Del-Linz

Giulia, una donna fra due papi

Allontanata da Roma dal fratello Alessandro dopo la morte di Rodrigo Borgia, ovvero papa Alessandro VI, Giulia Farnese ricorda gli avvenimenti che hanno caratterizzato la sua esistenza, ciò che l’ha portata ad essere ricordata come uno dei personaggi più controversi e affascinanti della Storia. Il libro si snoda partendo dall’incontro che ha segnato per sempre la vita della allora quindicenne Giulia: il ricevimento dato dal cardinale Rodrigo Borgia.
Finalmente dietro la storia e la leggenda della Sponsa Christi, appare la donna: Giulia Farnese. Un ritratto inedito e profondo di una figura femminile al centro di intrighi e trame di potere, che non si è sottratta al proprio destino, ma l’ha voluto vivere da protagonista e non da vittima. Bella, elegante, raffinata, questo ritratto le restituisce quella intensa umanità, che nessuno degli uomini che la possedevano, per folle desiderio, diritto familiare e amore coniugale (il cardinale e poi papa Rodrigo Borgia, l’ambizioso fratello Alessandro, il marito per procura Orsini) le poteva togliere.

di Silvia Lorusso Del Linz | Parallelo45 | Romanzo storico
ISBN 978-8898440016 | cartaceo 10,20€ | ebook 4,99€ Acquista
gli-scrittori-della-porta-accanto

Elena Genero Santoro
Ama viaggiare e conoscere persone che vivono in altri Paesi. Lettrice feroce e onnivora, scrive da quando aveva quattordici anni.
Perché ne sono innamorata, Montag
L’occasione di una vita, ebook Lettere Animate
Un errore di gioventù, 0111 Edizioni
Gli Angeli del Bar di Fronte, 0111 Edizioni.
Il tesoro dentro, 0111 Edizioni.

About Elena Genero Santoro

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...