• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "Il sogno di Giulia" di Claudia Gerini, recensione di Valentina Gerini

recensione-Il-sogno-d-Giulia-Claudia-Gerini

Il sogno di Giulia di Claudia Gerini, Lettere Animate, 2016. Vivere ai Caraibi, la storia di una donna che molla tutto e ricomincia una vita a Santo Domingo.

Ad essere onesti devo fare una premessa: Claudia Gerini è una persona a me cara, che conosco molto bene. Di conseguenza il suo romanzo d'esordio l'ho visto nascere, crescere e maturare. L'ho letto e riletto, criticato (non sapete quante volte!), corretto e ricorretto prima della pubblicazione, avvenuta con Lettere Animate. C'è da aggiungere anche che la storia da lei narrata è legata al mio romanzo, La notte delle stelle cadenti, sempre edito da Lettere Animate.
Infatti le protagoniste dei due romanzi sono sorelle... proprio come noi lo siamo nella realtà!
La cosa non è stata progettata, come si potrebbe pensare di primo acchito, ma è nata da sola. Così, per caso, un romanzo dopo l'altro hanno preso forma. Dopo aver letto il mio romance, Claudia Gerini ha avuto l'ispirazione per scrivere la sua storia, Il sogno di Giulia.
Detto questo, la recensione che segue è la più obiettiva che sia riuscita a fare.
Il romanzo è fresco, semplice, genuino, scritto con un linguaggio scorrevole, moderno e senza fronzoli.
Giulia è una donna come tante: quarantenne, divorziata, con un figlio adolescente e un nuovo compagno di vita a fianco, un lavoro a tempo indeterminato ma tanto noioso, un mutuo da pagare assieme ad un infinità di tasse e bollette e un paese che non riconosce più.
Determinata a cambiare la sua vita, a cercare la felicità altrove, Giulia convince il suo compagno e suo figlio a trasferirsi all'estero, ai Caraibi, precisamente a Santo Domingo. Lì sua sorella Sara vive ormai da qualche anno con un dominicano conosciuto in uno dei suoi tanti viaggi in giro per il mondo, ha un'agenzia turistica e una figlia adottiva stupenda.
Giulia sogna da tempo di poter raggiungere la sorella e quando finalmente ci riesce ancora non ci crede. A Santo Domingo deve ricominciare da capo. Deve trovarsi un lavoro, una casa, ricostruire una vita di sana pianta. Ma la cosa non la spaventa, decisa com'è a farcela.
Ai Caraibi le cose non sono sempre tutte rose e fiori, nonostante il sole splenda tutto l'anno e la temperatura non scenda mai sotto i 22 gradi. E, come si dice, è proprio quando il gioco si fa duro che i duri cominciano a giocare...

Un romance breve, ben scritto, sobrio e ben impostato. 

A mio parere risulta anche buona l'alternanza tra la narrazione, in terza persona, i dialoghi e le descrizioni dei luoghi e dei paesaggi. Sono un po' carenti, invece, le descrizioni fisiche dei personaggi ma sono certa che Claudia Gerini possa, in questo caso specifico, migliorare e arricchire i suoi nuovi scritti così da accontentare anche coloro che necessitano di una dritta ben definita per l'immaginazione di un personaggio.
La lettura è piacevole e porta il lettore a viaggiare, sognando il mare cristallino dei Caraibi, e a considerare che forse, anche quando tutto sembra perduto, le cose possono sempre cambiare. Giulia, poi, è un esempio da seguire: madre esemplare ma anche donna sensibile, tenace e intraprendente. Una persona che decide di cambiare la sua vita e fa di tutto per riuscirci.
Il sogno di Giulia è una lettura adatta per l'estate, ormai giunta al termine, o per la domenica. Qualche ora tra le pagine di questo libro e si è già catapultati sulle spiagge di Santo Domingo e allora il sogno di Giulia diventa un po' il sogno di tutti.

Il-sogno-di-Giulia-Claudia-Gerini-libro-cover

Il sogno di Giulia

La voglia di ricominciare a credere in qualcosa, il sogno di una vita, la determinazione e la forza di una donna. Tutto questo porta Giulia, quarantenne ormai disillusa della vita, il suo compagno, Bizio, e il figlio a mollare tutto per tentare la sorte. Dall'Italia in piena crisi economica ai Caraibi della Repubblica Dominicana, i tre raggiungono la sorella di Giulia, Sara, che lì si è stabilita. Un viaggio dall'altra parte del mondo, in un luogo così diverso da quello che fino ad allora era stato il suo mondo. Ma è proprio quando tutto sembra perso che ci si accorge che i sogni a volte diventano realtà.
Questo romanzo è legato a un altro: Giulia è la sorella di Sara, la protagonista di La notte delle stelle cadenti, di Valentina Gerini, Edizioni Lettere Animate. Il sogno di Giulia, tuttavia, non ne è un sequel né tanto meno un prequel. Si tratta di due storie intrecciate, narrate da due punti di vista differenti.

di Claudia Gerini | Lettere Animate | Romance, letteratura di viaggio
ASIN B01G4OMRU | ebook 1,49€ Acquista
Valentina-Gerini

Valentina Gerini
Dopo la maturità scientifica e uno studio approfondito della lingua inglese inizia a lavorare all’estero. Le sue più grandi passioni sono i viaggi e la scrittura. Dei viaggi ne ha fatto la sua professione, diventando accompagnatrice turistica; della scrittura il suo hobby, occupandosi degli articoli di copertina per un mensile dedicato alle storie di paese.
Volevo un marito nero, 0111Edizioni.
La notte delle stelle cadenti, Lettere Animate.

About Valentina Gerini

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...