• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "Malgré-Nous. Contro la nostra volontà" di Caroline Fabre-Rousseau, pagina 69 #53

Libri-Malgré-Nous-Contro-la-nostra-volont-Caroline-Fabre-Rousseau-pagina-69

Malgré-Nous. Contro la nostra volontà di Caroline Fabre-Rousseau, Ensemble , 2016. Finalmente in Italia la saga familiare che ha fatto commuovere la Francia, grazie alla traduzione di Paola Casadei.

248 pagine | cartaceo 12,75€  Acquista

Pierre aveva un piccolo cavallo nervoso che montava con flemma e autorità. Non lo stancava inutilmente e sapeva sferzarlo al momento opportuno. Le partenze folgoranti, le frenate brusche e i dietro front al galoppo erano spettacolari. Raccoglieva la palla al suolo con agilità e segnò due gol per la sua squadra, ma allo stesso modo sapeva farsi da parte far avanzare i compagni. Dominique si ricordò che l'horse-ball era un’invenzione argentina, cosa che spiegava forse la fluidità dei movimenti di questi cavalieri, e amche una certa sensualità. Pierre aveva una straordinaria vitalità e non mostrava alcun segno di fatica. Lei lasciò il campo quasi a malincuore per andare alla sua lezione.
Si ritrovarono più tardi. Lei si tolse l’elmetto e sentì di avere i capelli sudati per lo sforzo. Moriva di sete e si gettò sotto il rubinetto della scuderia. Si spruzzò copiosamente e, asciugandosi le mani sui pantaloni, tornò al box. Pierre spazzolava il cavallo, parlandogli con dolcezza.
«Ma è tutta bagnata! Cos’ha fatto? Sembra un bambino che ne ha combinata una delle sue!».
Lei si accorse che la sua maglietta bagnata la modellava e che il cotone bianco era diventato trasparente. Confusa, incrociò le braccia davanti al seno e si sentì nuda.
«Potrebbe dirmi dove posso cambiarmi e fare una doccia?».
«Sarebbe meglio andare a casa mia, perché qui non ci sono che lavandini».
Lei si sentì presa dal panico.
«Non potrebbe piuttosto riaccompagnarmi a casa?»
«Abito qui vicino e ho una camera per gli ospiti con un bagno privato, con degli asciugamani puliti. Ho anche del sapone! Se non passa troppo tempo sotto la doccia saremo in orario per l’aperitivo».
Lei era terribilmente imbarazzata e tremava dal freddo. Si imbacuccò nel giubbotto ed entrò in macchina.

~ 69 ~

Quarta di copertina
"Malgré-Nous. Contro la nostra volontà" di Caroline Fabre-Rousseau (trad. dal francese Paola Casadei).

Un romanzo di grande attualità che attraversa le generazioni, cercando nei chiaroscuri del passato le risposte per comprendere e affrontare il presente. Finalmente in Italia la saga familiare che ha fatto commuovere la Francia, grazie alla traduzione di Paola Casadei.
"E del resto, si può vivere senza soffrire? Non credo. Allora, che sia almeno per qualcosa per cui ne valga la pena, guardando in faccia l'obbiettivo e senza sbagliare traiettoria."
Una famiglia di Montpellier. apparentemente felice, è prigioniera di un pesante segreto che risale ai tempi della guerra: il nonno Marcel fu un malgré-nous, uno degli alsaziani costretti ad arruolarsi nell'esercito tedesco durante l'occupazione nazista.
Ma è proprio questa tutta la verità?
A sconvolgere gli equilibri della famiglia Mullet saranno uno spartito musicale e un incontro casuale.
La musica, vera protagonista del romanzo, permette ai personaggi di liberarsi degli antichi fardelli che li attanagliano dando vita a una narrazione unica e strumentale, come fosse una partitura.


Leggi le altre pagine 69:


About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...