• Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scritri della accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto
  • Gli scrittori della porta accanto

In primo piano

[Libri] "Sostanze In Fiera" di Francesco Azzirri, recensione di Samantha Terrasi

Libri-Sostanze-In-Fiera-Francesco-Azzirri-recensione

Sostanze In Fiera di Francesco Azzirri, Eretica Edizioni, 2015. La poesia come anima e passaggio tra gli elementi aria, fuoco, acqua e terra.

È un’entrata in un mondo pacato ma illusorio, “ferri e bulloni che disegnano aquiloni”. La poesia è anima e passaggio tra i diversi elementi. Aria, fuoco, acqua e terra. È la riva del lago e la sua barca ritrovata sepolta nel fondo.
Francesco Azzirri disegna, in Sostanze In Fiera, Eretica Edizioni 2015, un ritmo, cantilenando le rime per portarci su un’altalena. Si spinge dove il pugile sta per combattere, un attimo prima della lotta, prima del sudore, dove le lacrime possono scendere. La poesia nella silloge è “un fantasma che si riscopre attore”. Si può mettere una maschera all'inconsistenza? Il tempo è un rintocco, un fragore che segna l’assenza. L’attesa. La morte è un alone grigio, è mancanza di sostanza che come il tempo corre, ma rimane incastrata in un meccanismo che la replica all’infinito. In una fiera delle belle intenzioni.
Satellite
[…]
Luna rivendica
l’assenza dell’ombre
e di falci degradanti
- per l’umano deformante -
presenza mutilante.
[...]
Siamo fatti di metà. La morte può essere inconsistente o strapparci alla mancanza della nostra parte difettosa. Siamo creature isolate e solitarie dove il corpo è un involucro da riempire. In tutta la silloge si rincorre questo concetto che si accomoda tra le strofe trovando una forma. È un cuore che inonda e trasborda. Un corpo che ha occhi anche per le anime in torto che cercano conforto, perché l’essere esposti, trafigge. Gli esseri umani sono in mostra come in un mercato, possono nascondersi dentro l’ansia o dietro un velo di indifferenza ma è lì, su quello scalino, che sono nudi e pronti per essere divorati.

Il poeta mescola la sensazione del tempo, gli elementi architettonici, lo scheletro delle illusioni. 

I ricordi sono ombre che il tempo lascia incustodite. Le colpe possono essere distanze da inseguire. E quando tutto volteggia, arde il fuoco. Pagliacci, la poesia che rappresenta l’anima screziata della seconda parte della silloge.
Pagliaccio
La mia essenza mi osserva
ombra discreta
critico esitante
fantoccio mi rivela.
È l’animo perplesso
che non si riconosce
di fronte a quel riflesso.
E l’animo allo specchio
di fronte a quel buffone
s’abbraccia e si commuove.

E come in un circo equilibristi, peccatori e saltatori si danno il cambio. Ma cosa ci fa un giovane poeta tra questi danzatori? 

Sguaina spade contro chi non si cura di quello che scrive. E mentre il fuoco si assottiglia l’acqua scorre. “Simili a nuvole che velano stelle / le sue ali ci nascondono / dalla faccia piangente del mondo”. L’acqua è l’esodo liquido, la notte senza sonno. È il tempo che scorre alle spalle, che fugge veloce dal giorno. Il poeta rincorre qualcosa e lo fa scegliendo proprio l’elemento acqua, è la primavera, il rosso, l’amore. È il tempo che non ritorna. È una lacrima inattesa che trasforma la terra in Momenti.
Essere felici
è arte.
Consiste
nello spiccare alti.
La silloge vuole quasi accomiatarsi con gentilezza lasciando un monito. Attenzione: la bellezza non è una parola allo specchio che loda la vostra bruttura mascherata. La terra è verità. È l’autunno dove le foglie cadono e si posano. È un’alternanza di stagioni che respira e la fiera aspra e crudele si trasforma in una sostanza.

Sostanze-In-Fiera-Francesco-Azzirri

Sostanze In Fiera

In questa silloge troverete: tredici Creature, dalle più ultraterrene e surreali sino a quelle più vicine al nostro mondo, otto Buffoni che provano ad esistere, dieci Vagiti e tremori, ovvero ricordi, sensazioni e tumulti, infine otto Momenti, istantanee, pensieri, fotografie mentali. Ognuna di queste sezioni è dominata da uno dei quattro elementi: le sostanze basiche. Sono state da me raccolte sotto il nome di Sostanze In Fiera in quanto, avendo ognuna raggiunto un’immagine distintiva, d’essenza, mi sono altresì apparse come delle fiere, tanto impalpabili quanto presenti. In fiera rimanda inoltre ad una mia allucinazione: quella di vederle sfilare, pagina dopo pagina, per delle piazze di un paese immaginario.

Francesco Azzirri vive e lavora a Prato. Per Eretica Edizioni ha pubblicato la raccolta di poesie Sostanze In Fiera (2015) e 1101 (2016), libro composto da immagini e poesie, nato dalla collaborazione con il pittore modenese Sergio Padovani. Altre sue opere, racconti e poesie, sono presenti in antologie edite da Giulio Perrone Editore, dalla Montedit e dalla Fondazione Mario Luzi.

di Francesco Azzirri | Eretica Edizioni | Poesia
ISBN 978-8899466718 | cartaceo 13,00€ Acquista (promo 9,90€ sul sito Eretica Ed.)

samantha-terrasi

Samantha Terrasi
Vivo tra Torino e Roma, dove sono nata. Mia nonna avrebbe voluto che mi chiamassi Maria Concetta, ma per fortuna mio padre di ritorno da un viaggio negli States mi ha chiamato Samantha, rigorosamente con la h. Formazione scientifica, una laurea in biologia molecolare per poi scegliere di tramandare il mio sapere agli studenti. Sono una professoressa di matematica e scienze senza occhiali e quando non mi trovo tra equazioni e studenti, scrivo.
Parole nel vento, Aletti Editore, 2012.
Ti aspetto, Lupo Editore.

About Stefania Bergo

Il blog culturale degli scrittori emergenti: letteratura, webmagazine, travel&living, arte, promozioni speciali e servizi editoriali.
    Commenta con Blogger
    Commenta con Facebook

0 commenti:

Posta un commento

Ti siamo davvero riconoscenti per il tempo che ci hai dedicato. Se sei stato bene in nostra compagnia, perché non ci lasci un commento o ci offri un caffè? Grazie!

Breaking News

Dal nostro archivio

La Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze, per dire basta alle spose bambine, una rivoluzione (arancione) necessaria, di Stefania Bergo

Oggi si celebra in tutto il mondo la V Giornata Internazionale delle bambine e delle ragazze . Una giornata di sensibilizzazione, per il d...